Senza Berlusconi, la Meloni è ancora più salda in sella

Senza Berlusconi, la Meloni è ancora più salda in sella

Nascosta nel verde di Arcore, una comunità rurale appena fuori Milano, nella ricca regione settentrionale italiana della Lombardia, si trova la maestosa casa di campagna giallo ocra di Villa San Martino. Dal 1974 fino all’inizio di questa settimana, la villa settecentesca, un tempo monastero benedettino, ha ospitato uno dei politici più famosi e controversi d’Europa: Silvio Berlusconi.

La villa, restaurata in stile neoclassico, dispone di una biblioteca con diecimila libri, una collezione unica di dipinti e un grande parco. Berlusconi vi fece costruire il suo mausoleo in travertino e marmo di Carrara, con un luogo per sé e un’ultima dimora per i suoi parenti e amici più stretti.

Leggi anche Silvio Berlusconi, quattro volte primo ministro italiano, ha dato al mondo un manuale per Trump

Gli ammiratori e le persone in lutto hanno lasciato un fiore, una sciarpa dell’AC Milan, l’ex squadra di calcio di Berlusconi, o un biglietto di ringraziamento all’inizio del lungo viale d’accesso alla villa. Walter Valagussa, 64 anni, camionista in pensione, ammette di essere venuto a dare un’occhiata per curiosità. I famigerati sex party in questa particolare villa fanno appello alla sua immaginazione. «Nella sua vita privata ognuno fa quello che vuole», dice Valagussa, «ma lui era presidente del Consiglio, e i suoi scandali lo rendevano soggetto a ricatti».

Ma per decenni questa villa è stata anche il luogo in cui Berlusconi ha impostato la politica del governo italiano o il corso dell’opposizione. Dopo la morte del suo fondatore, il partito di Forza Italia resta orfano. “Per 30 anni, Forza Italia è stata la mostra personale di Silvio Berlusconi”, ha dichiarato Franco Pavoncello, presidente della John Cabot University nel quartiere romano di Trastevere. “Non ha nominato alcun successore durante la sua vita, poiché aveva bisogno del potere politico per salvaguardare gli interessi finanziari del suo impero di famiglia”.

READ  I pomodori pugliesi sono nei supermercati di tutta Italia

Forza Italia, partner della coalizione di Fratelli d’Italia del premier Giorgia Meloni, è stata decapitata da questa settimana. È molto probabile che il vice primo ministro e ministro degli Esteri Antonio Tajani venga eletto presidente ad interim fino a un nuovo congresso del partito. Ma Tajani non è ancora alle calcagna di Berlusconi in termini di carisma o ingegnosità politica.

Scacchi

Il partito che a settembre dello scorso anno ha conquistato appena l’8% dei votanti può tentare di andare avanti da solo, ma c’è anche il rischio che il partito liberale di destra ora imploda. La Meloni, che mercoledì ha assicurato che Berlusconi fosse seppellito con i più alti onori, ha raggiunto gli elettori e gli eletti di Forza Italia con questo omaggio finale. Il messaggio: con noi troverai una nuova casa sicura. La Meloni potrebbe puntare a una fusione. Poi, il Partito popolare europeo (Ppe), di cui Forza Italia fa parte come unico grande partito italiano, è alla portata della Meloni. Sarebbe un bel guadagno, con l’avvicinarsi delle elezioni europee del 2024.

La partita a scacchi, con due avversarie donne, è appena cominciata. Una fusione sarebbe contraria alla volontà della compagna di Berlusconi, Marta Fascina. Inoltre, non vediamo l’ora di sapere cosa significheranno l’una per l’altra Giorgia Meloni e la figlia maggiore di Berlusconi, Marina. Il Presidente del Consiglio ha abbracciato e baciato Marina Berlusconi con grande ostentazione al funerale del padre, un chiaro segnale politico oltre che di sostegno umano.

Non solo Forza Italia rimane orfana, ma senza la protezione politica di Berlusconi, anche la sua media company Mediaset è diventata più vulnerabile. La Meloni riesce a impedire un cambio di gestione ostile. A tal fine può utilizzare il “potere d’oro” con cui il governo italiano protegge le imprese strategicamente importanti.

READ  Marco Senesi vende un 'no' all'allenatore della nazionale italiana | Calcio

In cambio può chiedere a Marina Berlusconi di garantire la stabilità di Forza Italia, e quindi del blocco di centrodestra che ora governa il Paese. Anche dopo la morte di Berlusconi, la politica, il potere dei media e il destino del governo in Italia sono ancora intrecciati. La Meloni ha molti assi nella manica. Ha beneficiato a lungo dell’eredità politica di Berlusconi e ha assunto la guida della coalizione di centrodestra. “Il primo ministro italiano è molto forte”, afferma Bill Emmott, esperto di Italia ed ex direttore della rivista britannica L’economista.

La destra radicale Meloni non ha nemmeno bisogno di spostarsi al centro politico per riempire il vuoto lasciato dalla destra liberale Berlusconi. “La sua morte non influenzerà in alcun modo la sua politica”, ha predetto Emmott. “Dalla sua posizione sulla migrazione, la comunità LGBTI, alla sua opposizione all’aborto e alla maternità surrogata, le sue politiche sono quelle di Berlusconi quando era al potere. È anche pro-Europa e pro-NATO, come lo era Berlusconi da Presidente del Consiglio.

L’unica differenza è che Berlusconi ha continuato a sostenere il suo amico politico Vladimir Putin durante questa torrida guerra. Le dichiarazioni pro-Putin di Berlusconi hanno messo in imbarazzo la Meloni più di una volta in Europa. Il disturbatore scompare. In questo modo il suo potere, anche fuori dall’Italia, può continuare a crescere senza ostacoli. È una macchina per il voto, il che la rende molto attraente per il Partito popolare europeo. Non solo il presidente del PPE Manfred Weber ha partecipato ai funerali di Berlusconi, ma da tempo c’è anche un flirt politico tra lui e la Meloni su una possibile cooperazione in vista delle elezioni europee del 2024.

READ  VINCITORI E VINCITORI ITALIANI: Illa in testa; Gruppo Ki inferiore

Neofascismo

Innanzitutto, potrebbe essere necessario modificare l’immagine. Fratelli d’Italia custodisce con orgoglio le sue radici nel fascismo del dittatore Benito Mussolini. Nel logo del partito è ancora presente la fiamma nel tricolore nazionale, noto simbolo del neofascismo e dell’estrema destra in Europa. Molto probabilmente la Meloni oggi non ripeterebbe che il “buon politico” Mussolini “ha fatto tutto quello che ha fatto per l’Italia”. Ma non snobba troppo i nostalgici in Italia.

Leggi anche Chi è la figura di spicco del partito con radici fasciste? Un profilo

Se e in quale forma il suo partito coopererà con il PPE non è ancora stato determinato. Ma la Meloni è tutta europeista, sostiene l’Ucraina, crede nello stato di diritto e soddisfa così la lista dei desideri dei democristiani europei. Il fatto che il governo di destra Meloni sostenga una dura politica migratoria che si riduce a frontiere chiuse e accordi con paesi terzi per il rimpatrio dei migranti ha smesso da tempo di fare scalpore in Europa. In effetti, una parte significativa dell’UE lo vede come la via da seguire. Per la Meloni, sulle orme di Berlusconi, c’è lo spirito dei tempi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *