Perché è necessario un altro colpo di corona?  Domande sul nuovo ciclo vaccinale

Perché è necessario un altro colpo di corona? Domande sul nuovo ciclo vaccinale

PAPÀ

Notizie ONSModificato

Questo autunno, tutti a partire dai 12 anni possono essere nuovamente vaccinati contro il coronavirus, ha affermato il ministro della Sanità pubblica Kuipers annunciato ieri. Alcune domande frequenti.

Perché è necessario questo nuovo ciclo di vaccinazioni?

Ministro Kuipers scritto alla Camera dei Deputati che ha principalmente ascoltato i consigli di OMT-V. Questo gruppo di esperti riferisce al Center for Infectious Disease Control, guidato da Jaap van Dissel, e fornisce consulenza al gabinetto sulle vaccinazioni. In Consigli gli esperti scrivono che si aspettano una nuova ondata di infezione questo autunno. Ciò tiene conto delle possibili nuove varianti del coronavirus, dell’effetto stagionale (con tempo più freddo trascorriamo più tempo al chiuso, il che facilita l’infezione reciproca) e della diminuzione dell’efficacia delle iniezioni corona precedenti.

Per le persone con più di 60 anni e le persone vulnerabili, la rivaccinazione riduce il rischio di ammalarsi gravemente o di morire. La vaccinazione delle persone di età superiore ai 12 anni deve innanzitutto garantire che non ci siano troppe persone che si ammalano contemporaneamente, in modo che sia disponibile troppo poco personale per gestire l’istruzione o l’economia, ad esempio.

L’anno scorso, la campagna di richiamo è iniziata solo in autunno, quando il numero di infezioni e ricoveri ospedalieri era già in rapido aumento. Il vaccinatore Ben van der Zeijst non è sorpreso che la pratica sia intervenuta all’inizio di quest’anno. “Se non hai i piani pronti ora, non sarai pronto per somministrare i vaccini a settembre”. Secondo lui, negli ultimi anni l’azienda è rimasta troppo spesso indietro e ha ipotizzato lo scenario più favorevole. “Ora sono puntuali e stanno valutando diversi scenari”.

READ  l'agenzia del reddito fisso nuove condizioni

Anche l’epidemiologa Alma Tostmann di Radboudumc a Nijmegen pensa che questa sia una decisione logica. “Se la campagna di vaccinazione fosse iniziata prima dell’inverno scorso, avrebbe potuto salvarci molta sofferenza”.

Come sarà la campagna di vaccinazione?

A partire dalla seconda metà di settembre, i primi vaccini andranno alle persone con più di 60 anni e alle persone con meno di 60 anni che possono sottoporsi al vaccino antinfluenzale ogni anno. A questo primo round sono invitati anche gli operatori sanitari a contatto con i pazienti. A seconda della situazione, queste iniezioni vengono somministrate presso i siti di vaccinazione GGD, da squadre di iniezione GGD mobili o dal servizio medico proprio delle strutture sanitarie.

Dopo questo gruppo, è il turno di tutti gli altri 12enni. Una differenza importante con i precedenti cicli di vaccinazione è che tutti in questo gruppo possono fissare un appuntamento contemporaneamente e l’anno di nascita non determina più l’ordine.

La maggior parte delle vaccinazioni avviene negli 84 punti fissi di iniezione del GGD. “Sono diffusi in tutti i Paesi Bassi. Dalla RAI ad Amsterdam, al Brabanthallen a Den Bosch e al comprensorio sciistico di Terneuzen”, afferma un portavoce dell’organizzazione ombrello GGD GHOR.

Ci sono abbastanza jab e stick disponibili?

I GGD prevedono di essere in grado di somministrare 700.000 iniezioni a settimana dal 12 settembre. Ciò richiede 3.600 raccoglitori, 2.500 personale del call center e 3.600 altro personale, inclusi medici che sovrintendono alla vaccinazione, guardie di sicurezza e controllori del traffico.

Quanto tempo ci vorrà per vaccinare tutti coloro che lo desiderano dipende ovviamente dalla volontà di vaccinare. GGD GHOR si aspetta che l’80% degli over 60 voglia una possibilità. Si aspettano un’affluenza del 30-50% tra i 12-59enni. Insieme, ciò rappresenterebbe da 9 a 13 milioni di vaccini. Con il tasso di iniezione che i GGD hanno in mente, ci vorrebbero 12-22 settimane.

Finora, l’80,9% degli over 12 ha ricevuto le prime vaccinazioni di base e anche il 59,2% è stato vaccinato, afferma il rapporto. cruscotto corona del governo nazionale.

Secondo l’epidemiologo Tostmann, è utile vaccinarsi anche per le persone che non hanno ancora ricevuto un vaccino corona. “Toglie la durezza dei reclami per tutti. Inoltre riduci il rischio di contrarre il covid polmonare”.

Questi colpi di richiamo proteggono anche dalle nuove varianti corona?

L’intenzione è quella di utilizzare vaccini modificati in questo tour autunnale. Moderna e BioNTech/Pfizer hanno sviluppato vaccini che proteggono sia dal coronavirus originale di Wuhan che dalle nuove varianti di omikron.

Secondo il vaccinologo Van der Zeijst, questi cosiddetti vaccini bivalenti offrono un’ampia protezione contro la corona. “Non solo contro i ceppi virali per cui sono stati progettati, ma anche contro altre varianti. Questo è vantaggioso, perché ci sono buone probabilità che i vaccini funzionino anche contro le varianti che appariranno nel prossimo futuro”. Si presume che i vaccini bivalenti proteggano anche dalla variante BA.2.75, chiamata anche centauro, che è stata rilasciata a luglio. per la prima volta in Olanda si è presentato.

Questo giro di vaccinazioni aiuterà contro un inverno di ospedali sovraffollati e blocchi?

L’epidemiologo Tostmann pensa che questo avrà sicuramente un effetto, soprattutto per i gruppi vulnerabili che hanno un rischio molto più basso di malattie gravi o ricoveri in ospedale dopo un nuovo vaccino. “Ma per questo è importante anche che venga organizzata una campagna sull’utilità di questa nuova serie di vaccinazioni. Occorrono maggiori informazioni anche sulla ventilazione, sui test in caso di reclami e sul rimanere informati a casa in caso di infezione. Perché i vaccini da soli sono davvero non abbastanza”.

Van der Zeijst è particolarmente ottimista sulla possibilità di utilizzare i nuovi vaccini. “Non solo proteggono da malattie gravi o morte, ma possono anche ridurre significativamente la circolazione del virus”.

Resta da vedere se ciò sarà sufficiente per mantenere gestibile la pressione sugli ospedali il prossimo inverno. Tostmann non esclude la necessità di tappi per la bocca o di lavorare da casa. “Si tratta di misure relativamente blande, che si spera possano impedire che la misura più severa del blocco sia necessaria. È quindi saggio che il governo non aspetti troppo a lungo con le misure, se necessario”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *