Rutte: non si esclude più risarcimenti per la guerra in Ucraina |  Interno

Rutte: non si esclude più risarcimenti per la guerra in Ucraina | Interno

I Paesi Bassi abbasseranno le accise sul carburante da aprile, un mese dopo il governo abbasserà l’IVA sulla bolletta energetica. Le famiglie in assistenza sociale ricevono un’indennità aggiuntiva significativa attraverso i comuni per la loro spesa energetica in rapido aumento. Il pacchetto costerà circa 2,7 miliardi di euro, denaro che il governo raccoglie in gran parte dall’impennata delle entrate del gas naturale.

Tuttavia, gli esperti sottolineano che per molte persone, la compensazione del governo non copre i costi drammaticamente aumentati. Interrogato in merito al programma televisivo WNL di domenica, il primo ministro Rutte ha affermato di “non escludere” nuove misure. “Ma ci sono limiti a ciò che possiamo fare”, ha detto.

Impatto a lungo termine dovuto alla guerra

Secondo Rutte, il nostro continente dovrà fare i conti con l’impatto della guerra che sta imperversando in Ucraina per molto tempo a venire. “La nostra economia lo sentirà. Questo è il più grande colpo geopolitico del dopoguerra.

Il Primo Ministro sembra fermamente convinto che i Paesi Bassi alla fine entreranno in recessione, come è stato suggerito qua e là. “È troppo deprimente. E non è saggio speculare al riguardo. La nostra economia funziona come un incantesimo.

Rutte definisce “uno sviluppo preoccupante” il fatto che la Russia abbia effettuato un attacco missilistico contro una base militare ucraina vicino al confine con la Polonia, paese della NATO, ieri sera. Tuttavia, non pensa che Putin stia cambiando idea. “Tutto indica che stanno evitando il confronto con la NATO”, dice dei russi.

L’attacco missilistico russo a una base militare ucraina non lontano dal confine polacco è “estremamente preoccupante ed è un’ulteriore escalation”, ha detto domenica al WNL il primo ministro Mark Rutte. Secondo lui, la Russia evita sempre un confronto con la NATO.

READ  Attenti al canone Rai: cosa fare prima del 20 agosto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *