Preoccupazioni all’interno di UWV per Long Covid: “Dramma sociale”

Preoccupazioni all’interno di UWV per Long Covid: “Dramma sociale”

I lunghi pazienti Covid che si sono ammalati nel 2020 e non si riprendono, ora finiscono all’UWV dopo due anni. Sono valutati lì per determinare se hanno diritto a un’indennità di invalidità (beneficio WIA). L’agenzia prende sul serio la condizione, secondo Van der Geest: “Abbiamo formato quanti più medici possibile sulla malattia e su ciò che devono considerare”.

A giugno, l’UWV ha annunciato che nei primi cinque mesi del 2022, 736 persone con Long Covid erano state ispezionate dall’UWV. “Questo è il 3% del totale, ed è molto per una sola malattia”, afferma Van der Geest.

Queste 736 persone sono solo le persone che si sono ammalate durante la prima ondata di corona. L’UWV si aspetta quindi che questi numeri aumentino in modo significativo. Più della metà dei pazienti con Covid polmonare che sono stati ora valutati riceverà il pieno beneficio.

Secondo Van der Geest, la sua affermazione secondo cui l’UWV prende sul serio Long Covid è supportata dai dati dell’UWV. Solo il 15% dei pazienti Lung Covid non ha ricevuto alcun beneficio, mentre questa percentuale era doppia rispetto a tutte le altre applicazioni WIA: 32%.

Non creduto dal medico UWV

Tuttavia, le cose non vanno sempre bene, hanno scoperto i creatori del podcast. Ad esempio, nell’episodio 4, di questa settimana online, si può ascoltare Alma*, 35 anni. A causa del suo intenso affaticamento e dolore dopo un’infezione da corona, non era più in grado di lavorare, ma il medico dell’UWV non le credette.

Alma aveva un lavoro come consulente per le comunicazioni, ma ha ottenuto la corona nell’aprile 2020. Quando le lamentele sono persistite, ha dovuto licenziarsi. Il suo lavoro era temporaneo, quindi era senza lavoro. Tuttavia, il medico dell’UWV che l’ha valutata ha ritenuto che potesse lavorare 40 ore a settimana senza problemi: “Come allora? Non riuscivo nemmeno a digitare un’e-mail!”, ha detto Alma.

READ  Corso gratuito 50+ Force Network

La valutazione avviene sulla base di un questionario. “Puoi muovere le braccia, puoi camminare, puoi stare in piedi? Se sei fisicamente in grado di fare le cose, puoi lavorare. È così che è successo a me”, dice. “Mi sentivo come se fossi stato messo davanti a una specie di tribunale. Sei colpevole e dimostri di non esserlo”.

Non è che Alma non volesse lavorare. Ha chiesto la sua valutazione, ma quasi non ha funzionato. “Ho commesso molti errori di ortografia e non riuscivo a guardare uno schermo”, afferma il paziente.

problemi di dentizione

I creatori di podcast di Long Covid, The Shadow Pandemic hanno ascoltato più storie di pazienti che non si sentono ben trattati da UWV. Ma Van der Geest dell’UWV dice che nella maggior parte dei casi le cose vanno bene. “Mi sembra più un problema infantile. Abbiamo 800 medici nello staff e non posso parlare per tutti, ma l’intero gruppo è ben addestrato e sa come gestire questa condizione”.

Van der Geest vede Long Covid come un problema sociale: “Anche molte persone del settore sanitario che sono state contagiate durante il loro lavoro finiscono qui. Penso che sia davvero una tragedia”. Una rivalutazione ha rivelato che la valutazione di Alma era effettivamente errata. Dopo l’appello, un altro medico ha deciso di ribaltare il verdetto.

*Alma è un nome fittizio, poiché non vuole apparire nel podcast per nome. Il suo vero nome è noto agli editori.

podcast

Puoi ascoltare il podcast qui sotto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *