“Possibile fine carriera per Sonny Colbrelli”

“Possibile fine carriera per Sonny Colbrelli”

Martedì 5 aprile 2022 alle 18:10

Sonny Colbrelli non potrà correre in futuro nel suo paese d’origine, l’Italia, se tornerà ancora come ciclista, secondo il quotidiano sportivo francese L’Équipe. Una legge italiana vieta ai migliori atleti muniti di defibrillatore – come Colbrelli – di partecipare alle competizioni sportive.

In base a questa legge, introdotta nel 2017, gli atleti muniti di defibrillatore non possono più gareggiare in Italia. La domanda è se vedremo di nuovo Colbrelli nel gruppo, negli ambienti medico-sportivi non si crede in un ritorno, dopo il crollo dell’italiano dopo la prima tappa del Giro di Catalunya il mese scorso. I soccorritori sono quindi entrati in azione e sono riusciti a riportare in coscienza il 31enne italiano utilizzando un massaggio cardiaco e un defibrillatore.

Colbrelli è stato poi trasportato all’ospedale di Girona dove sono già stati effettuati diversi accertamenti per determinare la causa del suo disturbo del ritmo cardiaco. Il campione europeo è stato ora sottoposto con successo a un intervento nel suo paese d’origine, l’Italia, in cui è stato impiantato un defibrillatore sottocutaneo. Questo defibrillatore dovrebbe porre rimedio alle sue aritmie.

In Italia, invece, non è consentito partecipare a competizioni sportive sul territorio italiano con tale dispositivo. La storia di Colbrelli ricorda quella di Christian Eriksen. Il calciatore danese ha avuto un infarto durante l’ultimo campionato europeo e ha dovuto lasciare il suo club italiano, l’Inter, dopo che gli è stato impiantato un defibrillatore sottocutaneo. Eriksen è quindi tornato in Gran Bretagna, dove ha giocato ancora una volta a calcio per il club della Premier League Brentford.

La carriera di Colbrelli supera i sei mesi dalla vittoria a Roubaix? – foto: Cor Vos

Se Colbrelli vuole tornare in futuro nel gruppo ciclistico, dovrà rimuovere dal suo calendario le gare italiane (come Tirreno-Adriatico, Milano-Sanremo e il Giro d’Italia), compresi eventuali Campionati Europei o Mondiali. sul suolo italiano. L’Union Cycliste Internationale UCI non può normalmente contravvenire alla legislazione nazionale di un paese.

READ  Dentro o fuori: l'Inter chiederà una risposta a Conte. Intanto c'è già un'idea di contratto per Allegri: le cifre

“Non solo mette in pericolo se stesso, ma anche gli altri piloti”
Kris Van der Mieren, medico sportivo e affiliato della federazione ciclistica belga, si chiede dialogando con Il giornale Chissà se Colbrelli ora avrà la possibilità di guidare solo fuori dall’Italia. “Colbrelli dovrà nuovamente sottoporsi a visita medica”, precisa il medico sportivo. “Sarà possibile ottenere la licenza solo se c’è un netto allontanamento dalla cardiologia sportiva. La mia impressione è che questo sarà un grosso problema. Non solo Colbrelli mette in pericolo se stesso, ma anche i suoi compagni di viaggio.

Un calciatore che va in arresto cardiaco in campo e il cui defibrillatore è attivato normalmente non fa male ai compagni di squadra. Tuttavia, un ciclista che cade ad alta velocità nel bel mezzo di una corsa può causare un grave incidente e mettere in pericolo non solo se stesso, ma anche altri corridori. Nessun dottore vorrebbe mai una cosa del genere sulla propria coscienza. Inoltre, un defibrillatore può essere attivato in caso di shock violento, come una caduta durante una gara ciclistica.

Infine, Van der Mieren ricorda la linea guida del Società Europea di Cardiologia, un’associazione professionale europea in cardiologia. Consiglia ai pazienti con defibrillatori impiantati di non partecipare a sport in cui esiste il rischio di collisione. Se l’UCI segue queste linee guida, la carriera di Colbrelli è finita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *