Smart working semplificato, proroga fino al 31 dicembre per i dipendenti di aziende private

Lavoro intelligente prorogata fino al 31 dicembre per i dipendenti di aziende private. Le regole del lavoro agile dall’inizio dell’emergenza Covid, attualmente in vigore fino al 31 luglio dopo varie proroghe lanciate negli ultimi mesi, sarà nuovamente prorogato per tutto il 2021. La proroga avverrà con un emendamento al decreto di riapertura, attualmente in corso di conversione alla Camera, approvato dalla maggioranza e sviluppato dai tecnici del Ministero del Lavoro. Il governo si era già impegnato a prorogare la scadenza al 30 settembre, ma ora l’estensione sarà di altri tre mesi fino a dicembre.

Le regole. Lo schema semplificato, utilizzato in questi mesi di emergenza a causa della pandemia, consente alle aziende di attivare la modalità di lavoro a distanza senza la necessità di un accordo individuale con il dipendente, come richiesto dal diritto normalmente.


Smart work, pubblica amministrazione: ridotta da maggio la soglia del 50%

Remoto in 5 milioni. In Italia, secondo le stime dell’Osservatorio Smart Working, il numero dei telelavoratori ha già superato i 5 milioni, contro i 570mila del 2019, passando dall’8% al 40% dei rapporti di lavoro. Uno dei balzi più impressionanti in Europa è dovuto anche alla scarsa propensione dell’Italia a lavorare a distanza prima della pandemia, con la penisola che, nel 2015, era addirittura l’ultima nella classifica europea per percentuale di lavoratori con contratti di lavoro. In media in Europa la quota di chi ha iniziato a lavorare da casa a causa del Covid-19 è del 37%, con punte di oltre il 50% in Paesi come Finlandia, Lussemburgo, Belgio e Paesi -Bottom dove il lavoro smart andava già bene gestito prima della pandemia. .

READ  le banche supportano il Ftse Mib

L’urgenza. Secondo i dati Inapp citati dal Sole 24 Ore, attualmente sono più di 5 milioni i lavoratori nel lavoro agile. Un’introduzione “strutturale” del lavoro intelligente – riporta uno studio di Fondirigenti – potrebbe portare a un nuovo modello di settimana lavorativa con 2,6 giorni di presenza e altri 2,4 a distanza. Infine, un rapporto dell’Eurispes rileva che quasi la metà dei lavoratori (49%) lo ha fatto nello smart working dall’inizio dell’emergenza sanitaria: il 22,8% sempre o per lungo tempo, il 26,2% saltuariamente o con team per un breve periodo. Il 4,9% degli intervistati ha dichiarato di aver già lavorato in questa modalità prima della pandemia, mentre il 46,1% ha risposto negativamente.

Lo stato. Per quanto riguarda i dipendenti della pubblica amministrazione, il Decreto proroghe prevede che “ fino a quando la disciplina del lavoro agile non sarà definita dai contratti collettivi, se applicabili, e comunque entro il 31 dicembre 2021, le pubbliche amministrazioni organizzano il lavoro dei dipendenti e l’erogazione dei servizi attraverso il lavoro flessibile, rivedendo quotidianamente e interazioni settimanali, introduzione di modalità di dialogo programmate, anche attraverso soluzioni digitali e non in presenza di utenti, applicazione del lavoro agile in modo semplificato “.

Eurispes 2021: il 53% dei lavoratori vorrebbe continuare a lavorare in modo intelligente

Gli obblighi. Il decreto ha anche stabilito che il lavoro intelligente nella PA potrà proseguire senza l’obbligo per le pubbliche amministrazioni di mantenere in agile lavoro almeno la metà del personale fino alla definizione della propria disciplina nei contratti collettivi di pubblico impiego. Inoltre, i Piani Agile di Lavoro (Pola) per ciascuna amministrazione, che devono essere adottati entro il 31 gennaio di ogni anno, non dovranno più garantire lo smart work al 60% ma al 15% dei potenziali lavoratori. Infine, la soglia minima in caso di mancata adozione dei piani organizzativi va dal 30% al 15%.

READ  Vaccino AstraZeneca, ha usato solo una dose su 10. E l'azienda ha dimezzato la fornitura

Il confronto. “Il lavoro intelligente è una novità che diventerà una costante e l’utilizzo di questo strumento si svilupperà – ha dichiarato il ministro del Lavoro Andrea Orlando -. Penso che dobbiamo iniziare confrontandoci con le parti sociali in un accordo quadro generale, con alcuni limiti fissati dalla legge. Non credo che sia necessario fare una disciplina dettagliata, molto dovrebbe essere lasciato alla negoziazione tra le parti sociali, ma alcuni punti come il diritto alla disconnessione e la garanzia che il lavoro sia svolto in sicurezza, la sicurezza delle informazioni che fluiscono attraverso la rete La causa del lavoro intelligente deve essere governata in un modo o nell’altro da una legge – ha proseguito il ministro -. Per questo abbiamo avviato un confronto con le parti sociali e abbiamo attivato un gruppo di esperti che ci daranno indicazioni in questa direzione. Sarà importante capire il punto di pareggio dopo la pandemia, quanto verrà utilizzato. Molte cose dovranno essere disciplinate con la negoziazione commerciale, non tutte le aziende lo useranno allo stesso modo. Dobbiamo fornire il quadro in cui sviluppare la contrattazione e le scadenze non possono essere che quelle dei prossimi mesi ”.

Semplificazione. Smart woking “Penso che dobbiamo renderlo strutturale, prestando grande attenzione ai lavoratori fragili. Va quindi attuato, migliorato e semplificato per le aziende nell’interesse della tutela psicologica del lavoratore ”, ha dichiarato il Sottosegretario al Lavoro, Tiziana Nisini. “Credo – ha proseguito – che sia stata una misura importante che ha aiutato molto, ma sono necessarie alcune precauzioni. Soprattutto per le donne che si sono trovate con un doppio lavoro, con occupazioni familiari da portare avanti ”, ha concluso.

L’accordo. Non sono contrario a una nuova proroga fino alla fine dell’anno dell’emergenza normativa sul lavoro agile – ha sottolineato la segretaria della Cgil, Tania Scacchetti -. Tuttavia, questi mesi in più devono essere utilizzati per rimettere al centro della contrattazione collettiva la gestione di questa profonda trasformazione del modo di lavorare. Ad ogni modo, quando si esce dalle regole di emergenza, deve essere ripristinato l’obbligo del contratto individuale.

READ  Al Lusail, lo yacht dei sogni di Emir Al Thani: il prezzo è impressionante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *