Smetti di condividere immagini “disumane” di senzatetto

Smetti di condividere immagini “disumane” di senzatetto

Eveline van Egdom/Consolato di strada

Notizie ONS

  • Maartje Geels

    editore in linea

  • Maartje Geels

    editore in linea

Gli agenti condividono regolarmente immagini di senzatetto che dormono sulle panchine tramite i social media, con grande dispiacere degli esperti. Secondo loro, queste “immagini stereotipate” riducono la tolleranza delle persone nei confronti di questo gruppo di persone.

“Un senzatetto di 34 anni dell’ex Zaire dorme regolarmente sotto il portico di Woonhart. Vive per strada da 5 anni”. Un poliziotto locale di Zoetermeer ha inserito questo testo la scorsa settimana con la foto di un uomo con un sacco a pelo blu. L’uomo è seduto contro un muro, il suo volto è stato reso irriconoscibile.

Fondazione Fondo Opportunità preferirei non vedere più tali immagini. Il fondo ha recentemente lanciato una campagna di sensibilizzazione sull’immagine dei senzatetto. Le foto in cui un senzatetto è seduto in un sacco a pelo o dorme su una panchina con una lattina di birra accanto, secondo il responsabile del programma Willem van Sermondt, contribuiscono a creare un’immagine stereotipata. Mentre il gruppo di senzatetto nei Paesi Bassi è, secondo lui, “molto vario”.

Il poliziotto locale di Zoetermeer non fa eccezione. Una rapida ricerca su Twitter e Facebook produce più “foto da banco” di ufficiali. Quella di un uomo esausto su una banca a Rotterdam, immagine di un senzatetto che dorme sotto un telone a Utrecht: la polizia è già stata criticata dopo aver condiviso tali immagini. “40.000 senzatetto e andiamo in giro perché li abbiamo disumanizzati”, ha scritto il presentatore Tim Hofman nel 2021 sul messaggio della polizia di Utrecht.

READ  Teslaquila, l'ultimo genio di Elon Musk è già esaurito

Van Sermondt è d’accordo. “Posso immaginare un ufficiale che pensa, con questo, che sto sollevando la questione dei senzatetto. Ma non si rendono conto dell’effetto negativo di questo tipo di immagini”. Continua: “Non è umano. Ritratti le persone in una situazione molto vulnerabile”.

“L’immagine del dormiente all’aperto dipendente è obsoleta”

La Kansfonds Foundation ha quindi lanciato la campagna #così non sarai visto. Il fondo invita le persone a condividere foto di se stesse, scattate in un momento in cui si sarebbe preferito non farsi fotografare.

Secondo Van Sermondt, le foto dei senzatetto per strada – condivise dalla polizia, ad esempio – riducono la tolleranza nei confronti dei senzatetto. “Il senzatetto stereotipato è sempre maschio, anziano, bianco e dipendente, ad esempio, dall’alcol”, dice. “Potrebbe essere stato così 30 anni fa, ma la popolazione dei senzatetto è molto più diversificata ora”. Van Sermondt: “Il gruppo è composto anche da giovani, persone di origine immigrata e donne, queste persone spesso sono meno visibili”.

Ritiene che la polizia non debba più pubblicare tali foto perché non fanno nulla per risolvere il problema dei senzatetto. I media dovrebbero anche utilizzare immagini più realistiche, ad esempio di un rifugio.

Advocacy Street Consolato ha pubblicato l’anno scorso una serie di foto (rappresentative) di senzatetto:

  • Eveline van Egdom/Consolato di strada

  • Eveline van Egdom/Consolato di strada

  • Eveline van Egdom/Consolato di strada

Ad esempio, le persone senza una casa economica che, a causa di un accumulo di sfortuna – come un divorzio e un licenziamento – perdono improvvisamente la sicurezza. Secondo Van Sermondt, la dipendenza non gioca sempre un ruolo. “Ma tali foto perpetuano l’immagine che le persone dovrebbero essere senzatetto. Di conseguenza, la resistenza della società ad aiutare le persone cresce”.

Inoltre, Van Sermondt lo vede come un effetto collaterale indesiderabile. Secondo lui, molti senzatetto non si identificano con l’immagine stereotipata dei senzatetto. Questo vale soprattutto per i giovani. Van Sermondt: “Ho spesso sentito dire da loro che non si vedono davvero come senzatetto. Anche se non hanno una situazione abitativa stabile per molto tempo”. Secondo l’esperto, questo è un problema perché è meno probabile che i senzatetto si presentino ai punti di assistenza.

I due esperti chiedono alla polizia di non mettere più in rete tali immagini. Wolf: “Separa i senzatetto dal resto della società, per così dire. Come poliziotto, non puoi proprio farlo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *