Sophie Hermans non vuole essere “assistente di”

Sophie Hermans non vuole essere “assistente di”

Sophie Hermans ha avuto una settimana difficile con la domanda velenosa di Geert Wilders come il punto più basso di quanto tempo vuole essere il portaborse di Mark Rutte. Una domanda notevole da parte di qualcuno che è circondato da semplici portaborse. Il problema di Wilders è che ha troppo poche borse per tutti nel suo gruppo.

Non c’è niente di sbagliato nella domanda. Anche Hermans l’ha fatto un po’ così. Al congresso VVD della scorsa settimana, ha sottolineato di non essere “la figlia di” né “l’assistente politico di”, ma il leader del partito VVD alla Camera dei Rappresentanti. Non dici solo questo. Lo dici solo se pensi che gli altri ti vedano come la figlia di Loek Hermans o l’assistente di Mark Rutte.

Succede ovunque. Nel mondo degli affari dove i figli subentrano nell’attività del padre o della madre, dove i figli e le figlie dei contadini continuano a coltivare. In politica hai padri e figli o padri e figlie, come Joop e Barbara den Uyl, Wim e Pieter Duisenberg, Jan e Jozias van Aartsen. Nel giornalismo, vedi lo stesso fenomeno con Gerard e Xander van der Wulp, Henk e Sander van Hoorn. Non c’è niente di sbagliato in questo; Ha anche senso che tu voglia seguire le orme del tuo parente se hai seguito la sua carriera così da vicino e ne sei stato entusiasta.

Ma se ti riferisci alle tue origini o all’inizio della tua carriera, come ha fatto Hermans alla conferenza, e insisti sul fatto che hai acquisito il tuo attuale lavoro da solo, allora chiaramente qualcosa ti infastidisce. Allora hai paura che la gente pensi che hai avuto una spinta. Hai visto i membri del VVD al congresso chiedersi: ma sei la figlia di Loek, non eri l’assistente di Mark?

READ  "Lasciate che insegnanti e operatori sanitari lavorino più a lungo"

Tuttavia, Hermans apparentemente si sente a disagio al riguardo. La sua performance è criticata nel suo stesso circolo VVD, non tutti nel gruppo sono entusiasti di Hermans. De Telegraaf ha recentemente scritto ampiamente su questo. Ma questi deputati anonimi dimenticano di essere arrivati ​​loro stessi in parlamento al seguito di Rutte. E quindi non mettergli in testa di essere pubblicamente critico; tra qualche anno vorresti esserci di nuovo.

Ammettiamolo, non è nemmeno facile essere il capogruppo del partito che prevede anche il presidente del Consiglio. Dopotutto, sei una specie di custode del pollaio. Assicurati che il gruppo rispetti i termini dell’accordo di coalizione, che i membri del gruppo non siano troppo critici e che volino dappertutto. Non vuoi Pieter Omtzigt nella tua fazione.

Non tutti sono autorizzati a navigare abilmente tra i membri del gabinetto da un lato e i membri del tuo partito dall’altro. Nel primo gabinetto Rutte, Stef Blok, come presidente del partito, si occupava solo del negozio, faceva quello che Rutte voleva. Gli fu perdonato: l’euforia di essere il più grande partito per la prima volta nella storia ha vinto facilmente le poche voci critiche.

Halbe Zijlstra e Klaas Dijkhoff hanno dovuto affrontare fazioni ormai abituate ad essere le più importanti ea rivendicare il proprio ruolo. Il VVD con il maggior numero di seggi in parlamento non doveva dare tutto per scontato per non mettere in pericolo la coalizione. Anche i liberali avevano le proprie idee che volevano che si realizzassero e talvolta prendevano le distanze da ciò che il primo ministro ei membri del suo partito nel gabinetto avevano immaginato. Rutte non era sempre felice di questo, ma obbediva.

READ  Ha venduto la maglia per contrarre il Covid online a 33 euro - Europa

La dirigenza parlamentare del Partito del Presidente del Consiglio dei Ministri richiede competenze specifiche per le quali non esiste manuale. Acquisisci know-how nella pratica, oltre che esperienza. Hermans lo sta ancora costruendo. Dagli tempo. Oppure rispediscilo. L’oscillazione non aiuta nessuno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *