Segni speciali di attività vulcanica su Marte

Un occhio truccato di nero, con le ciglia chiuse per cercare di nascondere una storia intrigante. Così appare il deposito vulcanico liscio e scuro scoperto nella regione di Cerberus Fossae, probabile segno che marzo è ben lungi dall’essere un pianeta freddo e vulcanicamente inattivo.
Largo 13 km, con forma a goccia simmetrica alla lunga fessura vulcanica che lo divide e lo genera, il deposito è stato osservato per la prima volta in uno studio su Laboratorio lunare e planetario è nato a Istituto di scienze planetarie dell’Università dell’Arizona, utilizzando i dati dei satelliti in orbita attorno al Pianeta Rosso.

Situato nella regione di Elysee Planitia lungo il Cerberus Fossae, la sua origine e la sua natura sono assolutamente uniche e rappresentano il primo indizio che Marte potrebbe essere ancora attivo.
Questo è probabilmente il segno più giovane di attività vulcanica osservato sul pianeta rosso fino ad oggi: di fronte a un vulcanismo pulsato tra 3 e 4 miliardi di anni fa, questo deposito potrebbe essere l’effetto di un’eruzione avvenuta sul pianeta solo negli ultimi 50.000. anni.

Come uno strato sottile e liscio di cenere e roccia, il deposito sarebbe il risultato di un’eruzione piroclastica: un’esplosione di magma guidata da gas in espansione, come se si aprisse una gigantesca lattina di birra, portando il materiale magmatico a coprire uniformemente il spazio circostante per caduta gravitazionale. Questo spiegherebbe la sovrapposizione del deposito con le colate laviche vicine.

La tipologia eruttiva piroclastica non è mai stata trovata nella storia recente della regione dell’Eliseo Planitia così come di Marte, più comune tra i segni vulcanici della Luna e di Mercurio.

READ  Scienziati si avvicinano alla riproduzione della fusione termonucleare di stelle in laboratorio - Notizie Scientifiche.it

Questa specificità del deposito riflette la sua recente formazione, ma non solo: “La sua giovane età fa assolutamente sorgere la possibilità che ci sia ancora attività vulcanica su Marte. – ha affermato l’autore dello studio David Horvath, ricercatore presso il Planetary Science Institute – È possibile che questi tipi di depositi fossero più comuni, ma sono stati erosi o sepolti. “

Il deposito si trova a 1600 chilometri dal lander Panoramica di NASA, situato dal 2018 nel cratere Homestead Hollow di Elysium Planitia per studiare l’attività sismica di Marte.

Il recente studio suggerisce la possibilità che io Marzo tremori, cioè terremoti marziani, trova InSight potrebbe essere dovuto al movimento magmatico nel sottosuolo.

Infine, la scoperta del deposito potrebbe rappresentare una forte indicazione della presenza di vita nel passato di Marte: “L’interazione tra il magma ascendente e il substrato ghiacciato di questa regione potrebbe aver fornito condizioni favorevoli per la vita microbica abbastanza recentemente e innalza il possibilità di vita esistente in questa regione “, ha concluso Horvath.

Crediti immagine in primo piano: NASA / JPL / MSSS / THE MURRAY LAB

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *