Undicesimo titolo europeo per il softball femminile olandese

Undicesimo titolo europeo per il softball femminile olandese

La brocca Eva Voortman ha regnato dal primo all'ultimo pallone nella finale contro la Gran Bretagna.

La brocca Eva Voortman ha regnato dal primo all’ultimo pallone nella finale contro la Gran Bretagna.© Archivio foto

Rob Spierenburg

Sant Boic

Eliminando dal campo la Gran Bretagna nella finale per 7-0 di Sant Boi, in Spagna, la squadra di softball olandese, guidata dall’allenatore della nazionale Ferenc Jongejan, ha vinto il titolo europeo. È per l’undicesima volta in 23 edizioni che Orange è la più forte della scena europea. La squadra è un titolo dietro l’Italia campione da record, che ha vinto gli ultimi dodici campionati europei.

Che l’Inghilterra sia riuscita a qualificarsi per la finale del torneo sotto il fumo del Barcellona senza aver perso una sola partita, è stata una clamorosa sorpresa. Nella fase a gironi, Olanda (5-0) e Italia (2-1) sono state le peggiori degli inglesi.

Di conseguenza, l’incontro reciproco di giovedì sera tra i rivali storici Olanda e Italia è diventato improvvisamente cruciale. Il vincitore ha potuto riprovare contro l’Inghilterra in finale; il perdente è rimasto con un solo duello contro la Spagna per il metallo di consolazione. È diventata una battaglia feroce che non è stata decisa a favore di Orange fino a dopo mezzanotte. I tempi supplementari sembravano imminenti quando Suka van Gurp, sotto 2-2 alla fine del settimo inning, spinse spietatamente la palla oltre le recinzioni.

Per quanto emozionante sia stato il duello con l’Italia, la finale contro l’Inghilterra è stata a senso unico. Orange era signore e padrone sia in attacco che in difesa. La brocca Eva Voortman ha regnato dalla prima all’ultima palla. Inoltre, non c’era limite alle donne olandesi alla battuta. Una serie di buoni successi ha portato a un vantaggio di 7-0, che è stato fermato sul traguardo al settimo inning grazie a un doppio gioco magistrale di Suka Van Gurp e Dinet Oosting.

READ  Voglia di vacanza? Questa regione italiana paga i trasporti pubblici e i musei se soggiorni un fine settimana

Rob Spierenburg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *