Schiphol: Niente più limiti al numero di viaggiatori |  interno

Schiphol: Niente più limiti al numero di viaggiatori | interno

Dopo marzo, Schiphol non fisserà più un limite al numero di viaggiatori che possono partire dall’aeroporto ogni giorno. Sono state reclutate abbastanza guardie di sicurezza per evitare problemi come quelli dell’anno scorso, ha dichiarato mercoledì il CEO ad interim Ruud Sondag.

Schiphol e le compagnie aeree continueranno a lavorare insieme per garantire che i giorni di punta si svolgano senza intoppi. Ci sono anche alcune volte durante questi giorni di punta in cui partono molti voli. Una migliore distribuzione dei viaggiatori in partenza migliora il throughput. Se gli accordi volontari non porteranno a risultati sufficienti, Schiphol imporrà comunque restrizioni per i giorni di punta.

Sondag ha dichiarato in un comunicato: ,,Le cose stanno andando bene verso le vacanze di maggio. Dall’inizio della stagione 2023, a fine marzo, continueremo a crescere e lo faremo in modo ragionato e progressivo, nell’interesse di viaggiatori, dipendenti e compagnie aeree. Non correremo rischi. Vogliamo offrire ancora una volta la qualità e la sicurezza che tutti possono aspettarsi da Schiphol. »

Entro le vacanze di maggio Schiphol sarà in grado di accogliere una media di oltre 70.000 viaggiatori in partenza al giorno, questa è l’idea attuale. Schiphol non sta ancora guardando oltre le vacanze di maggio, ma presto inizieranno i discorsi sulle vacanze estive. “Poi avremo più personale e le folle saranno distribuite su un periodo di tempo più lungo”, afferma Sondag. Per rendere tutto possibile, Schiphol conta anche un po’ sul viaggiatore. Può mettere più cose in un contenitore durante il controllo, soprattutto se viaggiano con altre persone. Schiphol sta inoltre schierando personale per aiutare in questo.

READ  Patente per il popolare cambio automatico: 'Perché complicarlo?'

Reazioni della compagnia aerea: “Aspettiamo l’estate in modo positivo”

La compagnia aerea KLM è positiva riguardo alle aspettative di Schiphol. Anche Transavia è soddisfatta “degli sforzi compiuti da Schiphol e da altri attori del settore”. Il tour operator TUI sottolinea che è così che dovrebbe essere e ritiene che Schiphol abbia gestito bene le cose dopo il caos dello scorso anno. TUI conferma che sta lavorando con Schiphol e altre società del settore per esaminare le possibilità di prevenire il sovraffollamento nelle ore di punta. “Tutti vogliono contribuire a questo perché nessuno vuole una stagione estiva come l’anno scorso”, ha detto un portavoce. “Non vediamo l’ora che arrivi la prossima estate”.

Caos e code

L’anno scorso, Schiphol ha affrontato code problematiche e caotiche a causa della mancanza di guardie di sicurezza ai controlli di sicurezza. In alcuni giorni, i tempi di attesa erano così lunghi che i passeggeri perdevano i voli e le compagnie aeree dovevano cancellare i loro viaggi. Per consentire la continuazione del flusso di passeggeri a Schiphol, le compagnie aeree erano chiaramente riluttanti a limitare il numero di passeggeri.

Le immagini dell’aeroporto hanno fatto il giro del mondo. Schiphol ha quindi deciso di adottare una serie di misure. Ad esempio, ha lanciato una campagna di reclutamento per reclutare più personale di sicurezza. Anche le condizioni di lavoro di questo gruppo di dipendenti sono migliorate. L’aeroporto afferma che finora è stata assunta circa la metà delle 850 guardie di sicurezza aggiuntive richieste. Nelle prossime settimane se ne aggiungeranno altre centinaia.

READ  Il jackpot americano del jackpot non cade, nuova fortuna lunedì a 1,9 miliardi di dollari | All'estero

Affrontare la carenza di personale

KLM rileva che “l’intero settore si sta impegnando per risolvere la carenza di personale” e avverte che rimane importante “che tutte le parti del settore continuino a monitorare l’evoluzione delle assunzioni di personale”. Transavia afferma di aver assunto personale aggiuntivo e di aver raggiunto buoni accordi, ad esempio, con gli handler. “Siamo fiduciosi che la stagione estiva passerà senza grossi problemi per passeggeri e dipendenti, anche se non mancheranno momenti in cui sarà impegnativa”.

Sander van Mersbergen

© Sander van Mersbergen

Unisciti alla conversazione.
Puoi rispondere in fondo a questo articolo. Verranno pubblicati solo commenti rispettosi con un nome completo. Lo facciamo perché vogliamo una conversazione con persone che si attengono a ciò che dicono e quindi ci mettono il loro nome. Coloro che devono ancora inserire il proprio nome possono farlo cliccando su ‘Accedi’ in alto a destra nel nostro sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *