Questo caffè offerto a un premio Nobel per la fisica

È sempre bello incontrare qualcuno che conosci che ha ricevuto un Premio Nobel. Durante la mia (breve) carriera di fisico, ho avuto la fortuna e l’onore di incontrare due vincitori del Premio Nobel per la fisica. Alla fine del 2017, nella splendida cornice del Perimeter Institute for Theoretical Physics in Canada, ho stretto la mano e mi sono presentato a Reissner Weiss. Pochi mesi prima, l’affabile e grande oratore Weiss aveva ricevuto l’ambito premio insieme a Thorne e Barish per essere i padri dell’esperimento che per primo misurava le onde gravitazionali. Difficilmente si ricorderà di me, uno studente di dottorato in Canada in cerca di un posto di dottorato, ma gli ho stretto la mano. Alcuni anni prima, a MarsigliaL’inflessibile Gerard t’Hooft, vincitore del Premio Nobel per la Fisica nel 1999, è stato invitato a fare un seminario all’Università con Veltman per il loro lavoro sulla forza debole. In questo caso, non solo gli ho stretto la mano e mi sono presentato, ma ho posto una domanda al seminario che più o meno suonava come un “ma quello che dici non ha senso”, con un pernacchietta finale, un modo di recitare tipico francese che, mio ​​malgrado, avevo fatto mio negli anni in cui vivevo nel sud della Francia. La bellezza del mondo della fisica teorica è che un premio Nobel prende sul serio e risponde anche allo sconosciuto dottorando con un accento italiano ed espressione francese. Non sono stato per niente soddisfatto della sua risposta e la discussione amichevole ma vivace è proseguita a lungo, arricchita dalla presenza di altre parti interessate davanti al buffet post-seminario. Nessuno dei due riusciva a convincere l’altro. Ci sono migliori possibilità che alla fine abbia ragione. O forse no. È molto più probabile che nessuno dei due abbia ragione e che la soluzione al problema torni l ‘ fisico teorici dal 1976, questo non avrà nulla a che fare con l’oggetto della nostra discussione.

READ  Cosa dice di te la forma delle tue labbra?

È sempre bello incontrare qualcuno che conosci che ha ricevuto un Premio Nobel. Ancora più bello, però, è incontrare e offrire il caffè al tuo idolo (scientificamente parlando) che secondo te merita il Premio Nobel molto più di tanti che lo hanno ricevuto, e che lo vince dopo qualche anno. Sto parlando del signore Roger penrose, recentemente insignito del Premio Nobel 2020 per la fisica per il suo lavoro negli anni ’60 sulle singolarità spazio-temporali. Proprio questi lavori da cui, oltre a un numero enorme di articoli e spunti scientifici, la mia modesta tesi di specialista in fisica teorica, su cui stavo lavorando a Marsiglia nel gruppo di Carlo Rovelli quando Penrose ha visitato il nostro gruppo. Ricordo di non aver capito assolutamente nulla al seminario che ha presentato. Non perché non sia un buon oratore, anzi. Le sue trasparenze colorate e disegnate a mano sono rinomate nel mondo scientifico e non solo. Ma perché parlava di colpi di scena e di concetti matematici troppo complessi per la mente di un povero studente che mesi prima aveva studiato i teoremi di Penrose e ora li stava affrontando. Anche se avesse accennato alle Vespe e alle Lambrette, probabilmente non avrei capito, deciso a fotografarlo, cercando di non farmi vedere. Nel gruppo di Marsiglia c’era, ed è tuttora, l’abitudine di tenere seminari a mezzogiorno. Li chiamiamo “pranzo della relatività” e possono essere illustrati in questo modo: si parla mentre tutti gli altri mangiano. È chiaro che Penrose non è stato risparmiato. Il suo panino acquistato sullo stand fuori dal CPT (Centre de Physique Théorique) giaceva inconsolabile sul tavolo mentre il simpaticissimo ottantenne cercava di arrivare alla fine del suo seminario, rispondendo in modo chiaro e puntuale alle domande che lo travolgevano. (almeno detto: ti ricordi, non ho capito niente). Da mezzogiorno, alle tre, il povero disgraziato continuava a parlare senza aver toccato il cibo, finché, scusandosi, si sedette finalmente e prese in mano il suddetto panino (freddo). Poi, quando l’estenuante seminario è finito, sembrava che dalla borsa di Penrose uscissero solo chili, ho preso la palla e mi sono offerto di offrirgli il caffè. Lo abbiamo bevuto velocemente mentre ci godevamo il caldo ventoso molto soleggiato del Parco Nazionale delle Calanques che ospita il CPT. Ho potuto presentarmi e parlare brevemente di ciò a cui stavo lavorando. Sembrava interessato, e questo mi basta. Quanto a Weiss, non si ricorderà di me, ma è sempre bello incontrarsi e offrire un caffè a una persona che vincerà il Premio Nobel.

READ  Virologo Perno: “In un Paese civile le scuole non chiudono. Il contagio avviene altrove "

Chissà, tra l’altro, cosa sia successo al manifesto per annunciare il suo seminario pubblico che ho avuto il coraggio di chiedermi di dedicare, perso nelle mie mosse intercontinentali negli anni che seguirono l’incontro. Forse dovresti andare a prenderla ora che c’è Sir Roger Penrose, come si dice nel tuo Oxford, un “Premio Nobel”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *