“Senza di lui avrei perso” – Corriere.it

Un finale shakespeariano, Romeo contro Giulietta, i due amanti uno contro l’altro. Seduto a gambe incrociate sul pavimento dello studio, mano nella mano, Giulia e Sangiovanni hanno aspettato il verdetto, le due carte con le loro facce che danzano sullo schermo per trenta secondi, in attesa della risposta che si conclude con un abbraccio. Giulia è qui vincitore di Amici, ma Sangiovanni non ha perso. I due diciottenni, Giulia (Stabile) è nata a Roma, Sangiovanni (vero nome Giovanni Damian, “san” perché le si diceva sempre di non avere la faccia da bravo ragazzo) è vicentino. Amici è diventato il loro Bildungsroman. È già fidanzato, lei che si coprirà come un mare in tempesta se non le parlasse; scaramucce che portano al primo bacio (il primo per lei, “mi chiedevo: ce la farò?”), mentre Sangiovanni conclude la relazione con quella che ora è l’ex fidanzata. E dietro di loro come al solito Maria – quella che può fare tutto – sembra aprire la busta della loro felicità perché a differenza di Shakespeare, con Maria De Filippi non finisce in tragedia.

Giulia ballerina molto precoce: “Avevo 3 anni, ero in un ristorante dove c’era una pista da ballo, un uomo stava organizzando balli di gruppo e ci sono andato subito, in mezzo alla pista da ballo. Quest’uomo ha detto ai miei genitori di portarmi a studiare danza perché era già chiaro che mi piaceva. Ho sempre studiato all’Accademia Buccellato Rossi dove il direttore ha creduto in me a differenza degli altri docenti. Questo giudizio pesava così pesantemente su di me: Credevo nel lavoro dei miei insegnanti, ma non credevano in me. Pensavo che non avrei mai potuto essere una ballerina. Ma ho comunque continuato a impegnarmi, a dare il massimo ”.

READ  Inter, positivo anche Hakimi per Covid


Sangiovanni frequenta il liceo linguistico, la musica è diventata la sua terapia: “Ho iniziato a scrivere un anno e mezzo fa perché avevo bisogno di comunicare qualcosa di me, perché sentivo che nessuno poteva capirmi, quindi ho ‘iniziato a scrivere un po’ per liberarmi, un po ‘ per risolvere i miei problemi interiori. Non erano solo canzoni, ma anche pensieri e riflessioni. E ho scoperto di poter scrivere molto bene. J Così ho usato la musica come un modo per comunicare quello che avevo dentro. Sono sempre stato fuori dagli schemi, Sono sempre stata una persona diversa e le mie sensazioni mi hanno portato a voler trasmettere queste emozioni alle persone che mi ascoltano e mi seguono: sono sicuro che ci sono molte persone diverse e incomprese laggiù parlarne è la cosa giusta: non importa la diversità deve essere accettato e autorizzato “.

Il giorno dopo la vittoria, l’incredulità prevale per Giulia (“tutto mi sembra soffocato, non ho ancora capito cosa sia successo, ma ho questa felicità incomparabile in fondo allo stomaco “). Sangiovanni, invece, è “felice e sollevato, è stata un’esperienza molto difficile sia fisicamente che mentalmente, anche se dalla mattina alla sera facciamo ciò che amiamo”. Giulia non si sente in colpa per la vittoria, Sangiovanni non ha mangiato via. Lei: “La vittoria finale non è solo mia, se non fosse stato per me non sarei riuscita ad arrivare alla fine”. Lui: “Sto bene così, se avessi vinto non avrei capito molte cose che ora ho capito, e sono molto contento per Giulia, perché penso che abbia un messaggio forte da mandare. per chi si sente diverso e ha torto: non bisogna mai mollare ”.

READ  Coronavirus Toscana, Giani anticipa il bollettino Covid del 28 dicembre: 181 positivi

Giulia e Sangiovanni, la coppia che ha sfidato Amici

Prima vacanza obbligatoria a Malibu (come il titolo della sua canzone contenuta nell’episodio che porta il suo nome), non vogliono essere i prossimi Al Bano e Romina (“si sono poi separati”). Per Giulia “Il Sangio è unico, speciale e diverso nel modo più bello possibile. Fallimento? Non ce l’ha. Sangio la definisce “una bambina, una persona dolcissima, che si prende cura degli altri con piacere, è sempre positiva e solare, un regalo molto raro di questi tempi. perché poche persone sanno come portare la luce del sole nel cuore delle persone“.

Cosa ti unisce? “Uno strano evento in cielo – spiega -. Ho sempre mantenuto la mia sensazione di inadeguatezza, senza perderla. Giulia si è sentita come me, ma in più occasioni non ha saputo essere se stessa, è caduta nella trappola di fondersi con la massa. In lei ho trovato una persona che avrei potuto essere me se non avessi combattuto. E mi sono sentito in dovere di aiutarla, per mantenerlo unico“.

17 maggio 2021 (modifica il 17 maggio 2021 | 11:15)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *