Problemi di denaro: “Non una volta ha suggerito di aiutare con l’affitto o il cibo” |  ADESSO

Problemi di denaro: “Non una volta ha suggerito di aiutare con l’affitto o il cibo” | ADESSO

Un amico che ti deve dei soldi da mesi, un compagno che non paga mai la cena, un bambino che dà per scontati tutti i regali, insomma: preoccupazioni per i soldi. In questa serie, trattiamo un nuovo caso ogni settimana. Questa volta Lyda (52) di Purmerend, che non osa chiedere a sua figlia i soldi della pensione.

“Quando mia figlia di 23 anni è stata licenziata poco prima del primo parto (lavorava come hostess a Schiphol), è tornata a vivere con me”, dice Lyda, il cui cognome è noto alla redazione.

“Sono divorziato da dieci anni e da allora vivo da solo. Io stesso lavoro come infermiera e ho un reddito modesto, ma posso gestire bene i miei soldi. Non mi dispiace vivere in modo frugale”.

“Certo, davo per scontato che sarebbe tornata temporaneamente al vecchio nido. Non aveva diritto ai sussidi perché lavorava per un’agenzia interinale con contratto a zero ore. Non poteva più pagare l’affitto del suo appartamento ad Amsterdam. Era impossibile trovare un altro lavoro in quel momento. Non aveva niente per pagarli con me. Ho pensato che fosse già abbastanza brutto per lei, perché il suo lavoro era il suo desiderio e la sua vita.

“Nei mesi in cui ha di nuovo un reddito, non ha suggerito nemmeno una volta di aiutare con l’affitto o il cibo”.

Lyda di Purmerend

“Da questa primavera è tornata a lavorare a Schiphol, ma con un’altra compagnia aerea e purtroppo ancora attraverso un’agenzia di collocamento. Sono felice che possa fare di nuovo ciò che ama. La amo, la adoro, ma in qualche modo sono deluso. Mesi in cui ha di nuovo un reddito, non ha suggerito nemmeno una volta di aiutare con l’affitto o il cibo”.

READ  Aumento delle pensioni in vista nei maggiori fondi per l'aumento dei tassi di interesse | Economia

“Quando è stata assunta, le ho detto in tutta onestà che penso sia una buona idea se si mette da parte, così può subito cercare di nuovo un posto tutto suo. Mi stupisce che non offra nulla su di lei. Non l’ho cresciuta io e per il resto è una brava ragazza.

“Ho notato che al momento è molto stressata al lavoro. È stato molto lavoro. Non voglio che diventi teso a casa, ma mi sta mangiando. Con l’inflazione, è diventata una vera sfida per me fare finisce radunata E temo che ora che lei percepisce un reddito, la mia indennità sanitaria diminuirà in un attimo, perché è registrata al mio indirizzo.Come devo procedere?

Le aspettative contrastanti giocano un ruolo

“Inconsciamente, quando si tratta di denaro, siamo guidati dalle aspettative sociali”, afferma la psicologa finanziaria Anne Abbenes. “O meglio: ci si può aspettare ciò che pensiamo inconsciamente. Quando gli altri nel nostro ambiente non soddisfano le aspettative, dà una sensazione di disagio. Ti senti invisibile e non ascoltato dall’altro”.

“In effetti, ci aspettiamo che qualcuno lo veda di persona e si offra di contribuire”.

Anne Abbanes, psicologa finanziaria

“Chiedere soldi a tuo figlio è estremamente difficile, perché entrano in gioco aspettative contrastanti. Da un lato è sbagliato, perché non corrisponde all’immagine di essere una buona madre. Dall’altro, offri un contributo di tua figlia in segno di apprezzamento e comprensione per la situazione finanziaria. In realtà ci aspettiamo che qualcuno lo veda di persona e si offra di contribuire.

“Ci possono essere innumerevoli ragioni per cui qualcuno non lo fa da solo. L’unico modo per scoprirlo è iniziare una conversazione. Fallo in un momento tranquillo. Sii il primo a farci sapere quanto è importante il tuo gruppo per voi… Non parlate in base alle aspettative, ma in base alle vostre preoccupazioni sulla situazione finanziaria. Lasciate che le vostre esigenze siano al centro dell’attenzione. Non appena saranno discusse, troverete automaticamente le soluzioni insieme.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *