Soldi finali per la perforazione del gas nel Mare del Nord, Waddenvereniging va in tribunale

PAPÀ

In collaborazione con

Omrop Frisia

Notizie ONS

Tre società stanno sicuramente investendo 500 milioni di euro nell’estrazione di gas naturale nel Mare del Nord. Il Waddenvereniging è furioso con i piani ed è andato in tribunale.

“Costruire e perforare una riserva naturale protetta ha sempre un’influenza”, afferma Frank Petersen del Waddenvereniging a Omrop Frisia. “Ci sono stati innumerevoli studi sulla perforazione del gas, tutti giunti alla stessa conclusione: ‘Non farlo!'”

Il segretario di Stato Vijlbrief per gli affari economici ha tritato inizio giugno ha deciso di sfruttare un giacimento di gas a nord di Schiermonnikoog. Il gas sarà estratto in collaborazione con la Germania. Il primo gas dovrebbe essere portato a terra tramite gasdotto a partire dal 2024.

Il sindaco Ineke van Gent di Schiermonnikoog ha sempre parlato negativamente del piano. Crede che l’estrazione di gas non sia più rilevante e che sia in conflitto con gli obiettivi climatici. “Volevo chiarire già a giugno che penso che questa sia una decisione estremamente sconsiderata. La pressione e l’impatto sulla natura sono enormi, anche se le aziende affermano che non è così”.

Secondo il ministero, i nuovi giacimenti di gas naturale contribuiscono a un approvvigionamento energetico più sostenibile. Poco dopo la decisione del Segretario di Stato, più di 400 scienziati una lettera aperta al governo, in cui hanno scritto che l’argomento era una sciocchezza.

READ  Vaccino Johnson & Johnson, nuovi effetti collaterali: indicazione EMA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.