RISCALDAMENTO GLOBALE? È diventato un fenomeno mediatico solo dal 1988!

L’estate 1988 negli Stati Uniti fu il trampolino di lancio per tutte le discussioni sull’effetto serra. Vediamo cosa è successo durante questa stagione calda nel racconto dell’eminente climatologo Stephen Schneider. “Condizioni meteorologiche rare e anormali si sono verificate a maggio e giugno 1988. Normalmente, la corrente a getto, un grande fiume atmosferico alto 5 miglia, incanala direttamente i temporali lungo il settore centrale degli Stati Uniti, facendoli allontanare. spostandosi da una posizione abituale situata sopra la California meridionale e spostandoli verso il Midweast, fino al New England.

Ma questa primavera la corrente a getto si è divisa in due: un braccio più debole è andato nella California meridionale e lungo il Messico settentrionale, mentre un braccio più forte ha fatto una grande curva verso il Canada, rendere le tempeste un diversivo lontano dal grande bacino degli Stati Uniti.

Data l’elevata intensità del sole a maggio e giugno e la relativa assenza di nuvole e pioggia, la siccità e il caldo hanno cominciato a prendere piede a un ritmo impressionante in tutto il paese.

Poiché la California settentrionale, molte parti della California occidentale e il bacino del fiume Missouri erano già più asciutti del normale, si era capito che il disastro stava per accadere. I raccolti appena piantati si sono seccati, il Mississippi è sceso ai minimi storici ei media hanno pubblicato centinaia di rapporti sull’effetto serra che era stato filtrato per anni. Crepe nel suolo, piante in decomposizione, termometro fermato a 38 ° C, 100 ° F. Ma fu solo quando il baseball si fermò che la gente si rese conto che l’emergenza era davvero seria..

A Chicago si stava svolgendo una partita importante e, nonostante la grave siccità, i funzionari della fabbrica erano riusciti a mantenere verde il campo di gioco. All’improvviso ci fu una foschia che non si vedeva da decenni. Il gioco è stato interrotto. Quello che è successo a Chicago è iniziato a migliaia di chilometri dai fuochi fulminei di alcune celle temporalesche nel Saskatchewan, dove tre settimane di caldo intenso hanno seguito una primavera molto secca e un fronte freddo debole, invece di portare piogge benefiche, avevano prodotto un’esagerazione. numero di scosse elettriche.

READ  Catturato la prima immagine diretta di un mondo alieno - Spazio e astronomia

Ma non finisce qui. New York era come un matto dopo aver sopportato temperature di 35 ° C per 12 giorni consecutivi. Ruscelli d’acqua sgorgavano dalle strade, uscendo dalle bocche di sistemi antincendio usati illegalmente. La concentrazione di ozono nocivo ha infranto tutti i record.

Seicento sono state le vittime direttamente attribuite all’ondata di caldo. L’uragano George ha posto fine alla siccità ma ha causato danni devastanti. Fu allora che si decise di approvare una “legge per l’atmosfera”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *