Politica monetaria e banche in fallimento, Parte I

Politica monetaria e banche in fallimento, Parte I

EVOLUZIONE IN CORSO DI IVM nel settore bancario Il blog dei soldi prima

Alcune banche statunitensi sono fallite nelle ultime settimane ei mercati finanziari stanno cercando di comprenderne gli effetti. Al momento, non c’è ancora un ampio consenso su ciò che ci aspetta. Ha tutto a che fare con le attese reazioni delle banche centrali. Ora c’è molto stress lì perché prevenire ancora più fallimenti bancari e combattere l’inflazione sembra un compito impossibile. Saranno ancora una volta le scelte delle banche centrali a determinare l’evoluzione dei prezzi sui mercati finanziari. Inoltre, le misure monetarie prescelte influenzeranno anche l’economia reale. Che la vita sia un ottovolante diventerà chiaro ancora una volta a molti.

Sociale

In rapida successione crollarono due panchine; cripto banca Silvergate e Silicon Valley Bank (SVB). Lascio la prima per quello che è, ma SVB non è una piccola banca. SVB è la più grande banca a fallire da quando Washington Mutual è fallita nel 2008. È importante capire perché la banca è fallita. Il fatto che ci sia stata una corsa agli sportelli non è passato inosservato ai più. Improvvisamente i clienti hanno voluto ritirare/trasferire tutto il loro denaro e questo ha causato problemi alla banca. Questa è la più grande paura di tutte le banche, quindi niente di nuovo in questo senso.

Sociale

Lo stesso vale per i regolatori. Le banche vengono periodicamente testate per tali scenari. Sfortunatamente, standard meno severi si applicavano alle banche più piccole negli Stati Uniti. Ma anche allora, resta da vedere se il superamento dello stress test bancario più rigoroso avrebbe potuto impedire la scomparsa di SVB. Ad esempio, il vertice SVB (dove un dirigente della Fed era l’amministratore delegato e un ex banchiere della Lehman il COA) può essere incolpato per il necessario. Da un lato del bilancio, la banca aveva una clientela piuttosto unilaterale (rullo di tamburi) proveniente dal settore della Silicon Valley (tech & Venture Capital). Questi clienti utilizzavano principalmente servizi bancari semplici, come il conto corrente. Dall’altro lato del bilancio, la SVB ha investito il denaro principalmente in titoli di stato statunitensi (ufficialmente privi di rischio) piuttosto che in un portafoglio più diversificato.

READ  Banche colpite, i danni da frode all'help desk sono quasi raddoppiati | I soldi

Entra nella Fed. L’inflazione sta andando fuori controllo e la banca centrale degli Stati Uniti deve intervenire duramente per frenare l’inflazione. Sfortunatamente per la Fed, gran parte dell’inflazione è stata guidata dall’offerta (attraverso i blocchi), lasciando alla Fed nient’altro per colpire duramente l’economia da creare una distruzione della domanda sufficiente. . I tassi di interesse sono stati quindi aumentati bruscamente a grandi passi e piccoli intervalli e il QE (acquisto di obbligazioni con denaro “stampato”) è stato invertito in QT (vendita/scadenza titoli acquistati dalla Fed).

Come descritto in precedenza in questo blog, c’era sempre la possibilità che questa svolta di 180 gradi nella politica monetaria potesse portare a problemi. Questo scenario è ora toccato a SVB. I loro clienti potrebbero ora ottenere il 55% sul debito pubblico a breve termine; molto di più che tenere i soldi su un conto SVB. Di conseguenza, sempre più clienti hanno iniziato a prelevare/trasferire denaro e SVB ha riscontrato problemi. Dopotutto, gli importi richiesti erano così elevati che hanno dovuto vendere i loro beni (investimenti) dall’altra parte del bilancio per ottenere denaro contante. Normalmente non è un problema, ma ironicamente, a causa dei rapidi rialzi dei tassi della Fed, SVB non ha mai avuto il tempo di adeguare il proprio bilancio. Pertanto, a causa dei summenzionati aumenti dei tassi d’interesse, sono stati solo i titoli di stato statunitensi a lungo termine a subire forti ribassi. Puoi anche leggere come funziona su questo blog.

Sociale

Il calo dei prezzi di questi titoli di Stato non è normalmente un problema perché la banca li detiene fino alla fine della loro scadenza (detenuti fino a scadenza, HTM) in modo che il denaro depositato venga semplicemente rimborsato (quindi nessuna perdita). Ma SVB è stata costretta dal rapido e ampio movimento dei suoi clienti a vendere nel frattempo questi titoli di stato, il che ha comportato il riconoscimento di una vera perdita di denaro contante. Questo è diventato troppo per la banca e quindi ha dovuto chiudere. L’investimento più sicuro si è rivelato il più rischioso!

Sociale

Dovrebbe essere chiaro che è in gran parte colpa di SVB per non aver utilizzato affatto un solido modello di business. Ma anche le autorità di regolamentazione hanno fallito perché non avrebbero mai dovuto approvare un record così unilaterale. E, un altro grande colpevole, la Fed, che con la sua politica ultra-accomodante (tassi bassi e QE) ha provato, addirittura costretto, la SVB a sistemare il bilancio come ha fatto. Ed è sempre ad opera della Fed, ora tramite rialzi dei tassi e QT, che è esplosa la bomba SVB.

READ  ok se il tour parte o arriva nei comuni agevolati

E gli effetti non erano limitati all’America. Ad esempio, il Credit Suisse è ora sotto il fuoco dei critici e la banca centrale svizzera ha già dovuto garantire il proprio sostegno. Se lo stock è finito è ancora la domanda. E quello che le banche centrali hanno chiuso e devono decidere è un’altra cosa. E la probabilità che altri scheletri cadano allo scoperto (si pensi a fondi immobiliari, private equity e hedge fund) è molto alta. Ma ne riparleremo la prossima settimana nella Parte 2.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *