“Quante altre grida di angoscia sulla salute mentale dei giovani devono essere pronunciate?”

“Quante altre grida di angoscia sulla salute mentale dei giovani devono essere pronunciate?”

“Quanti giovani lasceremo che sviluppino disturbi psicologici?” Chiedi a cinque studenti di educazione correttiva. Hanno intervistato insegnanti e studenti e hanno offerto una serie di soluzioni per concentrarsi maggiormente sul benessere dei giovani nell’istruzione secondaria.

La scorsa settimana abbiamo appreso che Daan, 14 anni, si era suicidato. Una prima vita umana che non era ancora iniziata veramente finì bruscamente. Purtroppo la sofferenza psicologica del giovane Daan non è un caso isolato. Di Ricerca SIGMA presso KU Leuven mostra che un giovane su cinque di età compresa tra i dodici ei sedici anni soffre già di disturbi psicologici da moderati a gravi. Queste cifre sono allarmanti. Gli studenti della scuola secondaria sono vulnerabili e si trovano in una fase cruciale del loro sviluppo. Ad oggi, non c’è ancora abbastanza supporto per farli sentire meglio. Anche il sindaco di Anversa, Bart De Wever, l’ha sperimentato l’anno scorso quando uno dei suoi figli aveva urgente bisogno di un aiuto psicologico esterno, ma non sapeva dove andare.

Vi esortiamo a prestare maggiore attenzione a queste grida di aiuto.

Nel 2020, i giovani dai 15 ai 19 anni di tutte le fasce d’età hanno tentato più spesso il suicidio. Questo è secondo uno studio in Suicide Line 1813. Prima che i giovani tentino il suicidio, lottano con difficoltà mentali. Ci prestiamo ancora troppo poca attenzione. Nel corso degli anni sono stati presi e adottati vari provvedimenti, ma questi sembrano insufficienti a ridurre i numeri elevati.

Come società, possiamo fare molti passi avanti se ci concentriamo sul sostegno all’istruzione. Per i giovani, l’istruzione è un luogo in cui trascorrono molto tempo ed è quindi importante per il loro sviluppo. Occorre prestare maggiore attenzione al benessere mentale degli studenti. Ma dov’è questo aiuto e questo impegno?

READ  Si arrabbia al bar: cliente arrestato, agenti feriti

Abbiamo intervistato insegnanti e studenti delle scuole secondarie per scoprire i problemi e le barriere che devono affrontare. Questi sondaggi mostrano che gli insegnanti hanno troppo poco tempo per affrontare e investire nelle difficoltà mentali che stanno vivendo gli studenti. Gli insegnanti di cura sono già presenti nell’istruzione secondaria, ma sono sovraccarichi e non sempre disponibili. Gli studenti indicano che non sempre sanno dove andare con le loro preoccupazioni. La frammentazione degli aiuti tra CLB, CAW, JAC e iniziative private è molto confusa e poco chiara, anche per gli adulti, figuriamoci per i giovani. Il nostro sondaggio ha anche mostrato che più della metà non osa andare al CLB. Sembra non essere abbastanza accessibile o ispirare troppa poca fiducia.

“Molti giovani oggi vanno in giro con molti dubbi, paure e insicurezze nella testa e hanno bisogno di un aiuto extra”.

– Insegnante di scuola secondaria anonimo

“Sfortunatamente, non sempre abbiamo abbastanza tempo per aiutare tutti come dovremmo”.

Insegnante di scuola secondaria anonimo

Come soluzione, insegnanti e consulenti degli studenti affermano che troverebbero un valore aggiunto se gli esperti fossero presenti a scuola in orari prestabiliti. Pensa agli psicologi scolastici, che sono già disponibili nell’istruzione superiore, per esempio. Perché non sono ancora impiegati nell’istruzione secondaria?

“Non mi confiderei mai con un insegnante della mia scuola, anche se frequento una scuola sociale dove tutti dovrebbero essere premurosi e socievoli”.

Studente liceale anonimo

“Sono necessari più esperti di psicologia nel campo dell’istruzione”.

– Insegnante di scuola secondaria anonimo

Il governo fiammingo organizza numerosi corsi di aggiornamento. Penseresti che questi potrebbero offrire una soluzione per fornire maniglie. Tuttavia, i corsi di aggiornamento prioritari si concentrano principalmente sui contenuti delle lezioni e anche qui il tema della salute mentale cade nel dimenticatoio. Nel sondaggio tra gli insegnanti, abbiamo notato che i corsi di aggiornamento sul benessere mentale sono poco frequentati. Le persone vedono la necessità di supporto, ma perché non ci lavorano attivamente? Gli insegnanti e gli studenti intervistati indicano che gli strumenti disponibili su questo tema sono limitati. La mancanza di strumenti adeguati per aiutare gli studenti è un fattore cruciale che non viene ancora affrontato.

READ  dopo i temporali, forte ESPLOSIONE dell'ANTICICLONE AFRICANO sull'ITALIA. LE CONSEGUENZE fino a venerdì »ILMETEO.it

Gli insegnanti hanno bisogno degli strumenti giusti per riconoscere i segnali e agire di conseguenza. In questo modo, possono riempire efficacemente il loro tempo limitato. Gli insegnanti di materia e cura potrebbero quindi meglio supervisionare e sostenere un riferimento al CLB, eventualmente abbassando la soglia. Altrimenti? In secondo luogo, si prevede un piccolo miglioramento in termini di benessere mentale degli studenti delle scuole superiori.

Non dimentichiamo che la nostra società è stata completamente scossa negli ultimi 3 anni dalla pandemia di corona e dalle misure che ne sono seguite. I giovani vulnerabili si sono trovati ancora più isolati e spesso non avevano un posto dove andare. Questi problemi non sono improvvisamente scomparsi come neve al sole ora che si spera che le misure siano state revocate.

Curiosamente, negli ultimi anni l’attenzione si è sempre più concentrata sui risultati PISA dei nostri studenti, ai quali viene detto sempre di più che apparentemente non vanno abbastanza bene e che prima andava tutto meglio. Questo non è esattamente il messaggio che i giovani con pensieri suicidi aspettano. Non potrebbe essere che concentrarsi su un migliore benessere per i nostri studenti porterebbe a migliori risultati accademici?

Ciò richiede un approccio globale e olistico a questo problema, esaminando a tutti i livelli i modi per migliorare il benessere dei nostri giovani a scuola.

Non aiuta davvero che alcuni politici lancino una nuova linea di abbigliamento, con sovvenzioni ai partiti, soprattutto, per allo stesso tempo marchio personale fare. Inoltre, il legume di risorse che si “raccolgono” per la “buona causa” è in realtà una negazione totale della gravità del problema della carenza di personale a tutti i livelli della nostra istruzione. I politici non dovrebbero fare beneficenza, ma sviluppare proposte politiche e trovare soluzioni reali, non elemosine.

READ  Possiamo monitorare la malattia di Parkinson con un orologio connesso? Salute e scienza

Chiediamo quindi a tutte le parti politiche di trovare urgentemente insieme soluzioni per raggiungere in tempo quanti più giovani in difficoltà possibile e prevenire nuove tragedie. Costruiamo insieme una migliore salute mentale per i nostri giovani.

Eve Amelinckx, Femke De Vos, Freya de Toddler, Kato Jacobs e Nassima Dahri sono cinque studentesse di recupero della Karel de Grote Hogeschool. Prescrivono questo contributo dell’ospite Visualizzazione a suo nome.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *