Scienza: perché i gatti hanno strisce e macchie sui loro cappotti?

Gli scienziati rivelano che una teoria di 70 anni che spiega i modelli trovati in natura è valida per capire perché i gatti hanno macchie o strisce sui loro cappotti. Ciò che è curioso è che anche se la teoria era già presente, per molto tempo il motivo è rimasto un enigma.

Sebbene i biologi abbiano identificato le cellule del follicolo in cui crescono i capelli come la fonte dei pigmenti neri, marroni, gialli e rossi che colorano la pelliccia dei gatti, non sapevano “quando e dove il processo di creazione del modello di colore”. ha preso posto “. , ha affermato Gregory Barsh, genetista presso l’Hudson-Alpha Institute of Biotechnology, Alabama, USA, sulla rivista Science.

Tuttavia, quest’ultimo aveva alcuni indizi. Il pioniere del computer Alan Turing ha suggerito nel 1952 che le molecole che si inibiscono e si attivano a vicenda potrebbero creare schemi periodici in natura se sono diffuse attraverso i tessuti a velocità diverse. come spiega Elizabeth Pennisi nella scienza.

Trent’anni dopo, altri scienziati applicarono la loro teoria per sviluppare un’ipotesi su come io modelli di colore quando si sviluppa in natura. Hanno scoperto che le molecole attivatrici conferiscono colore cellulare, ma producono anche inibitori, che si diffondono più velocemente degli attivatori e possono fermare la produzione di pigmento. Pennisi sottolinea che nel 2019 questa idea si è rivelata corretta nei fiori di Dracula Simia, chiamato anche Monkey Orchid.

Nonostante i progressi, gli scienziati dovevano ancora trovare la chiave e non sapevano come si sviluppasse il colore della pelliccia nei mammiferi, finché il team di Barsh non ha trovato la risposta nel 2020 in due proteine ​​note: le molecole Wnt e DKK4. .

READ  4 esercizi psicologici che ti aiuteranno a sviluppare il tuo intuito

Il team ha scoperto che nei gatti le molecole Wnt e DKK4 funzionano rispettivamente come attivatori e inibitori. Sulla pelle scura, esistono in quantità quasi uguali. Secondo Pennisi, nelle aree più chiare, la proteina DKK4 che si muove più velocemente probabilmente estingue Wnt, fermando la produzione di pigmento e generando così strisce, come previsto dalla teoria di Turing.

Il fatto che semplici interazioni tra molecole possano spiegare la varietà di modelli di colore del mantello nei mammiferi “è un esempio di economia in natura. Ciò suggerisce che le stesse molecole e percorsi potrebbero essere riutilizzati per progettare strutture stesse. diversi e su scale diverse per formare i complessi elementi dell’anatomia dei vertebrati “, ha detto a Science Denis headon, biologo dello sviluppo presso il Roslin Institute, Scozia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *