Perché nessun astronauta olandese sta ancora andando nello spazio

Perché nessun astronauta olandese sta ancora andando nello spazio

Diventa un astronauta: questa non è attualmente un’opzione per i Paesi Bassi. L’Agenzia spaziale europea (ESA) fatto questa settimana familiare che André Kuipers rimarrà per qualche tempo l’ultimo olandese nello spazio. Sono stati scelti 17 astronauti e nessuno di loro è olandese. Tra loro c’è un belga.

22.500 domande

Probabilmente non è stata una scelta facile per l’ESA, poiché ha dovuto vagliare non meno di 22.500 (!) domande per arrivare finalmente a una selezione di 17 astronauti. Cinque degli astronauti sono astronauti professionisti, 11 sono astronauti di riserva e c’è un astronauta con disabilità. Sembra straordinario che l’ESA menzioni questa persona separatamente, ma non è chiaro cosa significhi la nomina per questa persona, che si chiama anche John McFall. È responsabile dello studio della misura in cui una persona disabile può essere un astronauta. Un compito difficile: dopo tutto, una disabilità può assumere molte forme. John ha perso una gamba in un incidente in moto.

Comunque sia, tra queste 17 persone, non c’è un olandese, ma un belga. Ecco i fortunati: Sophie Adenot (Francia), Pablo Álvarez Fernández (Spagna), Rosemary Coogan (Regno Unito), Raphaël Liégeois (Belgio) e Marco Sieber (Svizzera) sono gli astronauti professionisti. Gli abitanti della “Riserva Astronauti” sono Meganne Christian (Regno Unito), Anthea Comellini (Italia), Sara Garcia Alonso (Spagna), Andrea Patassa (Italia), Carmen Possnig (Austria), Arnoud Prost (Francia), Amelie Schoenenwald (Germania ), Aleš Svoboda (Repubblica Ceca), Slawosz Uznański (Polonia), Marcus Wandt (Svezia) e Nicola Winter (Germania). È ovviamente un peccato che un astronauta non sia stato scelto da più paesi, ma ovviamente l’ESA sta cercando la perfetta combinazione di abilità.

READ  Kasius sta vivendo un sogno in Italia: "È tutto fatto e lasciato...

astronauti europei

Questa è la prima volta in 13 anni che vengono selezionati nuovi astronauti europei. Non è che non abbiamo provato dall’Olanda: c’erano 300 donne e 698 uomini che hanno fatto domanda, più 13 uomini che volevano diventare parastronauta. 20 uomini e 17 donne sono venuti da molto lontano, ma non abbastanza. Neanche tu diventi un astronauta. Come studente MBO o HBO, non hai nemmeno la possibilità di ottenere un posto nella selezione. L’ESA vuole che i candidati abbiano almeno un master, che deve essere anche in scienze, ingegneria, informatica, matematica o medicina. Devi anche essere fluente in inglese, flessibile, in buona salute e avere tre anni di esperienza in uno di questi campi che richiedono un master. Inoltre, non dovresti stupirti se devi partecipare a esperimenti, se devi rimanere all’estero per molto tempo e se devi anche essere molto resistente allo stress.

Anche se è molto deplorevole che il viaggio spaziale non può essere più inclusivo in questo modo, molti di questi requisiti hanno molto senso. Se la tua astronave ha problemi, non essere così stressato da non riuscire a pensare: devi sapere cosa fare. In base a questo, è bene anche avere molte competenze in determinate aree, per poter fornire assistenza medica o riparare qualcosa a bordo. Gli astronauti selezionati sono attualmente sottoposti ad un intenso addestramento: la missione che svolgeranno è ancora sconosciuta, ma probabilmente non ci vorrà molto tempo. Come mondo, siamo di nuovo molto più preoccupati per lo spazio, soprattutto ora che la NASA sta svolgendo le sue missioni spaziali ed Elon Musk ha ancora gli occhi puntati su Marte.

READ  C'è un grande incendio nel porto di Beirut

Gli olandesi nello spazio

A questo proposito, non deve necessariamente essere che nessun astronauta olandese vada nello spazio al momento: ovviamente puoi sempre essere reclutato, ad esempio, da SpaceX o da un’altra società privata che offre anche viaggi spaziali. Oppure compra un biglietto se sei abbastanza ricco. Tuttavia, ovviamente non è esattamente la stessa cosa. Auguriamo buona fortuna ai signori e alle signore che hanno scelto l’ESA e speriamo che facciano presto un grande viaggio nello spazio, dal quale anche noi possiamo raccogliere i frutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *