Shell può utilizzare un partner russo per aiutare la filiale della stazione di servizio in Ucraina | Finanziario

Cicerone gestisce più di 130 stazioni di servizio Shell in Ucraina. Alcuni di loro sono danneggiati e non funzionano più. Ma il governo ucraino ha chiesto alla Shell di far funzionare le stazioni il più possibile, in modo che l’Ucraina non sia privata di benzina e diesel.

Secondo Shell, per mantenere a galla Cicerone sono necessari circa 20 milioni di dollari. Il gruppo petrolifero e del gas è pronto a fare questa iniezione finanziaria, ma il comproprietario Todwick si è opposto da tempo. Questa società possiede anche parte della collaborazione di Cicerone e Todwick era necessaria per agire.

Giudice

La stessa Todwick è di proprietà dell’oligarca russo Eduard Khudainatov, un uomo d’affari che è anche nell’elenco delle sanzioni dell’Unione europea. La società non ha visto nulla nei piani di Shell. Infine, Shell ha quindi deciso di adire il tribunale.

Nella sua decisione, la Camera delle Imprese afferma di tenere conto non solo degli interessi delle aziende interessate, ma anche dei circa 1.700 dipendenti di Cicerone. Inoltre, vengono sollevate domande sulla posizione di Todwick nel conflitto. Si è quindi deciso che la necessità per la Shell di agire all’unisono con Todwick per il momento decadrà.

Shell reagisce positivamente alla decisione. Ciò consentirebbe al gruppo di aiutare a mantenere importanti infrastrutture nazionali in Ucraina.

READ  Il bollettino in Liguria, 364 nuovi casi su 2.975 campioni prelevati. Nove morti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *