Perché molti vaccini vengono somministrati in due dosi?

I vaccini anti-covid di Pfizer e Moderna sono simili in molti modi: sono entrambi molto efficace, sono i primi ad aver raggiunto (o quasi) approvazione per uso di emergenza, entrambi sono basati sulla tecnologia mRNA e sono entrambi amministrati in due dosi successive, con la seconda iniezione rispettivamente tre e quattro settimane dopo la prima. Quest’ultimo viene spesso trascurato, ma la domanda è interessante: perché concentrarsi ora sulla doppia dose, il che implica costi più elevati, maggiori sfide logistiche e un’organizzazione più complessa?

Abituati gradualmente. Come spiegato in Il bordo, i vaccini funzionano perché stimolano l’organismo a difendersi da virus pericolosi esponendo una piccola parte non infettiva del virus al sistema immunitario, ilantigeni, una proteina che lo rende riconoscibile. I vaccini a mRNA CoViD-19 non introducono picco dell’antigene direttamente, ma fornire al corpo la ricetta per crearlo (Saperne di più): Il principio è sempre lo stesso. Il sistema immunitario deve imparare a riconoscere questo segnale di avvertimento da zero, perché non è mai stato esposto al virus in questione, figuriamoci SARS-CoV-2, recentemente trasmesso alla nostra specie.

Più dosi in sequenza significano più opportunità di allenamento: l’esposizione extra permette all’organismo di capire come combattere efficacemente il virus, soprattutto quello stimolato dal vaccino non è un’infezione, perché non c’è nessun agente patogeno che si replica nel corpo. Si tratta di imparare a riconoscere il segnale di ingresso del virus: un compito più difficile, ma che ci permetterà di respingere il nuovo coronavirus se lo incontreremo davvero.

Una preparazione scrupolosa. I vaccini somministrati in dosi doppie mostrano più volte all’organismo gli antigeni virali, il che consente di produrre sia più anticorpi neutralizzanti che più cellule di memoria, linfociti T e B: quei componenti del sistema immunitario, che resistono più a lungo, saranno in prima linea in caso di una vera invasione di SARS-CoV-2, perché ricorderanno l’antigene che hanno già incontrato con il vaccino e consentiranno loro di dispiegare difese adeguate. Con la doppia dose aumenta l’efficacia: vaccino anti-covid di Pfizer e BioNTech raggiunge il 52% di efficacia già dopo la prima dose, ma è con quest’ultimo che si arriva ad una protezione del 95% circa.

READ  Ecco cosa ha detto il neurologo sulle condizioni di Schumacher

Le chiamate. Anche le celle di memoria si riducono nel tempo. Per questo motivo alcuni vaccini (come quelli contro il tetano o la pertosse) richiedono richiami periodici, un mezzo per rafforzare una risposta già stabilita. Attivare la risposta iniziale è più difficile che stimolare una risposta che era già presente, ma era solo “dormiente”. La durata della protezione offerta dai vaccini anti-covid emergerà solo nel tempo: è prevedibile che in futuro dovremo subire richiami periodici.

Doppia difficoltà. Tuttavia, il doppio sistema di dosaggio causa problemi significativi. Ci vogliono il doppio degli aghi e più fiale, il doppio della produzione, fornitura, ripostiglio e distribuzione. Aumentano i costi, aumentano gli sforzi organizzativi per prendere le ferie e raggiungere i centri di vaccinazione. In ambienti poco serviti, dove l’accesso alle vaccinazioni è una sfida, è anche più difficile convincere le persone a venire per una seconda iniezione e la vaccinazione è completata solo a metà, senza raggiungere la copertura. necessario. Per questo motivo anche i vaccini anti-covid di seconda generazione, ancora in fase di sperimentazione, esplorano l’ipotesi una singola dose e testare l’efficacia di questa soluzione rispetto alla tradizionale soluzione a doppia dose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *