Ricerca: il cambiamento climatico potrebbe costarci il sonno

Ricerca: il cambiamento climatico potrebbe costarci il sonno

Se le emissioni di gas serra non vengono ridotte, le persone in tutto il mondo potrebbero perdere in media due settimane di sonno all’anno, dicono gli scienziati

orologi intelligenti

Per la loro ricerca, hanno raccolto dati su decine di migliaia di smartwatch e bracciali da tutto il mondo. Gli scienziati hanno collegato i tempi in cui gli utenti si sono addormentati e si sono svegliati con i bollettini meteorologici locali. La conclusione: più fa caldo fuori, più difficile è per le persone addormentarsi.

Secondo i ricercatori, ciò è dovuto al fatto che la pelle e la temperatura corporea diventano più sensibili alla temperatura ambientale durante il sonno.

Non tutti sono ugualmente infastiditi dal caldo durante il sonno. Ad esempio, le persone anziane hanno più problemi perché sudano meno per rinfrescare i loro corpi. Se la terra si riscalda ulteriormente, anche le persone nei paesi più poveri, le donne e le persone nei paesi in cui fa già caldo ne risentiranno più fortemente.

Mancanza di sonno

Era già noto che è difficile dormire in un ambiente caldo, affermano i ricercatori, ma secondo loro l’effetto delle condizioni meteorologiche sul sonno notturno non è stato ancora studiato. Avvertono che la mancanza di sonno può causare vari problemi fisici e mentali.

READ  Bere latte fa ingrassare il corpo umano secondo gli scienziati | All'estero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *