Perché mangiare prugne è una buona idea per l’osteoporosi – Salute

Perché mangiare prugne è una buona idea per l’osteoporosi – Salute

Le prugne svolgono un ruolo sorprendentemente importante nella prevenzione dell’osteoporosi, la malattia che colpisce la densità ossea e aumenta il rischio di fratture. Uno studio condotto su donne in postmenopausa ha rilevato che il consumo quotidiano di prugne ha un effetto benefico sulla densità ossea dell’anca e sulla prevenzione delle fratture.

È noto da tempo che le prugne apportano benefici alla funzione intestinale e aiutano con problemi di stitichezza, ma questi frutti sembrano avere benefici per la salute ancora più inaspettati. Le prugne si rivelano anche un ottimo alleato per la salute delle ossa. Questo messaggio di speranza è frutto dello studio sulle prugne della California, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati su “The American Journal of Clinical Nutrition”. Questo studio ha esaminato gli effetti del consumo di 50 o 100 grammi di prugne al giorno sulla loro densità ossea in circa 235 donne in postmenopausa per un anno. Questo è stato misurato dopo 6 e 12 mesi e confrontato con un gruppo di controllo che non aveva prugne nel menu.

tempo di prugne

Dopo un anno è risultato che la densità ossea dei fianchi delle donne del gruppo di controllo (che quindi non ricevevano prugne) era diminuita, mentre quella delle donne che mangiavano 50 grammi di prugne al giorno rimaneva a un buon livello . Anche il rischio di fratture ossee, chiamato punteggio FRAX, è aumentato nel gruppo di controllo dopo 6 mesi, mentre è rimasto invariato nei gruppi che hanno ricevuto 50 g. e 100 grammi. mangiava prugne ogni giorno.

Un secondo studio simile sulle prugne secche è giunto a risultati simili. Ancora una volta, i ricercatori hanno scoperto che il frutto sembrava avere un effetto antinfiammatorio.

READ  Covid, virologo Baldanti: "Quello che vediamo nel sequenziamento ci fa pensare che il virus stia affrontando una fase di declino"

Meccanismi?

Questi risultati sollevano naturalmente interrogativi sui precisi meccanismi attraverso i quali le prugne sono in grado di preservare la densità ossea e quindi rallentare o ritardare l’osteoporosi. Gli scienziati devono ancora formulare risposte conclusive a questo. Ciò può essere correlato al suo effetto antinfiammatorio e all’attenuazione dello stress ossidativo, che contribuiscono entrambi alla perdita ossea. Ulteriori ricerche dovranno dimostrarlo, ma nel frattempo è una buona opzione per le donne in postmenopausa aggiungere circa 50 grammi di prugne al loro pasto ogni giorno.

Fonte: Lo studio Prune nell’American Journal of Clinical Nutrition

È noto da tempo che le prugne apportano benefici alla funzione intestinale e aiutano con problemi di stitichezza, ma questi frutti sembrano avere benefici per la salute ancora più inaspettati. Le prugne si rivelano anche un ottimo alleato per la salute delle ossa. Questo messaggio di speranza è frutto dello studio sulle prugne della California, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati su “The American Journal of Clinical Nutrition”. Questo studio ha esaminato gli effetti del consumo di 50 o 100 grammi di prugne al giorno sulla loro densità ossea in circa 235 donne in postmenopausa per un anno. Questo è stato misurato dopo 6 e 12 mesi e confrontato con un gruppo di controllo che non aveva prugne nel menu. Dopo un anno è risultato che la densità ossea dei fianchi delle donne del gruppo di controllo (che quindi non ricevevano prugne) era diminuita, mentre quella delle donne che mangiavano 50 grammi di prugne al giorno rimaneva a un buon livello . Anche il rischio di fratture ossee, chiamato punteggio FRAX, è aumentato nel gruppo di controllo dopo 6 mesi, mentre è rimasto invariato nei gruppi che hanno ricevuto 50 g. e 100 grammi. mangiava prugne ogni giorno. Un secondo studio simile sulle prugne secche è giunto a risultati simili. Ancora una volta, i ricercatori hanno scoperto che il frutto sembrava avere un effetto antinfiammatorio. Questi risultati sollevano naturalmente interrogativi sui precisi meccanismi attraverso i quali le prugne sono in grado di preservare la densità ossea e quindi rallentare o ritardare l’osteoporosi. Gli scienziati devono ancora formulare risposte conclusive a questo. Ciò può essere correlato al suo effetto antinfiammatorio e all’attenuazione dello stress ossidativo, che contribuiscono entrambi alla perdita ossea. Ulteriori ricerche dovranno dimostrarlo, ma nel frattempo è una buona opzione per le donne in postmenopausa aggiungere circa 50 grammi di prugne al loro pasto ogni giorno. Fonte: Lo studio Prune nell’American Journal of Clinical Nutrition

READ  Consiglio consultivo del gabinetto: maggiore priorità sulla salute globale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *