Renzi minaccia Conte sulla gestione del recupero soldi: “Fermati a meno che tu non abbia un’altra maggioranza”. Il CDM è stato rinviato

Italia Viva tirare la corda sala di controllo governo per il Fondo di recupero, in cui non ha rappresentanti e la struttura di commissari chi deve supervisionare i progetti da finanziare con i 209 miliardi di euro proveniente daUnione europea. E si va dalla minaccia di rottura al ricatto. Maria elena boschi fare strada, Ettore Rosato mescolate le carte e Matteo Renzi mettere il carico su di esso. La sostanza è un file affondo verbale e l’opinione di a voto contrario che è probabile che causi il crisi tra governo e renziani. “Spero di no, ma ne ho paura”, ha detto a tutti Corriere della Sera l’ex ministro delle Riforme e il leader di Italia Viva al Tg2. “Se le cose restano come stanno voteremo contro “, riassume l’ex primo ministro. E ancora, parlando di “Disordine istituzionale”, nel pomeriggio: “Il racconto sulla sala di controllo fa un Colpa che può evitare fermandosi. Non credo che il primo ministro continui, Penso che cambierà idea. A meno che non l’abbia fatto Accordi con altri, cioè, se ne ha uno maggioranza che non conosciamoaltrimenti si ferma. Secondo me Conte non si tira indietro, se lo fa, il Parlamento è sovrano “, insiste e respinge l’idea che il” problema “sia” quello di volere siediti a tavola attraverso condividi la torta “ perché lo sarebbe offensivo pensa ”che“ ci sazieranno dando prebende ”.

Marcucci: “Coinvolgere il Parlamento”. Orlando: “Abbassa il volume” – In effetti, il file Consiglio dei ministri dovrebbe continuare l’esame Piano di recupero e di forza di intervento sull’attuazione di progetti è stato riportato. Italia Viva non si arrende e la maggior parte delle fibrille. E anche il leader del Partito Democratico al Senato, Andrea Marcucci, sottolinea che “a raffinatezza da questi meccanismi deve essere fatto “e chiede” a partecipazione del Parlamento “, mentre il M5 credere “di base” la “messa a punto” di “a struttura efficiente e qualificati “per la gestione del piano di risanamento:” Le discussioni e le polemiche in corso non sono certo utili, perché portano a avvilire un lavoro che viene svolto con precisione e equilibrio ”, dichiara il leader politico del Movimento 5 Stelle Vito Crimi. Interviene per agire come pacificatore Andrea Orlando: “Abbassa i toni, pesare le parole, coinvolgere e includere. Il paese è già molto provato e non ha bisogno degli altri Conflitti. Stiamo lavorando insieme per spendere bene e rapidamente tutte le risorse disponibili “, ha scritto su Twitter il vice segretario dem che a maggio, riferendosi al Ordine di ristoro, aveva messo in guardia contro il possibile assalto alla diligenza perché “il denaro è allettante per molti”.

READ  Coronavirus, le ultime notizie dall'Italia e dal mondo su Covid-Corriere.it

Renzi: “No ai pieni poteri” – Un invito alla riparazione che arriva dopo una giornata di frontiere dai renziani. “Insistendo su un provvedimento che sostituisca il governo con un gruppo di lavoro, la sessione del Parlamento con una diretta su Facebook e che pretende addirittura di sostituire il servizio segreto con un Fondazione privata voluto dal primo ministro significa a Follia. Abbiamo mandato Salvini a non dargli il piccolo vasaio, ma non è come darli a Conte ”, ha detto. Ha lo scopo di Mio, alla vigilia della votazione del risoluzione indirizzo (non voti per l’attivazione, ed) considerando il Consiglio europeo sulla riforma: “Voglio i soldi del Mes per il Assistenza sanitaria. Più soldi con Mes e meno soldi per gli amici degli amici ”, attacca. Poi aggiunge: “Molte cose non funzionano ma noi vogliamo aiutare il governo, siamo pronti a fare la nostra parte, ma non saremo mai seduti a un tavolo dove torta dato 200 miliardi è progettato per i Consulenti romani e non per i cittadini italiani “.

E salta il Consiglio dei ministri – Insomma, l’accordo è in alto mare tra le forze della maggioranza. Secondo quanto appreso da fonti governative, il nuovo incontro avrebbe dovuto riprendere oggi, dopo la chiusura di lunedì per notizie di positività del ministro Luciana Lamorgese, ma si è deciso di rimandare il tutto ai prossimi giorni. Questo anche in considerazione del fatto che in pre-consulenza i nodi su cui il Frizione non sono stati sciolti. Resta il muro eretto dal Presidente del Consiglio, dal Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri e dal Ministro dello sviluppo economico Stefano Patuanelli, che secondo il progetto di Piano nazionale di ripresa e resilienza sarebbe a capo di struttura di controllo di progetti di accesso a Fondi UE, che prevede di utilizzare 6 responsabile (uno per ogni area di intervento individuata). Ma restano problemi critici – anche di costituzionalità – secondo il partito di Renzi che, esclusi dal gruppo delle autorità di vigilanza, solleva diverse domande. Tra questi, il tipo di quadro giuridico con cui sarebbero impegnati i “commissari”, il che a cascata apre dubbi sulla gerarchia nei confronti dei ministri, ma soprattutto i poteri che saranno loro attribuiti saranno al di sopra delle decisioni dei capi dei vari servizi.

READ  Matteo Salvini, controlla il nome del successore di Mattarella - Libero Quotidiano

Rosato: “Se hai bisogno di tecnici, lascia che siano loro a governare” – “Italia viva chiede pubblicamente a discussione alla luce del sole. Il presidente del Consiglio ha rilasciato sabato un’intervista per dire che aveva già deciso tutto, che si sarebbe creata una governance con trecento consulenti, che i progetti erano già stati preparati con commissari in grado di avere poteri sostitutivi nei confronti -visita ministeri. Non difendiamo il Presidente del Consiglio, difendiamo solo il istituzioni di questo Paese: non abbiamo voluto dare pieni poteri a Salvini, non intendiamo darli a Conte ”, il monito lanciato in un’intervista a Corriere della Sera de Boschi, capogruppo dell’Italia viveva alla Camera. L’ex ministro Renzian cerca di escludere l’ipotesi che il cattivo umore di Italia Viva proprio non aveva un proprio ministro nella ‘struttura di controllo’: “Se chiedessimo più seggi – spiega Boschi – saremmo facilmente soddisfatti: qui Compiti come i funghi. Ma abbiamo una visione diversa della politica: siamo pronti a lasciarli a loro i divani, non chiediamo ad altri ”. Comunque per il capogruppo Ettore Rosato, il presidente del Consiglio “mangerà il panettone” e “le nostre osservazioni lo sono ragionevole non sono puntura e tutte le parti la pensano così. “Non vogliamo far cadere il governo, ma il contenuto del piano di stimolo” sul gruppo di lavoro lo è “inaccettabile”, lui dice RadioUno. “Non vogliamo che ci sia un altro gruppo di lavoro che sta coinvolgendo molti progetti cassetto e mangia i tuoi soldi. Ci sono ministri, le donne devono essere coinvolte Regioni ei ComuneE poi aggiunge: “Se ti serve il tecnici invece di ministri, lasciate che governino … “.

READ  LA LANTERNA VERDE - TUTTO PER DYBALA, TANTO PER CR7, C'È QUALCUNO PER BERNARDESCHI?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *