siamo vicini al PUNTO DI NON RITORNO. Per questo VIROLOGO GALLI è preoccupato »ILMETEO.it

CORONAVIRUS: siamo vicini al PUNTO DI NON RITORNO. Per questo il VIROLOGO GALLI è preoccupato

Vicino al PUNTO DI NON RITORNO. Per questo il VIROLOGO GALLI è preoccupatoIl responsabile delle malattie infettive dell’Ospedale Sacco di Milano, Massimo Galli, è seriamente preoccupato. “In ospedale, il disagio tra il personale è tangibile. Il servizio, almeno per noi, è già molto simile a quello dello scorso marzo. Qualcuno, anche all’idea di rivivere questa esperienza, non ha trattenuto le lacrime ”.

Queste le parole di un primario medico che ha vissuto l’emergenza CORONAVIRUS in Lombardia, la regione più colpita dall’inizio della pandemia. La sua paura è che tutto possa tornare, anzi, che torni. “In effetti, i veri tecnici lo avevano temuto per molto tempo. Se un’epidemia prende un certo corso, puoi prevedere come e quando si diffonderà senza essere uno scienziato missilistico e con un modesto margine di errore. Era chiarodisse Corriere della Sera, che la situazione sarebbe presto peggiorata. Ora o si trova un modo per fermare il processo o siamo nei guai.

Non ci troveremmo di fronte all’attuale necessità di inasprire le regolee se quest’estate si fosse prestata maggiore attenzione ad evitare la trasmissione di un virus che non aveva mai sognato di scomparire o di perdere la sua capacità infettiva e patogena. Se ignori le precauzioni, i limiti sono destinati a essere imminenti. Il la realtà ci costringe a capire e ad accettare che alcune cose temporaneamente non sono possibili ”.

“Tutto ciò che non è essenziale ed è potenzialmente pericoloso come opportunità per la diffusione del virus dovrebbe essere necessariamente evitato, per la sicurezza di tutti. Se devi restaurare letti e camere Covid deve essere costretto, come lo siamo oggi, a ridurre il volume delle altre attività. Era appena stato restaurato, con difficoltà, ma anche con la determinazione e l’entusiasmo del personale. A breve termine, un’altra sfida per gli ospedali consisterà nel mantenere il più possibile gli aiuti per altre malattie. “E quando gli viene chiesto se si può essere infettati in ospedale, risponde: Non si può negare che questa paura stia già circolando. Stiamo tutti lavorando sodo. Molto per tenere al sicuro i pazienti non Covid. È possibile. Le cure necessarie non vanno rimandate e si deve tornare in ospedale con fiducia anche in tempi di Covid “.

READ  Davide, a 18 anni, è campione del mondo di matematica: "Mi piacciono i numeri: è un hobby"

Il paura che è stravolto dalle parole di Galli troppo. Nella speranza che prima o poi esclameremo: è andato tutto bene. Per ora, è un futuro ipotetico, che pensavamo di aver raggiunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *