Perdita d’aria sulla stazione spaziale: proveremo ora a sigillare con nastro adesivo

Mondo

URL abbreviato

Il centro di controllo a terra della missione, situato nella regione di Mosca, ha chiesto all’equipaggio della ISS di “filmare il più possibile” l’area della stazione di attracco nel compartimento “che perde” della ISS. Modulo Zvezda. , è stato annunciato dai rapporti di intervista trasmessi dalla NASA.

Nel modulo intermedio russo Zvezda, dove è stata rilevata la perdita d’aria, c’è una stazione di attracco che è attraccata dalla navicella Soyuz con equipaggio e dalla navicella Progress Cargo.

Il “buco”, nel frattempo, non è stato trovato.

“Ecco quello lungo il perimetro che hai passato, il giunto [dell’unità di attracco], dove è rivestito di stucco, è lì che bisogna sigillare il più possibile con nastro adesivo e senza bolle ”, ha chiesto il cosmonauta Ivan Wagner specialista del Centro.

Il cosmonauta russo continua anche a coprire il compartimento che perde con coriandoli di carta che dovrebbero aiutare a localizzare la perdita.

L’idea è di far galleggiare i coriandoli a gravità zero per far sì che attirino la perdita. In questo modo, dovrebbero puntare nella direzione della perdita d’aria, ma l’esperimento non ha ancora dato i risultati attesi.

Nel frattempo, per arginare la perdita, si procede con il più classico dei “piani B”.

La perdita d’aria sulla ISS

Un po perdita d’aria sulla Stazione Spaziale è stata registrata a settembre 2019. Ad agosto-settembre 2020, dopo che la portata è quintuplicata (da 270 grammi a 1,4 chilogrammi di aria al giorno), l’equipaggio ha chiuso i due portelli volte nei moduli ISS per verificarne la tenuta e isolarli. Si è scoperto che la perdita era nel modulo Zvezda russo.

READ  i dati di oggi e quelli di marzo

Il tasso di caduta di pressione corrisponde a 3 millimetri di mercurio al giorno, tuttavia, come rassicurato dall’agenzia spaziale russa Roscosmos, questo non rappresenta un pericolo per l’equipaggio della ISS e non impedisce alla stazione di volare in modo abitato. .

Secondo Vladimir Solovyev, direttore di volo del segmento russo della ISS, la perdita d’aria è “incredibilmente piccola” e forse il foro o la fessura che l’ha causata, stimata in 0,6-0,8 mm. , non può mai essere trovato.

Secondo Sergei Krikalev, direttore esecutivo dei programmi con equipaggio a Roscosmos, se l’equipaggio non è in grado di eliminare la perdita, sarà necessario a lungo termine fornire ulteriori volumi d’aria alla stazione.

Attualmente sulla ISS ci sono i cosmonauti russi Anatoly Ivanishin e Ivan Wagner, così come l’astronauta americano Christopher Cassidy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *