Possiamo fare a meno del gas russo rapidamente?

Possiamo fare a meno del gas russo rapidamente?

I Paesi Bassi dovrebbero avere successo. “Il ministro Jetten ha diverse opzioni”, spiega René Peters, esperto di petrolio e gas presso TNO. “In primo luogo, un’ulteriore importazione di GNL costruendo due terminali galleggianti a Eemshaven. Quindi abbiamo capacità di elaborazione, ma dobbiamo ancora trovare questo GNL”.

La seconda opzione, secondo Peters, è ridurre rapidamente la domanda di gas facendo funzionare centrali elettriche a carbone, che attualmente funzionano al 35%, al 100%. “Ma sì, questo significa più CO2 e non lo vogliamo davvero”.

La terza opzione è risparmiare sul gas. “E ciò accade quasi automaticamente quando il prezzo del gas è così alto”, afferma Peters. “Allora i consumatori e le imprese diventeranno automaticamente più frugali”.

Più benzina da Groningen?

I problemi per i Paesi Bassi sono gestibili. Le conseguenze sono maggiori per la Germania, primo acquirente di gas russo con 55 miliardi di metri cubi di importazioni. Peters: “Ci vorranno anni prima che si liberino del gas russo. I tedeschi vogliono compensare questi 55 miliardi di metri cubi con, tra l’altro, l’importazione di gas liquefatto, ma non ce n’è abbastanza”.

Secondo l’esperto del TNO, il gas di Groningen può essere preso in considerazione grazie alla solidarietà europea. “I paesi europei hanno affermato che se un paese europeo ha problemi con la sua fornitura di energia, altri paesi dell’UE lo aiuteranno. E questo potrebbe diventare eccitante per i Paesi Bassi. Il nostro gas da Groningen”.

Dare per scontati i costi?

L’economista Maria Demertzis del think tank economico di Bruxelles Bruegel ritiene che il nostro paese possa sbarazzarsi del gas russo abbastanza rapidamente. “Entro la fine di quest’anno”. Secondo lei, l’Europa nel suo insieme può anche sbarazzarsi del gas russo, ma non senza scelte difficili e costi elevati.

READ  McDonald's lascia la Russia dopo 30 anni a causa della guerra in Ucraina | ADESSO

“Per aiutare a porre fine a questa guerra in Ucraina, dovere ci stiamo sbarazzando di gas e petrolio dalla Russia. Dobbiamo solo accettare i maggiori costi per l’economia che ciò comporta.” Ad esempio, prendere in prestito denaro per compensare le persone.

“Ma quelli sono dilemmi. Non è facile. In realtà devi chiudere parte dell’economia in modo da non utilizzare parte dell’energia. Questa è la difficoltà”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *