questa settimana ci aspettiamo cinque ospiti inattesi

L ‘Agenzia spaziale europea (QUESTA) ha stimato l’arrivo di cinque asteroidi durante la settimana. Rilevare corpi astrali di diametri simili non richiede certamente grandi impegni per gli astronomi. Ma possono costituire un pericolo per la Terra e i suoi abitanti? Ecco cosa hanno detto e stimato gli scienziati.

Asteroidi: sta arrivando un gruppo di rocce minacciose

Il gruppo di rocce identificato dagli astronomi europei mostra le dimensioni incluse tra 10 e 70 metri di diametro. A rivelare l’incursione nel vicinato del nostro pianeta, il Center for Studies on Near-Earth Objects (CNEOS) di NASA.

Il sistema di geolocalizzazione dell’Agenzia ha stimato l’aspetto di una conformazione denominata 2020 RJ le cui caratteristiche morfologiche risalgono ad una struttura di ben 42 metri di diametro e il cui passaggio è stato verificato ieri a soli 1,2 milioni di km dalla superficie. L’altra roccia è stata chiamata 2020 RW e preparati a guardare dalla Terra a 10 settembre 2020 seguito da vicino da 2020 RM che sarà a solo un milione di chilometri da noi.

“Sabato è quindi atteso un visitatore ancora più grande: 2020 RM15, la roccia stimata a 75 metri, si avvicina alla Terra viaggiando a una velocità di 9,78 chilometri al secondo. Infine, l’approccio ravvicinato sarà portato negli Stati Uniti entro il 2017. “

L’ESA osserva che fino al 95% dei corpi spaziali che misurano più di un chilometro di diametro possono essere individuati dalle autorità mentre la maggior parte dei corpi più piccoli rimane fuori dai radar. Ciò potrebbe generare una situazione incontrollabile in vista di una possibile imminente caduta sulla superficie terrestre. Questo è il caso del piccolissimo PT4 2020 ha attraversato la Terra questa settimana. Per quanto modesto sia, avrebbe potuto fare così tanti danni. Hai bisogno di un nuovo piano di difesa per salvare la Terra visto il passaggio della nuova minaccia 99942 Apophis menzionata in questo indirizzo.

READ  Materia oscura, manca un ingrediente?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *