Sofian Kiyine ha preferito l’OHL alla Lazio: “Dopo otto anni in Italia, avevo bisogno della mia famiglia” (Jupiler Pro League)

Sofian Kiyine ha preferito l’OHL alla Lazio: “Dopo otto anni in Italia, avevo bisogno della mia famiglia” (Jupiler Pro League)

È stato un trasferimento straordinario la scorsa estate. Un giocatore con 56 partite di Serie A alle spalle atterra improvvisamente all’OH Leuven. Sofian Kiyine, nato a Verviers, ha firmato con Den Dreef per quattro stagioni. Aveva bisogno di un po’ di rodaggio, ma nel frattempo sta bene. Tranne forse martedì a Eupen, dove è stato una delle peggiori vittime dell’intossicazione alimentare che ha gravemente indebolito l’OHL.

Sei ancora malato oggi (giovedì, ndr)?

“Sta migliorando, ma lo sento ancora un po'”.

La Serie A è una grande competizione. Allora perché ti trasferisci in Belgio?

“Avevo anche opzioni in Italia, ma dopo otto anni lì, avevo bisogno di conforto con la mia famiglia, in particolare con le mie sorelle. C’erano diverse offerte in Belgio, ma è stato il progetto OHL a sedurmi di più.

Come sei finito al Chievo a diciassette anni in Italia?

“Ho giocato allo Standard per un anno con l’U11. Poi ho trascorso sei anni all’Accademia Jean-Marc Guillou di Lierre. Poi sono tornato allo Standard, ma sentivo che lì non avrei avuto molte opportunità. In Belgio, abbiamo spesso commetti l’errore di mollare giocatori non ancora preparati fisicamente, in Italia ti danno molto più tempo per crescere con calma.

Questi otto anni in Italia sono un ricordo positivo?

“Fantastico. La vita qui è semplicemente bella: buon cibo, bel tempo e cose divertenti da visitare.

Ti manca già?

“Ogni Paese ha i suoi vantaggi. Lì, ero tutto solo. Ora sono con la mia famiglia, ma qui il tempo non è così buono.

Cosa ne pensi delle tue tre stagioni alla Lazio? Frustrato perché non ce l’hai fatta?

“Non lo vedo come un fallimento, ma come un’esperienza. Il cuore di un club così prestigioso è vasto. Milinkovic-Savic e Luis Alberto sono lì da anni al mio posto. Allora non hai molte possibilità. Anche quest’anno potevo restare, ma era per sedermi sul divano. Quindi preferisco partire.

READ  Juve-Napoli gioca o no? Fasi della storia

È vero che hai la doppia nazionalità?

“Ne ho tre: marocchina, belga e italiana. Mia madre è italiana e mio padre marocchino.

L’allenatore ti ha detto che sei arrivato qui con un grosso deficit condizionale. Quanto sei lontano adesso?

“Diciamo l’80%. Il resto verrà giocando.

Il tuo rigore sbagliato contro il Genk è stato un momento più difficile?

“Guarda, ho preso 13 rigori in carriera, ed è stato il primo che ho sbagliato. Può succedere ai migliori.

Sei in disparte per ora. Ti piace?

“Sono bravo uno contro uno, quindi dovrei davvero uscire sul fianco. Qualsiasi posizione offensiva va bene per me.

Puoi andare in posti diversi. Qual è la tua posizione preferita?

Dipende un po’ dallo stile di gioco, ma se proprio devo scegliere prendo il dieci, perché poi sei libero. Per fortuna qui l’allenatore dà molta libertà a tutti gli attaccanti. Non lavoriamo con postazioni fisse.

Riesci ancora a sentire Thomas Henry, il tuo compagno di squadra a Venezia l’anno scorso?

“Certo, chiamiamo ogni dieci giorni. L’ho motivato, perché le cose non stanno andando molto bene con l’Hellas Verona, il suo club attuale”.

Gli hai detto del tuo trasferimento all’OHL?

“Assoluto. Me lo ha consigliato. Ha detto che era un club per famiglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *