Primo caso di suicidio assistito nell’Italia cattolica

Primo caso di suicidio assistito nell’Italia cattolica

“La vita è meravigliosa e noi ne abbiamo solo una. Ma è successo e basta. ” Queste le ultime parole di Federico Carboni, un italiano di 44 anni coinvolto 12 anni fa in un grave incidente stradale che lo lasciò paralizzato.Carboni poteva ancora parlare, ma per il resto muoveva solo un dito.

Ha usato quel dito giovedì mattina per premere il pulsante di una macchina che si è iniettata una dose di veleno mortale. L’Italia non ha una legge sull’eutanasia, che ha impedito che la morte di Carboni venisse troncata da un medico.

Per anni ha cercato di fare i conti con la sua disabilità, ma negli ultimi mesi ha sentito di aver raggiunto il suo limite fisico e mentale. Nella sua nota di suicidio, dice di sentirsi come una nave alla deriva nell’oceano, ancora completamente dipendente dagli altri, e che non vede l’ora di essere “di nuovo libero”.

Resistenza vaticana

In Italia, il Vaticano si oppone fermamente alla legislazione sull’eutanasia e anche alcuni politici di destra e partiti cattolici si oppongono. Incomprensibile, secondo molti cittadini italiani, cattolici compresi. Una petizione per imporre un referendum sull’eutanasia legale è stata firmata lo scorso anno da 1,2 milioni di italiani. Il referendum non si è svolto, poiché la Corte Costituzionale italiana ha affermato che spettava al parlamento proporre una legge sul fine vita.

Leggi anche: Tribunale italiano: eutanasia autorizzata a determinate condizioni

Ma nel 2019 la stessa Corte aveva stabilito in un caso specifico che l’assistenza al suicidio in determinate circostanze, previa approvazione delle autorità sanitarie locali e di un comitato etico, non è punibile. Federico Carboni si è basato su questo per suicidarsi giovedì legalmente e con l’aiuto. Questa è la prima volta per l’Italia cattolica.

In precedenza, un uomo paralizzato avrebbe dovuto trasferirsi in Svizzera

In assenza di una legge sull’eutanasia, però, in Italia non esiste una procedura su come procedere, secondo l’associazione Luca Coscioni, organizzazione italiana che opera per il diritto all’eutanasia, e che ha aiutato Carboni nei suoi venti mesi di lotta perché può morire. Non solo Carboni ha dovuto premere lui stesso il pulsante, ma ha dovuto sostenere lui stesso le spese. La macchina è costata 5.000 euro, una somma che l’associazione Luca Coscioni ha subito raccolto per lui.

READ  Queste misure corona si applicano ancora nei paesi (vacanze) che ci circondano | ADESSO

supervisore del riconoscimento

La decisione su cui si basava Carboni, dal 2019, è arrivata dopo che Fabiano – ‘Fabo’ – Antoniani, un popolare dj paralizzato e cieco dopo un incidente, è stato portato in Svizzera dal membro dell’associazione Luca Coscioni, dove c’era bisogno di aiuto. legale. Questo supervisore si era arreso alla polizia al suo ritorno a casa, al fine di far valere un processo. Ciò ha portato alla sentenza della Corte Costituzionale, che ha dichiarato che il compagno di viaggio di DJ Fabo non aveva commesso alcun reato.

Anche Federico Carboni, suicidatosi giovedì, potrebbe essere andato in Svizzera. Ma voleva porre fine alla sua vita nel suo paese natale. Il suo suicidio assistito potrebbe essere un altro passo verso la legalizzazione dell’eutanasia e un fine vita dignitoso in Italia.

Un passo precedente è stata l’introduzione di un ‘testamento biologico’ o testamento, nel 2018, in cui i cittadini italiani possono specificare di rifiutare le cure mediche in determinate circostanze. Eluana Englaro non l’aveva. È entrata in uno stato vegetativo dopo un incidente. Suo padre ha combattuto una battaglia legale durata anni per poter scollegare sua figlia dalle macchine nel 2009, diciassette anni dopo l’incidente stradale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *