Settanta regioni del DNA legate al morbo di Alzheimer

Settanta regioni del DNA legate al morbo di Alzheimer

Circa settanta regioni del DNA umano mostrano legami con il morbo di Alzheimer. È quanto emerge dalla ricerca di un team internazionale a cui ha contribuito anche l’Università di Anversa. Quaranta regioni trovate non sono mai state identificate fino ad ora. Lo studio è stato pubblicato lunedì sulla rivista scientifica Nature Genetics.

Quasi 150.000 fiamminghi vivono con il morbo di Alzheimer. Oltre a fattori ambientali come lo stile di vita di una persona o le condizioni sottostanti, ci sono anche prove che fattori genetici possono causare la malattia.

I legami tra DNA e malattia di Alzheimer sono quindi studiati da tempo. La nuova ricerca ha cercato di catturare questi collegamenti nel più grande studio mai realizzato, analizzando il DNA di quasi 800.000 persone, 111.000 delle quali avevano il morbo di Alzheimer.

Gli scienziati sono stati in grado di identificare un totale di 75 regioni del DNA che sono collegate al fatto che abbiano o meno il morbo di Alzheimer. Quarantadue di queste regioni sono state scoperte per la prima volta.

La ricerca non è ancora pronta per determinare se e qual è il rischio di una persona di sviluppare il morbo di Alzheimer. Questa è l’intenzione a lungo termine. “Un tale punteggio di rischio non è attualmente destinato alla diagnosi, ma potrebbe essere uno strumento molto utile nella creazione di studi clinici per classificare i partecipanti in base al loro rischio genetico”, spiega la professoressa Kristel Sleegers (UAnwerp). “In questo modo, l’effetto dei candidati alla droga potrebbe essere determinato in modo molto più accurato”.

Sleegers ritiene che con queste nuove scoperte siano già state trovate numerose regioni del DNA, ma c’è ancora molta strada da fare. “Siamo oltre la punta dell’iceberg, ma non ci siamo ancora”.

READ  Nuove foto nitidissime dell'universo, stella morente e nebulosa con nuove stelle

Quasi 150.000 fiamminghi vivono con il morbo di Alzheimer. Oltre a fattori ambientali come lo stile di vita di una persona o le condizioni sottostanti, ci sono anche prove che fattori genetici possono causare la malattia. I legami tra DNA e malattia di Alzheimer sono quindi studiati da tempo. La nuova ricerca ha cercato di stabilire questi collegamenti nel più grande studio mai condotto, analizzando il DNA di quasi 800.000 persone, di cui 111.000 con il morbo di Alzheimer.Gli scienziati sono stati in grado di identificare un totale di 75 regioni del DNA legate al fatto che avessero o meno il morbo di Alzheimer. Quarantadue di queste regioni sono state scoperte per la prima volta. La ricerca non è ancora pronta per determinare se e qual è il rischio di una persona di sviluppare il morbo di Alzheimer. Questa è l’intenzione a lungo termine. “Un tale punteggio di rischio non è attualmente destinato alla diagnosi, ma potrebbe essere uno strumento molto utile nella creazione di studi clinici per classificare i partecipanti in base al loro rischio genetico”, spiega la professoressa Kristel Sleegers (UAnwerp). “In questo modo, l’effetto dei candidati alla droga potrebbe essere determinato in modo molto più accurato”. Sleegers ritiene che con queste nuove scoperte siano già state trovate numerose regioni del DNA, ma c’è ancora molta strada da fare. “Siamo oltre la punta dell’iceberg, ma non ci siamo ancora”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *