Parti dell’approccio antimafia italiano possono essere utilizzate anche nei Paesi Bassi, mostra una ricerca

Parti dell’approccio antimafia italiano possono essere utilizzate anche nei Paesi Bassi, mostra una ricerca

L’Italia è una fonte di ispirazione così importante per la lotta alla criminalità organizzata che il Ministro della Giustizia Dilan Yesilgöz (VVD) e il Ministro della Tutela Legale Franc Weerwind (D66) vi hanno fatto visita lo scorso anno di lavoro. E non sono soli. Funzionari pubblici e ufficiali giudiziari si sono recati in Italia, così come il deputato del VVD Ulysses Ellian, che è andato a vedere cosa i Paesi Bassi potevano imparare dagli italiani. Si dice che la criminalità organizzata sia cresciuta nei Paesi Bassi a tal punto che una variante dell’approccio mafioso italiano potrebbe offrire una soluzione.

A differenza delle visite di breve durata di politici e funzionari pubblici, la ricercatrice Laura Peters dell’Università di Groningen si è immersa per un anno nella legislazione e nell’approccio antimafia italiani. Ha visitato le città di Roma, Napoli e Palermo e ha incontrato, tra gli altri, avvocati, magistrati e vertici della pubblica amministrazione.

Regime carcerario rigoroso

La ricerca dell’avvocato dottorando, che parla italiano, sarà pubblicata questo mercoledì. Commissionata dall’istituto scientifico WODC del Ministero della giustizia e della sicurezza, ha scritto su ciò che i Paesi Bassi possono imparare dall’approccio mafioso. Il rigido regime carcerario italiano 41bis, compreso il completo isolamento del detenuto, non è stato incluso nella sua ricerca: è attualmente in fase di mappatura da parte di altri scienziati.

I risultati della ricerca: Il sistema antimafia italiano non è sicuramente testa a testa con il sistema olandese. Le misure in Italia sono troppo specifiche per la cultura criminale italiana per questo, ei sistemi di giustizia penale dei due paesi sono troppo diversi. Tuttavia, alcune misure italiane possono essere fonte di ispirazione per i Paesi Bassi.

L’accordo di coalizione prevedeva già che il gabinetto volesse apprendere “le lezioni della lotta alla mafia in Italia” e la ricerca di Peters è considerata un importante contributo scientifico.

READ  Azzinano, paese di montagna “ingenuo” dell'Abruzzo

Il coordinamento dell’approccio alla criminalità grave è menzionato nella relazione come uno degli aspetti più importanti. L’Italia dispone di una Procura nazionale antimafia che coordina le indagini penali sulle organizzazioni mafiose condotte dalle diverse procure, nonché la condivisione dei dati tra di esse. I Paesi Bassi hanno ancora troppo poco di un tale approccio nazionale, secondo il rapporto. “È molto frammentato qui”, dice il ricercatore Peters quando gli viene chiesto.


Leggi anche Il regime dei testimoni della Corona dovrebbe essere ampliato?

Coordinamento nazionale

Nei Paesi Bassi, la lotta contro i reati gravi è responsabilità sia dei procuratori nazionali che dei procuratori regionali distinti. “Se vuoi formare un fronte contro gravi eccessi di criminalità, devi assicurarti che le informazioni siano coordinate a livello nazionale”, afferma Peters.

A livello di polizia, i Paesi Bassi possono già scambiarsi molte informazioni, ma a livello di procura ne vengono condivise molte meno rispetto all’Italia. Un organismo di coordinamento nazionale con potere decisionale sull’esempio italiano potrebbe aiutare.

Un’altra fonte di ispirazione è il sistema italiano dei testimoni della corona. Nei Paesi Bassi, è stato criticato a seguito del rapporto dell’Ufficio di sicurezza olandese (OVV) sugli omicidi del fratello del testimone dell’accusa Nabil B., del suo avvocato Derk Wiersum e del consigliere confidenziale Peter R. de Vries.

Sebbene a volte ci siano problemi in Italia con la protezione dei testimoni della corona e dei loro parenti, la ricerca di Peters mostra che il sistema dei testimoni della corona in Italia è molto più ben congegnato e ha quadri giuridici rigidi.

In Italia, ad esempio, un testimone chiave può non avere contatti con la sua famiglia durante la prima fase e deve rendere una dichiarazione utilizzabile entro 180 giorni. La violazione delle condizioni comporta la cessazione del processo di testimonianza della Corona. La tutela del testimone chiave è svincolata dagli impegni ed è affidata a un’apposita commissione.

READ  Pesanti multe minacciano le coppie italiane che usano surrogati fuori dall'Italia

Ciò può porre il testimone della Corona in tre diversi regimi protettivi. Nel regime più duro, ottiene un’identità diversa.

Nel 2022, in Italia, 892 testimoni dell’accusa sono caduti in regime di protezione. Per fare un confronto: i Paesi Bassi hanno schierato un testimone della corona circa 10 volte dalla balaustra del testimone della corona del 2006.

Leggi anche Giudice autorizza accordi con gli indagati sulla pena, “è rivoluzionario”

Molto ruota intorno ai soldi

Un altro aspetto importante dell’approccio antimafia italiano riguarda le finanze. L’Italia, infatti, dispone di un sistema generalizzato di sequestro preventivo in base al quale denaro e beni vengono confiscati se il proprietario, sospettato di costituire una minaccia per l’ordine pubblico, non ha una spiegazione plausibile sull’origine. Lo studio definisce questa “la parte più efficace della legge antimafia”.

Trarre spunto da questo arrangiamento italiano sembra superfluo. Lo studio ha recentemente inviato alla Camera dei rappresentanti un disegno di legge che consentirebbe la confisca dei beni criminali attraverso un procedimento civile, senza che sia preceduta una condanna per un reato penale.

Ma, conclude Peters nella sua ricerca, se i Paesi Bassi sono seriamente intenzionati a perseguire le reti della criminalità organizzata nel loro complesso, allora qualcosa deve cambiare anche nella catena della giustizia penale sovraccarica. I soliti mega-processi in Italia, in cui a volte vengono processati fino a un centinaio di indagati, sarebbero ora una forzatura eccessiva per la capacità limitata della giustizia. Una soluzione potrebbe essere l’applicazione più frequente di accordi procedurali, in cui l’accusa e la difesa si accordano su una domanda penale.

Lo stesso sistema giudiziario in Italia ha molta meno libertà di imporre pene detentive, ha visto Peters. Ad esempio, il paese prevede condanne minime per reati commessi in un contesto organizzato. I Paesi Bassi potrebbero imparare da questo, pensa Peters. “I pubblici ministeri ora trovano la condanna per la partecipazione a un’organizzazione criminale così debole che non vale lo sforzo di un’indagine”.

READ  I piloti delle due Ferrari cadute in Italia saranno multati solo di 87 euro

Ma, dice Peters, si tratta di una discussione fondamentale: “I nostri giudici sono meno aperti a condanne minime. Infine, si tratta anche di sensibilizzare i tribunali penali sul fenomeno con cui ci troviamo di fronte. C’è un profitto da fare lì. »

Leggi ancheL’approccio italiano funziona anche con la nostra mafia dei polder?

Guarda Cosa Nostra

L’Italia ha un cosiddetto “doppio binario” per la criminalità organizzata sovversiva. Se si dimostra che un gruppo appartiene alla mafia, alla polizia, tra gli altri, saranno concessi maggiori poteri. A breve termine, lo studio non prevede l’introduzione di tale procedura legale separata nei Paesi Bassi.

Peters ritiene che una disposizione penale speciale per affrontare più severamente la criminalità organizzata possa produrre risultati anche nei Paesi Bassi a lungo termine. Ma prima è necessario determinare quali strutture criminali nei Paesi Bassi pongono il problema maggiore e quali sono le caratteristiche specifiche di queste strutture.

L’Italia ha condotto un’analoga indagine su Cosa Nostra in Sicilia e, sulla base di essa, ha deciso varie misure, tra cui una legge speciale che prevede condanne minime più severe per i sospettati di mafia. Ricercatore Peters: “Se vuoi arrivare a un approccio fondamentalmente nuovo alla criminalità organizzata in questo modo, è necessaria un po’ più di ricerca sociologica. La storia italiana della mafia e della sua lotta contro di essa mostra la sua potenziale efficacia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *