Se dobbiamo mangiare smulbos, avremo fame

Se dobbiamo mangiare smulbos, avremo fame

È ora di far uscire dall’oblio Trofim Lyssenko. Lyssenko era un biologo russo che, poco dopo la seconda guerra mondiale, inventò la sua versione dell’ereditarietà che violava le leggi di Mendel (e tutto ciò che ora sappiamo sul DNA e la genetica). Ad esempio, postulò che le piante potessero trasmettere le proprietà acquisite alla loro prole e che questo fosse un ottimo modo per migliorare i raccolti dell’agricoltura gravemente malata dell’Unione Sovietica.

Sotto Stalin, il lyssenkismo divenne la dottrina ufficiale e chiunque lo contraddisse perse almeno il lavoro, se non un biglietto di sola andata per un campo di concentramento. La politica agricola basata sulla pseudoscienza di Lysenko ha contribuito alle carestie che hanno ucciso milioni di persone nell’Unione Sovietica e nella Cina di Mao.

Rutte non è Stalin, e la vera agronomia è ancora insegnata all’Università di Wageningen (WUR), ma parte della politica nei Paesi Bassi è nella morsa del Lyssenkismo del 21° secolo: l’agricoltura circolare. Non diamo per scontato che i contadini che non vogliono convertirsi vengano rinchiusi nei campi di rieducazione, ma rischiano di perdere il lavoro e la loro impresa, e se l’intera Unione europea si unisse a questa follia con tanto entusiasmo che Anche nei Paesi Bassi non si può escludere una carestia di massa in regioni vulnerabili come l’Africa.

Non sorprende che GroenLinks sia in prima linea nel lyssenkismo del 21° secolo, seguito da vicino da D66. Più un partito politico è progressista, più è suscettibile alle idee grandiose, che si riducono sempre al fatto che non esistono scelte difficili e che ognuno può andare per la propria strada, tranne l’1% di capitalisti.

Nel caso dell’agricoltura circolare, è l’idea grandiosa che non ci sia contraddizione tra natura e agricoltura. Tutta l’agricoltura moderna con i suoi concentrati, fertilizzanti, erbicidi, pesticidi, organismi geneticamente modificati, antibiotici, trattori e robot di mungitura è nella migliore delle ipotesi un tragico errore in questo modo di pensare, ma in realtà ovviamente una cospirazione del complesso agroindustriale all’1% di milionari realizzare profitti esorbitanti sulle spalle di agricoltori e consumatori.

Niente di tutto questo è necessario finché viviamo in armonia con la natura. Quindi la natura ci darà tutto ciò di cui abbiamo bisogno.

Crea con la scienza

Lyssenko ha inventato la propria genetica, poiché non ha imposto i fastidiosi limiti della genetica esistente al miglioramento dell’agricoltura nell’Unione Sovietica. I Lyssenko dell’Olanda progressista proclamano che se buttiamo a mare quasi tutta la tecnologia moderna e chiudiamo i cicli agricoli, l’agricoltura, mano nella mano con la natura, continuerà a produrre cibo per 8 miliardi di persone, e tra un po’ per 10 miliardi.

READ  SETTEMBRE, SUBITO UN COLPO DI PALCOSCENICO che potrebbe stravolgere il resto dell'AUTUNNO. AGGIORNAMENTI »ILMETEO.it

Il lyssenkismo era chiaramente contro i fatti, ma Stalin non voleva sentirlo. L’influenza di Lyssenko diminuì solo quando Krusciov salì al potere. L’idea che centinaia di milioni di tonnellate di cibo per l’uomo possano essere estratte ogni anno da un’agricoltura a ciclo chiuso (di nutrienti come azoto e fosfato), cioè senza fertilizzanti chimici, senza esaurire il sistema agricolo, è altrettanto concreta quanto la teoria di Lyssenko di ereditarietà. Ma la Commissione Europea non vuole sentirlo finché Frans Timmermans in particolare è ancora in giro, e i ciclisti da corsa nella politica olandese continueranno a cavalcare in alto altrettanto a lungo.

Un’immagine vale più di mille parole vuote, deve aver pensato la deputata Laura Bromet quando ha presentato l’ultima settimana scorsa Fumetto di pio desiderio di GroenLink pubblicato su Twitter. Questa carta rappresentava “I Paesi Bassi oltre la crisi dell’azoto”. Che prospettiva paradisiaca piena di abbracci riciclati per agricoltori, cittadini e appassionati di outdoor!

Gli agricoltori hanno un buon reddito “in equilibrio con la natura” e tutti vivono in “abitazioni economiche e rispettose della natura”. Abbiamo pensato anche al lupo, che ultimamente ha avuto qualche problema di equilibrio. D’ora in poi rimarrà automaticamente nel Veluwe, “dove la quercia si riprende e il lupo può vivere in pace”.

“Smulbo per immigrati”

Con calma. Assapora questa parola. Un predatore che morde a morte interi greggi di pecore per divertimento e prende solo un morso da ogni pecora è un po’ difficile nel ciclo. Così anche il lupo subirà una miracolosa trasformazione e ora vivrà “in pace”. Non è elencato, ma immagino che i Silent Wolves uccideranno solo la preda più necessaria per ristabilire l’equilibrio, come medici dell’eutanasia non pagati per il gioco nel Veluwe.

Il piumino riciclato più popolare è la foresta alimentare. Secondo la vignetta, “l’allevamento intensivo lascia il posto, tra l’altro, alle foreste alimentari”. L’idea di una food forest è che, con un piccolo ritocco, puoi creare una foresta che produca un ricco menu di frutta commestibile, noci, verdure a foglia, funghi e tuberi.

Il patriarca della food forest olandese è la “food forest for immigrants” che un club ambientalista del Gelderland ha iniziato a costruire nel 2004. Principalmente perché, secondo le loro stesse ricerche, agli immigrati non piaceva molto la natura, ma soprattutto perché raccoglievano cibo gratis. Certo, ha generato un bel po’ di satira, quindi è stata una falsa partenza; d’ora in poi, tutte le food forest sono “inclusive”, quindi anche per gli indigeni a beneficiarne.

READ  Telescopi puntati su Leonard, la cometa di Natale - Space & Astronomy

La foresta alimentare di Schijndel

È vero che anche Bromet non sostiene che tutta l’agricoltura debba essere sostituita da food forest, ma rimane una questione rilevante: quanti ettari di food forest ci vogliono per sostituire 1 ettaro di coltivazione intensiva o allevamento intensivo? Informazioni su questa agricoltura intensiva sono facili da trovare: un ettaro di patate dà 40 tonnellate di raccolto all’anno. In altre parole: un grosso camion con un rimorchio pieno di patate vicino al campo di calcio. Un ettaro di “grassphalt” con 5 mucche, odiato dagli ecologisti, produce 40 metri cubi di latte all’anno: un serbatoio pieno per campo di calcio.

Quante noci, tuberi e bacche produce un ettaro di food forest? Non ho trovato alcuna informazione seria su questo argomento. Fino ad ora, le foreste alimentari in Europa sono sempre state concepite come un progetto educativo o per il tempo libero, in cui la dimensione della produzione non gioca un ruolo. WUR gestisce da tempo un progetto di monitoraggio foreste alimentari nei Paesi Bassima a quanto pare non è stato ancora rilasciato.

Inoltre non è irrilevante: le mucche danno il latte ogni giorno e il contadino ottiene un raccolto da un campo una o due volte l’anno. Ma la prospettiva di una nuova food forest aspetta, aspetta, aspetta. La più grande foresta alimentare d’Europa – 20 ettari – è attualmente in costruzione vicino a Schijndel, e si dice che sia consapevole ‘foresta alimentare di produzione’. L’iniziatore Wouter van Eck riferisce con orgoglio che lamponi e frutti di bosco possono essere raccolti dopo tre anni, mele e pere dopo cinque anni e noci e castagne dopo quindici anni. Quindi, se fermiamo ora l’agricoltura intensiva, dal 2037 potremo mangiare responsabilmente le castagne per ottenere le nostre proteine.

Una foresta alimentare sovvenzionata?

Van Eck vi attribuisce alcune affermazioni insostenibili, come ad esempio che non sarà necessaria alcuna manutenzione (potatura, diserbo) nella foresta alimentare di Schijndel, che le erbacce moriranno spontaneamente e che parassiti e malattie non possono comparire. Bromet può crederci, ma nessun agricoltore ci casca.

GroenLinks e i relativi ciclisti da corsa sono ancora molto indignati per i sussidi all’agricoltura intensiva. Dopotutto, questo dimostra che l’agricoltura intensiva è anche economicamente insostenibile? La foresta alimentare di 20 ettari a Schijndel riceverà inizialmente una sovvenzione di 300.000 euro dalla provincia del Brabante Settentrionale per la costruzione e un’esenzione dall’affitto per il terreno per altri cinque anni. Gran parte del lavoro è svolto anche da volontari. Continueranno a svolgere questo lavoro non retribuito fino a quando il taglio della foresta comincerà finalmente a portare un po’ di reddito?

READ  temperature record nell'Artico, +34 °C in Finlandia e Norvegia [MAPPE]

On ne trouve donc pas de données réelles sur la production d’une forêt alimentaire, mais j’estime que la récolte annuelle des forêts alimentaires représente au plus dix pour cent de l’agriculture moderne et de l’élevage, et probablement seulement quelques pour cento. Come mai? Perché le moderne colture agricole sono state allevate e coltivate per migliaia di anni al fine di fornire la maggior porzione possibile di prodotto commestibile per l’uomo il più rapidamente possibile. E nei campi, la crescita di piante inutili per l’uomo viene attivamente impedita.

Al contrario, in una food forest, tutti i tipi di specie crescono in competizione tra loro per la luce solare e le scarse sostanze nutritive. E di gran lunga la maggior parte di questa crescita annuale – quindi il raccolto potenziale – è costituita da cose non commestibili per l’uomo: legno, foglie e radici legnose. Solo se le persone potessero mangiare il legno, le giovani foreste di conifere a crescita rapida potrebbero essere un’opzione come foresta alimentare.

In tempo

Se ora gli uomini vivessero in questo modo “in equilibrio con la natura”, sarebbe infatti un ritorno al tempo dei cacciatori-raccoglitori: piccoli gruppi erranti che vivevano delle briciole lasciate dalla natura. Un’ottima soluzione, a patto che il 98% dell’attuale popolazione mondiale esca volontariamente dal campo.

Dopotutto, la natura non si preoccupa delle persone, proprio come non si preoccupa di nessun’altra specie, si tratta sempre di prendere ciò che si può ottenere per tutte le forme di vita. È così che hanno fatto gli umani, è così che lo fa ancora il lupo del Veluwe. Solo noi esseri umani abbiamo raggiunto un successo così straordinario che dobbiamo porci dei limiti. C’è inevitabilmente una contraddizione tra agricoltura e natura, ma è l’uomo che determina ciò a cui la natura deve rinunciare, non il contrario.

Hai letto rapporti chiari e concreti di un giornalista scientifico Arnold Jasper ogni sabato della settimana di Wynia.

Wynia’s Week viene pubblicato 104 volte l’anno. I donatori lo rendono possibile. Ci stai? Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *