POLAR VORTICE, ripresa della STRATOSFERA ma la circolazione è ancora condizionata, ecco perché «3B Meteo

Visita il profilo di Francesco Nucera
momento della lettura
1 minuto e 43 secondi

L’Italia si prepara a una fase decisamente fredda per tramite correnti provenienti dall’Artico. I maggiori effetti in Europa, in termini di gelo e neve, si esibiranno sempre nell’Europa centrale e settentrionale che sarà maggiormente influenzato dal lobo siberiano del vortice polare. Per contro, si prevedono anomalie termiche positive sull’Asia centrale. Negli ultimi giorni le temperature hanno raggiunto i 27 ° C in Turkmenistan e i 26 ° C in Tagikistan

La circolazione delle medie latitudini è ancora sotto gli effetti del riscaldamento della stratosfera Gennaio con un vortice polare ancora fortemente disturbato e debole, esattamente l’opposto dello scorso anno. Il maggiore impatto sulla superficie stratosferica è intorno al 9-10 febbraio in concomitanza con una cintura di alta pressione alle latitudini settentrionali in una fascia di bassa pressione. Ciò comporta la discesa di masse d’aria gelida verso l’Europa e il Nord America.

Le temperature in Nord America saranno ben al di sotto della media tra il Canada e gli Stati Uniti centro-orientali. Il 7 febbraio, il Canada ha raggiunto i -50 ° C. Potrebbe essere il periodo più freddo della stagione per mettere in discussione diversi record sul freddo. Tuttavia, sono previste anomalie termiche positive tra il Canada nord-orientale, la Groenlandia e l’Artico a causa del blocco dell’alta pressione. Le correnti gelide dell’Artico genereranno anche un campo di pressione al suolo con valori fino a 1050 hPa

Nella stratosfera le temperature continuano a scendere sul polo dopo il forte riscaldamento di gennaio. Allo stesso tempo, il vortice polare stratosferico tende a rafforzarsi come mostra il “ recupero ” dell’immagine precedente

Secondo il modello ECMWF, tuttavia, ci sarebbe la tendenza a essere ancora in grado di vedere i massimi di latitudine elevata. per il resto di febbraio sotto un regime di blocco, con picchi di pressione che si spostano dalla Scandinavia alla Groenlandia. Comporterebbe sempre fasi dinamiche e opposte. L’alta pressione farebbe fatica a trovare spazio a est, dato il “muro” di ghiaccio sull’Europa orientale.

READ  oggi l'impatto della nube di particelle cariche con il campo magnetico del nostro pianeta

Segui @ 3BMeteo su Twitter


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *