Philips si accontenta di milioni negli Stati Uniti per presunto inganno |  ADESSO

Philips si accontenta di milioni negli Stati Uniti per presunto inganno | ADESSO

Philips paga i pubblici ministeri statunitensi più di $ 24 milioni (24,1 milioni di euro) per presunto inganno dei programmi di assicurazione sanitaria degli Stati Uniti. Con l’accordo, la società e il tribunale hanno chiuso il caso.

I pubblici ministeri hanno accusato una filiale di Philips di aver corrotto fornitori di apparecchiature mediche. Le accuse ruotano attorno all’ex Respironics, una società di respiratori di proprietà di Philips dal 2007.

La controllata è sospettata di “pagare” i fornitori di dispositivi medici con informazioni gratuite sulle terapie che i medici prescrivono ai pazienti. Questo può essere utile nel marketing. In cambio, i fornitori avrebbero esortato i programmi di assicurazione sanitaria Medicare, Medicaid e Tricare a scegliere i ventilatori Respironics, il che equivarrebbe a un inganno.

Philips sottolinea che non si è dichiarato colpevole dell’accordo. Tuttavia, la società di tecnologia medica ha promesso di partecipare a un processo per fare affari con integrità. L’ex Respironics esamina anche criticamente i suoi accordi con le parti che prescrivono cure mediche ai pazienti. Anche il team di vendita dell’azienda è supervisionato.

Il dipendente di Respironics che ha denunciato la presunta frode alle autorità statunitensi riceverà parte del denaro pagato da Philips. Si tratta di circa 4,3 milioni di dollari, secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti.

All’inizio di questa settimana, Philips ha raggiunto un accordo di 4,2 milioni di dollari con i pubblici ministeri statunitensi. La società non aveva notificato adeguatamente ai militari le modifiche a determinate apparecchiature mediche utilizzate dalle forze armate.

READ  "Nvidia effettua ordini urgenti con TSMC a causa dell'aumento della domanda di GPU" - Informatica - Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *