Scooter condivisi su pneumatici dopo 1000 segnalazioni di disturbo in un anno a Tilburg

Il numero di scooter condivisi a Tilburg è quasi dimezzato. Ora ce ne sono circa 400 in città, al 1 settembre ce ne sono ancora 250 divisi tra due fornitori. Ciò significa che GO Sharing, attualmente unico fornitore, dovrà rimuovere circa 275 scooter elettrici. L’anno scorso ci sono state oltre mille segnalazioni di fastidiosi scooter elettrici condivisi, quindi il comune sta prendendo provvedimenti.

Gli scooter elettrici condivisi di GO Sharing, Felyx, Check e Tier, tra gli altri, sono diventati un concetto familiare nelle città del Brabante dal 2020. Il principio è semplice: con un’app sul telefono ti connetti al servizio e con la stessa app , sblocchi lo scooter più vicino, dopodiché puoi guidarlo da A a B. Quindi paghi la distanza percorsa.

1000 reclami
Gli scooter elettrici condivisi vengono utilizzati al meglio, poiché l’anno scorso a Tilburg ci sono state mezzo milione di corse. Contestualmente sono pervenute al Comune più di mille denunce di disturbo riguardanti le due ruote dell’unico provider GO Sharing.

La popolarità del servizio significa che gli scooter vengono lasciati ovunque. Sui vialetti, sul marciapiede, si verificano spesso atti di vandalismo. Gli scooter elettrici condivisi che vengono dati alle fiamme, finiscono in un fosso o addirittura messi nei carrelli della spesa non fanno eccezione. C’è anche un molto Account Instagram dedicato a.

Tre fornitori
Il comune di Tilburg interviene ora e propone una politica rigorosa. Dal 1 settembre ci sarà spazio per tre fornitori, ma meno scooter. GO Sharing è consentito solo per offrire 125 e-scooter condivisi e 125 e-bike condivisi. Attualmente ci sono tra 350 e 400 scooter GO Sharing a Tilburg e dintorni.

READ  Bonus TV non disponibile in tutti i negozi: ecco come funziona

I nuovi arrivati ​​a Tilburg sono Felyx con 125 scooter elettrici condivisi verde scuro e Ride Dott, che ha 125 biciclette disponibili a Tilburg. Le tre società possono aumentare di 50 veicoli a due ruote ogni sei mesi, ma solo se il fastidio non aumenta. I requisiti di autorizzazione sono chiari:

  • Gli scooter parcheggiati in modo improprio o rotti devono essere riparati o ritirati entro 24 ore.
  • Tutti gli scooter e le biciclette devono essere privi di danni e sicuri.
  • Le aziende sono responsabili di un parcheggio adeguato.
  • Deve essere impossibile parcheggiare in modo errato tramite software.

Segnala un fastidio
Il nuovo arrivato Felyx dice di poter soddisfare tutti i requisiti. “In diverse città, risolviamo i problemi con gli scooter parcheggiati in modo improprio entro 24 ore”.

Il Comune di Tilburg applica attivamente il parcheggio illegale nel centro della città. “Facciamo il resto della città in base ai rapporti”. La multa è di 70 o 100 euro per uno scooter parcheggiato male, a seconda della posizione e del pericolo. Felyx dice che passerà queste multe all’utente.

Nessuna politica ancora
Gli scooter elettrici condivisi sono piuttosto recenti. Fino a poco tempo, Tilburg e molte altre città non avevano regole chiare. Ad esempio, Breda e Den Bosch sviluppano sempre nuove politiche. Eindhoven ha da tempo regole rigide per i permessi.

“Vogliamo solo continuare a offrire questo servizio, perché Tilburg merita una mobilità condivisa pulita”, spiega un portavoce del comune. Sottolinea che scooter e biciclette condivisi aiutano a rendere la città più sostenibile. “Allo stesso tempo, devi ridurre il fastidio e ciò richiede regole”.

LEGGI ANCHE:

Chi interviene contro gli scooter condivisi parcheggiati in modo improprio? Il comune non (sempre)

READ  Quanto costa in vendita sul web l'Alfa Romeo Flying Disco?

Tre volte più scooter condivisi, il parcheggio rimane difficile

È così che Pia si fa strada sulla sua sedia a rotelle superando tutti i velenosi scooter verdi

La polizia verificherà ulteriormente se i conducenti di scooter verdi condivisi hanno la patente di guida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *