Quando il coronavirus diventa endemico (e cosa significa)

Non c’è modo di prevedere esattamente come, se o quando finirà la pandemia di Covid-19, ma una possibilità avanzata dalla comunità scientifica è che, prima o poi, SARS-Cov-2 finirà. diventerà un virus endemico. ma cosa significa? E cosa comporta il passaggio a uno stato endemico?

Che cos’è un virus o una malattia endemica

In epidemiologia, il termine endemico definisce il modo in cui una malattia infettiva circola nella popolazione, o le caratteristiche della sua diffusione, in relazione alla trasmissione del patogeno e alla sensibilità della popolazione. In particolare, una malattia infettiva causata da agenti patogeni considerati endemici permanentemente presente nella popolazione e che si manifesta in un numero maggiore o minore di casi ma equamente distribuito nel tempo.

In altre parole, un virus endemico è un agente patogeno costantemente presente nella popolazione, come quelli che causano il comune raffreddore. “Questi sono virus sempre con noi e che fanno parte della nostra vita normaleHa detto William Schaffner, specialista in malattie infettive e professore alla Vanderbilt University School of Medicine di Nashville, nel Tennessee. Il morbillo è anche un virus endemico in diversi paesi, ma non più negli Stati Uniti. “Era endemico e si trasmetteva regolarmente alla popolazione americana – ha aggiunto Schaffner -. Adesso però non si trasmette più, grazie all’utilizzo di un vaccino straordinariamente efficace. Ora, quando colpisce il morbillo, questi si chiamano epidemie“.

Quando un virus diventa endemico

In questa sorta di scala mobile per la classificazione delle malattie infettive, quella causata dal coronavirus Sars-Cov-2 è attualmente a pandemia, ovvero un’epidemia causata da un agente patogeno che si diffonde rapidamente in diversi paesi e continenti, colpendo un gran numero di persone. La popolazione, infatti, è essenzialmente costituita da tutti i soggetti suscettibili che, nel tempo, con l’aumentare del numero dei contagi (e delle coperture vaccinali), acquisiscono comunque un po’ di immunità contro il patogeno.

READ  Test psicologico | Cosa c'è nel tuo subconscio? 8 domande per fare luce

Ed è proprio sulla natura di questa immunità, oltre che sull’evoluzione biologica del patogeno, che il passaggio a un potenziale stato endemico. “Col tempo – ha detto alla rivista Natura Specialista in malattie infettive Jannie Lavine della Emoty University di Atlanta – Il Covid-19 potrebbe diventare come una malattia incontrata per la prima volta durante l’infanzia, quando di solito ha causato infezione lieve o per niente. Anche se questa difesa scomparirebbe rapidamente e non sarebbe sufficiente per fermare completamente la reinfezione, potrebbe essere adeguata per proteggere gli adulti con sintomi gravi.“.

Il futuro endemico di Sars-Cov-2

Questo scenario è considerato probabile perché i ricercatori stanno valutando la possibilità che Sars-Cov-2 si comporti in questo modo altri quattro coronavirus endemici che causano raffreddori, chiamati OC43, 229E, NL63 e HKU1, almeno tre dei quali infettano gli esseri umani da centinaia di anni e due sono responsabili di circa il 15% delle infezioni respiratorie.

Potrebbero ancora possono volerci anni o addirittura decenni per arrivare a una situazione in cui gran parte della popolazione ha sviluppato un’immunità sufficiente, ha aggiunto Lavine, e in tal modo i vaccini anti-Covid aiuteranno. Questo, qualora si dimostrassero efficaci anche contro le nuove varianti virali, potrebbe consentire di raggiungere l’immunità collettiva auspicata almeno nelle regioni con sufficiente copertura vaccinale. Il rischio di reintroduzione del virus da paesi con copertura insufficiente non può essere escluso, ma tutti i casi potrebbero essere rapidamente sedati se la maggior parte delle persone fosse vaccinata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *