Ristoro 5 per 32 miliardi durante la prima manovra di Draghi

Un vero manovra aggiuntiva di 32 miliardiper far fronte alle emergenze economiche dovute all’epidemia di coronavirus in Italia. In effetti, il testo del Decreto legge 5 sulla ristorazione, che in pratica rappresenta un divario di bilancio. Al centro della misura, oltre all’integrazione degli aiuti alle imprese e alle famiglie, anche il rifinanziamento della cassa integrazione guadagni e gli effetti del blocco degli esuberi.

“Il governo dovrà proteggere i lavoratori, tutti i lavoratori”, ha detto Draghi. “Ma sarebbe un errore proteggere indifferentemente tutte le attività economiche”, aggiunge poco dopo. Alcuni ”dovranno cambiare, anche radicalmente. È la scelta dei beni da proteggere e quale sostenere nel cambiamento è il difficile compito che la politica economica dovrà affrontare nei mesi a venire ”.

Secondo Draghi, la strategia a sostegno delle imprese e del lavoro partirà da coloro che hanno pagato il prezzo più alto fino ad oggi, i lavoratori autonomi, i giovani e le donne. Il DL oltre a garantire le risorse necessarie per il estensione degli aiuti alle imprese, del licenziamenti e congelamento dei licenziamenti, dovrebbe anche risolvere il problema delle leggi fiscali in sospeso. È tutto File che il contribuente avrebbe dovuto inviare circa 50 milioni di dollari ai contribuenti lo scorso anno, a cui si aggiungeranno quelli per il 2021.

Con un primo decreto legge ad hoc, la spedizione è stata sospesa fino al 31 gennaio, a cui si è aggiunto un secondo provvedimento quale tutto congelato fino al 28 febbraio. La domanda ora è quale soluzione immediata proporrà il governo. Fermo restando che sul fronte fiscale, la strada indicata da Draghi è quella di una visione più ampia della tanto attesa riforma fiscale. Oltre a risolvere i problemi che sono in cima alla lista per grado di urgenza, il piano di recupero deve essere riscritto.

READ  Fiscalità, agevolati i sequestri sui conti correnti

“Il governo riformerà ma affronterà anche l’emergenza. Non c’è né prima né dopo ”, secondo Draghi. Il governo precedente “ha già svolto molto lavoro sul programma di recupero e resilienza (pnrr)”, quindi “dobbiamo approfondire e completare questo lavoro che, comprese le necessarie discussioni con la Commissione europea, avrebbe una scadenza molto breve, fine aprile “.

Rinfreschi

La necessità di sostenere le imprese in difficoltà ha portato l’ex leader a chiedere un deficit di bilancio di 32 miliardi di dollari. Ora il governo Draghi deciderà cosa meccanismo di distribuzione delle risorse.

File fiscali

Entro il 28 febbraio devono essere avviati i provvedimenti per la gestione delle attività dell’Agenzia delle Entrate, fino al superamento dell’emergenza sanitaria e, quindi, gli uffici sono pronti a riprendere regolarmente in piena sicurezza le loro attività. Il ritorno a tempi “normali” consentirà anche a molti contribuenti che ora si trovano in difficoltà economiche di poter far fronte ai propri obblighi fiscali. Naturalmente, il pacchetto “congelato” include l’attività di raccolta e notifica obbligatoria degli avvisi di valutazione.

Recupero

Insieme al lancio della “ manovra ” di aggiornamento, il governo dovrà fare i conti con il nuovo piano di stimolo, che dovrà contenere le misure per riavviare il Paese, scritte nel modo giusto e al momento giusto per l’Europa approvarli. . Per fronteggiare la crisi innescata dal coronavirus, l’Italia dispone di un assegno Ue da 209 miliardi, ma prima che venga firmato l’Italia dovrà dimostrare di essere in grado di rispettare le regole fissate dall’Europa. La conoscenza di Draghi dei meccanismi europei come pochi altri permette a molti, in Italia e all’estero, di avere fiducia nel loro rispetto.

READ  Riforma Irpef, modello tedesco, semplificazione ed equità: la ricetta del CNDCEC

In collaborazione con Adnkronos

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *