Spazio, scoperta di uno strano cerchio radio di un milione di anni luce

In astronomia, uno strano cerchio radio è un oggetto astronomico molto grande e inspiegabile che, a lunghezze d’onda radio, è molto circolare e più luminoso lungo i suoi bordi. Grazie al radiotelescopio australiano Square Kilometer Array Pathfinder (ASKAP), un team di astronomi ne ha scoperto un altro nello spazio.

Deep Space (Adobe Stock)

Nuovo sorgente radio, denominato ORC J0102-2450, ha un diametro di quasi un milione di anni luce, come rivelato in un documento pubblicato il 27 aprile su arXiv.org.

Spazio, l’importanza di ASKAP: è la trappola galattica

Spazio (Adobe Stock)
Spazio (Adobe Stock)

sebbene il Strano circolo radiofonico dello spazio sono luminose alle lunghezze d’onda radio, non possono essere osservate alle lunghezze d’onda visibili, infrarosse o dei raggi X. Finora, infatti, solo alcune di esse sono state identificate e, quindi, poco si sa dell’origine o della natura.

LEGGI ANCHE >>> Star Wars: un X-Wing a grandezza naturale è tra noi

Ora un team di astronomi guidato da Bärbel S. Koribalski Dell ‘Australian National Telescope Facility ha scoperto ORC J0102–2450 e altre sorgenti radio estese in un campo ASKAP profondo (circa 40 gradi 2) centrato vicino alla galassia stellare NGC 253.

LEGGI ANCHE >>> Covid, Lancet shock report: “Sbrigati o altri disastri stanno arrivando”

L’ORC appena rilevato ha un diametro dell’anello radio di circa 70 secondi d’arcoo 978.000 anni luce. Il flusso radio totale della sorgente è stato misurato intorno ai 3,9 mJy, mentre la sua luminosità radio totale è stata trovata intorno ai 140 miliardi di TW / Hz. L’oggetto è molto probabilmente associato alla galassia ellittica centrale. DES J010224.33– 245039.5.

Considerando la morfologia radio complessiva di ORC J0102–2450 e l’incapacità di rilevare l’emissione dell’anello a lunghezze d’onda non radio, gli astronomi traggono alcune conclusioni.

READ  Virus, Belluno entra in giallo con buona incidenza, Veneto no

ORC J0102-2450 potrebbe essere un lobo reliquia di una galassia radio gigante vista dall’estremità o un’onda d’urto gigante, probabilmente da una fusione binario super massiccia di un buco nero. Un terzo scenario previsto dagli autori dell’articolo è che potrebbe essere un file radio-galassia e interazioni del mezzo intergalattico (IGM).

Tuttavia, i ricercatori hanno aggiunto che sono necessarie ulteriori scoperte ORC, chiaramente con l’aiuto di ASKAP, il cosiddetto “sensore galassia”. Il nuovo potente telescopio sviluppato da scienziati australiani ha già mappato tre milioni di galassie in tempo record: 300 ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *