Spesa, contanti e tessera sanitaria: attenti subito al 730

Dal 1 gennaio di quest’anno, tutti i contribuenti si misureranno con la tracciabilità dei pagamenti se desiderano beneficiare di sconti e detrazioni in fase di compilazione dichiarazione di reddito. Ma questa non è l’unica novità.

Ecco il super bonus del 110%

Quali sono le principali novità in merito alla dichiarazione dei redditi 2021? “Una delle poche cose positive dal punto di vista fiscale è l’introduzione del ‘bonus del 110%’, ovvero la detrazione fiscale per i proprietari e coloro che dovranno sostenere alcune spese che rientrano nella normativa antisismica, energetica efficienza o termica. sostenute queste spese si ha automaticamente diritto ad una serie di altre trattenute su altre spese che il cittadino dovrà sostenere come, ad esempio, la sostituzione dei corpi illuminanti ”, afferma in esclusiva per ilgiornale.it avvocato Massimo Leonardi, Dottore Commercialista e Revisore Contabile dello Studio Legale e Tributario IIILex, tra i massimi esperti in ambito tributario ([email protected]). Questa novità è definita “fondamentale” dall’avvocato e avrà un impatto su molti contribuenti anche se, per il momento, non è decollata. “La notizia non è stata ancora ricevuta ma si possono fare i compiti gratuito, anche con il 10% in più. È un meccanismo attraverso il quale il credito d’imposta verrà trasferito alla banca che pagherà direttamente i fornitori e riscuoterà il credito d’imposta al posto del cittadino. Con questo meccanismo, infatti, sarà possibile sostenere l’opera a costo zero. È stata introdotta con l’ultima legge finanziaria ed è già in vigore, la norma è valida fino al 2022 ”, spiega il dottor Leonardi. A parte questa grande notizia, quando si parla di altre detrazioni o incentivi fiscali, non ci sono stati sconvolgimenti né in termini di scadenza (730) né sulla dichiarazione dei redditi, non c’è nulla di rilevante che sia stato introdotto. “C’è il solito sistema che dà la possibilità di detrarre le spese mediche, di detrarre le spese della propria attività per i titolari di partita Iva e per chi ha figli a carico. La normativa fiscale, nella sua struttura generale, non cambia”.

READ  Facebook ed EssilorLuxottica, maxi accordo per gli smart glasses

Sconti: indispensabile la tessera sanitaria

Parlando di spese mediche, però, è opportuno prestare la massima attenzione alle detrazioni fiscali del 19% in fase di acquisto dei farmaci: se è vero che il pagamento con carta, carta di debito o bonifico bancario è obbligatorio, questo non è sempre vero perché puoi sempre acquistare contanti fino a quando il menù sanitario. In questo modo il pagamento rimarrà sempre tracciato e verrà automaticamente aggiunto alla dichiarazione dei redditi precompilata. “Ci sono diverse detrazioni fiscali: oltre al 110% del tuo alloggio, abbiamo anche quelle relative alle spese mediche detraibili del 19%: se acquisti 300 euro di medicinali in farmacia, fornendo la tessera sanitaria che viene scansionata, il pagamento andrà automaticamente sulla dichiarazione dei redditi precompilata e sarà detraibile fino al 19% ”, spiega l’avvocato. Non c’è più l’archiviazione fisica dei documenti come in passato: in questo modo il sistema è snello e le operazioni sono più facili. “Ogni persona che non possiede una partita IVA ha la sua dichiarazione precompilata con questi costi: non dovranno più essere consegnati al commercialista ma il commercialista andrà al cassetto della cassa del contribuente e avrà già il totale delle visite mediche spese dell’anno da cui va detratta la franchigia di 129 euro. L’importo, meno questi 129 euro per il 19%, sarà il costo che potrà essere detratto come imposta sulle spese mediche ”spiega l’avvocato Leonardi.

Altri sconti e detrazioni. Oltre alle spese mediche, quali e quanto sono gli sconti su altri beni e servizi? “C’è anche una detrazione sulle spese sostenute per le spese funerarie, ad esempio, o quelle per la sicurezza sociale complementare. In questo caso, un contribuente può pagare un determinato importo come fondo di sicurezza sociale a un fondo pensione e queste spese sono deducibili. Ma lo stesso vale per gli animali (a percentuali variabili), ad esempio, o per gli interessi passivi pagati sulla prima ipoteca, i cui interessi sono interamente deducibili. Questa serie di detrazioni, tuttavia, è rimasta invariata negli anni, non c’è stato alcun cambiamento ma questi sono gli standard “.

READ  Le MG avranno una garanzia di 7 anni

Come averlo pre-riempito. Per sfruttare il precompilato, è fondamentale seguire un processo molto preciso che richiede competenze informatiche minime. “Ogni contribuente che non ha una partita iva ha già una propria dichiarazione: ogni cittadino deve prendersi cura del famoso ‘Spid», Un codice identificativo che tutti devono avere; con il codice entri nel sito dell’Agenzia delle Entrate, entri nello Spid e in automatico puoi scaricare il tuo 730 o la dichiarazione dei redditi già precompilata con tutti i costi ”, spiega Leonardi, sottolineando come questo sia un enorme vantaggio con un vantaggio davvero notevole risparmio di tempo rispetto a prima. “Nei prossimi anni arriveremo addirittura al precompilato per chi ha la partita iva, un meccanismo più complesso e con costi differenti che, per il momento, non sono disponibili”.

Massimale di cassa sempre più basso

Questo non ha alcun impatto sul conto economico ma sulla vita di ogni cittadino quando effettua una certa spesa: il tetto del Contanti è stata ulteriormente ridotta da tre a duemila euro il 1 ° luglio 2020 e la soglia che potrebbe essere ulteriormente abbassata a 1000 euro nel 2022 (ecco la nostra stanza a questo proposito). Pertanto, chiunque sostenga una spesa in uno stabilimento commerciale o paghi un professionista, non può pagare più di duemila euro in contanti: se viene emessa una fattura per tremila euro, dovranno essere effettuati due pagamenti. “In questo caso si possono pagare duemila euro in contanti, il resto con bonifico bancario – ci dice l’avvocato – Dal mio punto di vista è uno standard assolutamente ingiusto della libertà di ogni cittadino: capisco che ci deve essere un tetto massimo, ma così basso È ridicolo La riduzione di cassa è stata trasmessa come una buona iniziativa riduzione riciclaggio, ma non lo è. In altri paesi il cap è di 6-7mila euro: poteva avere senso averlo di questo tipo, ma portarlo a duemila euro, secondo me, è uno standard aggiuntivo che ostacola l’espansione dei consumi. “Con il governo Monti questa soglia. Era arrivata anche ai mille euro, Renzi l’aveva portata a tremila ma ora ancora a duemila tra alti e bassi come sulle montagne russe.” Immaginate la confusione … “, lui conclude.

READ  Covid: polizia e vigilantes per lo shopping natalizio in strada - Cronaca

Porta avanti le detrazioni tracciabili, il denaro viene “salvato”

Una delle ultime notizie riguarda il riferimento l’obbligo di detrazioni fiscali tracciabili nella dichiarazione. Come riportato da L’Italia oggi, il Ministero dell’Economia e l’Agenzia delle Entrate avrebbero valutato positivamente le richieste di Caf e consulenti del lavoro di derogare per il 2021 al provvedimento che lega l’utilizzo delle detrazioni fiscali nella dichiarazione al pagamento tracciato tramite bonifico, assegno, accredito o addebito carta di credito, ma non contanti. Si suppone a questo punto un emendamento all’attuale decreto Sostegni o al nuovo decreto Sostegni bis in corso di elaborazione che sarà approvato a maggio. Vi ricordiamo che il provvedimento sulle detrazioni tracciabili, contenuto nella legge finanziaria 2020 (articolo 1, comma 679), per usufruire degli “sconti” prevede l’obbligo di pagare le spese di medici, palestre infantili, veterinari, solo tramite un pagamento tracciabile e non monetario come abbiamo spiegato con l’ausilio dell’avvocato Leonardi. Perché questo probabile arresto momentaneo? Perché molti contribuenti ignari hanno continuato a pagare in contanti le spese del veterinario, della palestra e delle cure mediche e si ritrovano con la spiacevole sorpresa di vedersi negare il rimborso delle tasse. Il fatturato previsto dal provvedimento è di circa 496 milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *