Opinione: “La fluificazione della corona è un’idea disastrosa”

L'idea che

L’idea che “tutti si ammalano di corona a un certo punto” rappresenta un grave rischio per i malati cronici e i disabili.Beld SOPA Images/LightRocket tramite Getty

In questi mesi sembra delinearsi uno scenario sperato: in molti casi, la nuova variante del virus porta di fatto a un decorso più mite della malattia. Ci sono persino voci per fare del corona un’influenza stagionale, come quella di Barbara Baarsma (tra gli altri).NRC, 13 gennaio), noto al gruppo Herstel NL.

Eppure l’idea di “fluidificare” la corona predice il suo stesso esito disastroso, poiché significa interrompere la personalizzazione per mantenere il numero di infezioni il più basso possibile e iniziare a vedere malattie gravi e morte per un gruppo di persone molto più ampio del normale. . Penseremo che ne fa parte. Che, come si suol dire, un giorno lo avranno tutti.

L'”influenza” del Covid-19 mostra una visione estremamente ristretta della società. Per un vasto gruppo di persone, vivere normalmente con 35.000 contagi non è un’opzione: un gruppo si ammala improvvisamente gravemente e un anno dopo i contagi soffre ancora di una disabilità e un altro gruppo, il cosiddetto “gruppo a rischio”, sa che dopo un contagio da corona non è più “normale” da molto tempo, con tutti i rischi esistenziali che comporta.

Loro, o dovrei dire noi, sappiamo anche, contrariamente a quanto suggerisce Herstel NL, che le cure si interromperanno se c’è un numero maggiore di infezioni a causa della mancanza di personale. Vediamo il rinvio degli appuntamenti, delle operazioni e delle cure ospedaliere, con conseguenti danni alla salute prevenibili e permanenti. Inoltre, circa 700.000 persone sanno, ha affermato Jaap van Dissel lo scorso agosto, che il loro sistema immunitario non ha ancora prodotto anticorpi contro il virus dopo due vaccinazioni. Nonostante un promemoria, non possiamo lasciarlo andare.

READ  Paziente critico di Covid in assistenza ventilatoria: pronazione

Fattore di flusso basso

La filosofa americana Judith Butler ha scritto nel 2020 sui deboli rimostrabilità, il fattore di lutto, del gruppo di rischio. Usa esempi per mostrare che giudichiamo la morte o la sofferenza di alcuni gruppi di persone nella nostra società in modo diverso perché tendiamo a piangere coloro che sono più simili a noi. Se riusciamo a rilevare una differenza tra noi e l’altro, ci preoccupiamo meno della morte o della sofferenza dell’altro, perché possiamo capire perché l’altra persona è fondamentalmente diversa da noi.

Butler descrive appropriatamente ciò che abbiamo vissuto nel gruppo a rischio. Durante la pandemia, ci è stato detto che fino a marzo 2020 eravamo stati “fortunati”, visti i tempi extra della scienza medica, ma ora eravamo “legno secco”. La nostra morte polmonare o covid è (quindi ne ho sentito parlare abbastanza) una “correzione naturale”. E questo mentre manteniamo le distanze e chiediamo ancora gli autotest.

Quando scriviamo o parliamo dell’efficacia dei vaccini in relazione a decessi e ricoveri in terapia intensiva, la nostra malattia non è un argomento per parlare di un effetto negativo dell’iniezione. Ci siamo rivelati anormali, non un virus la cui origine non è stata nemmeno stabilita. il rimostrabilità Mentre giornali e TV parlano di “fluificazione”, tassi di contagio e contagio estremamente alti fanno paura tra noi, il gruppo molti dei quali ha il virus a causa del rigoroso rispetto delle regole fuori casa è riuscito a mantenere.

Con oltre 35.000 infezioni al giorno, la paura della primavera 2020 è completamente tornata. “Flue” significa per noi un nuovo isolamento o una contaminazione quasi certa e il rinvio delle cure necessarie per mancanza di personale. Un decorso più mite della malattia con un rischio di infezione molto più elevato per noi non è affatto una manna dal cielo, proprio perché il rischio di ammalarsi gravemente è molto maggiore e più incontrollabile.

Salute mentale per tutti

Questa richiesta non significa che io, o il mio gruppo, siamo contrari al rilassamento. Il nostro gruppo, i disabili ei malati cronici, è solidale con la sofferenza degli altri. Non vediamo coloro che vogliono chiudere il mondo per la nostra salute, come a volte viene suggerito, ma vediamo l’importanza della salute mentale per tutti.

Solidarietà significa che l’educazione deve rimanere aperta e che ci deve essere sostegno a ciò che non si può aprire, ma questo non significa l’abbandono delle misure o una “solidarietà degli anziani con i giovani”. La vita umana, in tutte le sue forme, non è così semplice. Gli anziani ei giovani vivono insieme e le persone con disabilità o malattie croniche vivono e lavorano (felicemente) con altre persone, si prendono cura di qualcuno o hanno bisogno delle cure di qualcuno. Quindi direi che ti consideri fortunato se il corona si rivela essere come l’influenza per te.

Toon Meijaard (27) sta facendo un master di ricerca in filosofia all'Università di Amsterdam e scrive del ruolo della malattia e della disabilità nella nostra società.  Ha un disturbo immunitario.  Statua

Toon Meijaard (27) sta facendo un master di ricerca in filosofia all’Università di Amsterdam e scrive del ruolo della malattia e della disabilità nella nostra società. Ha un disturbo immunitario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *