Scienza, un nuovo, efficace e sicuro analgesico

Scienze e tecnologia

URL abbreviato

Il dolore aiuta gli animali a evitare i traumi: rimuovono un arto se fa troppo caldo o si prendono cura delle parti danneggiate del corpo per guarire rapidamente.

Tuttavia, la costante sensazione di dolore causata da disturbi cronici o da disturbi nel funzionamento dei recettori può complicare notevolmente la vita. Gli antidolorifici aiutano, ma hanno effetti collaterali e possono anche creare dipendenza. Sputnik ti spiega come la scienza propone di risolvere il problema.

Centri del dolore

Il dolore è la risposta al danno a cellule e tessuti. Quando ci feriamo, cellule e tessuti rilasciano sostanze chimiche specifiche che agiscono sui recettori del dolore, terminazioni nervose sensibili. Qui vengono creati impulsi elettrici che vengono poi trasmessi attraverso le fibre nervose al cervello dove percepiamo il dolore.

“I recettori del dolore (nocicettori) sono terminazioni delle cellule nervose. Si trovano nella pelle, nei muscoli e in alcuni organi interni. Rispetto ad altri recettori, i nocicettori differiscono in quanto reagiscono solo a stimoli di intensità disturbante: infatti, una leggera pressione non provoca dolore ”, scrive il giornalista scientifico Petr Talantov nel suo libro 0.05. Dokazatelnaya meditsina.

Venire osservato Il medico russo Vyacheslav Dubynin, ad essere di fondamentale importanza nell’emissione dei segnali del dolore sono le prostaglandine, cioè le molecole che si formano dalla membrana cellulare quando si deteriora. Pertanto, alcuni antidolorifici hanno lo scopo di impedire che l’area danneggiata li produca: del resto, se la loro concentrazione è bassa, il dolore scompare. Tuttavia, questi farmaci hanno molti effetti collaterali anche se non creano dipendenza.

READ  Il radiotelescopio di Arecibo, Et hunter - Space & Astronomy, va in pensione

Più efficace della morfina

La dipendenza è tipica di quegli analgesici, sulla base dei quali esistono composti simili all’acido gamma-aminobutirrico o alle endorfine. Queste sostanze utilizzano neuroni inibitori specifici nel midollo spinale come mediatori. Il loro compito principale è bloccare i segnali deboli del dolore e lasciare che i segnali più importanti entrino nel sistema nervoso centrale.

Secondo Dubynin, al momento, i dolori più gravi possono essere eliminati solo con la morfina o composti simili perché le loro molecole sono simili alle endorfine.

Una soluzione alternativa che non creava dipendenza era ambientazione da scienziati giapponesi e americani. La nuova sostanza si chiamava AT-121. Da un lato, proprio come gli analgesici oppioidi, attiva i recettori μ-oppioidi, mentre dall’altra agisce come nocicettine. Inibiscono come funzionano i ricevitori che influenzano il comportamento istintivo ed emotivo con cui gli antidolorifici oppioidi sono solitamente collegati. Di conseguenza, l’AT-121 elimina il dolore intenso senza dare una sensazione di soddisfazione, come fa la morfina. Pertanto, non è una dipendenza.

Il farmaco è stato testato su macachi in cui è stato inoculato in 3 diverse dosi (da 0,003 microgrammi per kg di peso animale a 0,03 microgrammi). Quindi acqua a 50 ° C è stata versata sulla coda dell’animale. Inoltre, alcuni esemplari sono stati applicati alle zampe dei cerotti che mostravano sostanze irritanti.

I primati che hanno assunto dosi elevate di AT-121 hanno risposto meglio al dolore rispetto a quelli inoculati con dosi inferiori del farmaco o rispetto agli animali di controllo. Inoltre, il nuovo composto garantisce lo stesso effetto analgesico della morfina, ma con una somministrazione 100 volte inferiore.

Le osservazioni sugli animali hanno dimostrato che l’AT-121 non causa effetti collaterali o dipendenza. Come riferiscono gli autori dello studio, il farmaco “inibisce la sensazione di dolore meglio della morfina, ma il suo uso non induce quella sensazione euforica che di solito crea dipendenza”.

READ  Cubo serio e test psicologico della scala: scoprilo da solo
Gestione del dolore

Scienziati dell’Istituto Shemyakin e Ovchinnikov per la chimica organica della RAN Hanno scoperto nel sistema nervoso umano, un analgesico naturale, nocistatina. È una molecola recettoriale a base di proteine ​​che interagisce con i canali ASIC situati nel rivestimento cellulare.

Quando cellule e tessuti vengono danneggiati, vengono prodotte sostanze chimiche specifiche, molecole di segnale. I canali ASIC li riconoscono ed emettono un segnale elettrico, cioè trasmettono informazioni sul dolore. Questi canali gestiscono gli ingressi e per aprirli è necessaria la chiave corretta. Nocistatin sarebbe proprio la chiave giusta. All’interno della sostanza intracellulare, la molecola contribuisce alla sua acidificazione con la conseguente attivazione dei canali ASIC. Quindi l’uomo sente dolore.

Secondo i ricercatori, l’antidolorifico di prossima generazione dovrebbe mirare a inibire la produzione di nocistatina. Quindi, due problemi critici potrebbero essere risolti: ridurre il danno prodotto dagli antidolorifici e prevenire la creazione di dipendenza.

Tra le altre cose, questi problemi possono essere risolti anche utilizzando il comune effetto placebo, Discuti Scienziati britannici e cileni. Hanno fornito una crema neutra a circa 200 volontari con artrosi cronica e fibromialgia che ha causato loro dolore muscolare, legamentoso e tendineo continuo. I volontari sono stati invitati a partecipare a studi clinici su un nuovo potente analgesico. Il gruppo di controllo era composto da 98 soggetti sani che, dopo aver steso la crema, sono stati sottoposti a raggi laser piuttosto dolorosi che hanno ricreato il dolore cronico.

Di conseguenza, i pazienti con la sindrome e i membri del gruppo di controllo hanno riportato una diminuzione della sensazione di dolore già dopo 2 settimane. Mentre alcuni hanno addirittura parlato della sua totale scomparsa.

Ciò significa, secondo gli autori dello studio, che i soggetti con dolore cronico sono in grado di influenzare l’intensità dello stesso senza l’ausilio di analgesici.

READ  La mappa del rischio Covid, a Latina 26% di probabilità di incontrare un contagiato su 100 persone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *