Relazione sulle conseguenze della sindrome da affaticamento della febbre Q (QFS)






Capre nel Brabante

Venerdì scorso, 14 luglio, Elies Lemkes, Deputy for Agriculture, Food, Soils and Broader Wellbeing (inclusa la salute), ha ricevuto il rapporto di ricerca sul database QVS anno 2 di Annemieke de Groot, direttore di Q-support. Q-support ha chiesto a Erasmus MC di condurre uno studio pluriennale sulle conseguenze della sindrome da affaticamento da febbre Q (QFS). L’obiettivo è comprendere meglio le conseguenze e l’evoluzione di questa malattia post-infettiva. L’anno di ricerca 2 è terminato. Vedi il rapporto.

La conoscenza sembra essere svanita 13 anni dopo

Al momento dello scoppio della più grande epidemia di febbre Q al mondo, il Brabante ha avuto il maggior numero di focolai e il maggior numero di infezioni. Fu anche in questa provincia che il medico generico Alfons Olde Loohuis, ora consulente medico presso Q-support, scoprì all’epoca l’infezione da febbre Q. Oggi, 13 anni dopo, le conoscenze sulla febbre Q, sulla QVS e sulla febbre Q cronica sono un po’ sbiadite. La provincia è quindi soddisfatta di questo studio pluriennale, anche in relazione alle indagini post-COVID. Febbre Q ancora sulla retina a ‘s-Hertogenbosch.

“La provincia del Brabante Settentrionale è sempre stata molto coinvolta e interessata sin dall’inizio”, afferma Annemieke de Groot. “Il fatto che ora possiamo essere di nuovo qui indica che il tema della febbre Q è ancora sotto l’attenzione della provincia dopo tutti questi anni. Siamo molto grati a loro. »

Il vice Elies Lemkes-Straver spera che tutte le ricerche condotte insieme portino a una migliore comprensione del decorso e delle opzioni terapeutiche delle malattie post-infettive. “È inquietante vedere quanti pazienti affetti da febbre Q hanno perso il lavoro e che questo stia ancora accadendo così tanti anni dopo. Ciò sottolinea ancora una volta l’importanza del riconoscimento e del riconoscimento di questa malattia. Non solo dobbiamo esserne consapevoli, ma dobbiamo anche prestargli molta attenzione. »

READ  FERMARE! Il CERTIFICATO non sarà più necessario per una categoria di persone. Dettagli »ILMETEO.it






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *