Spese sanitarie, invio dati posticipato all’8 febbraio

25 gennaio 2021

I soggetti tenuti a trasmettere il file le spese mediche avranno più tempo per inviare i dati del 2020. La scadenza è8 febbraio. Lo ha annunciato l’Agenzia delle Entrate in un comunicato stampa.

Gli operatori, infatti, rispetto al previsto 31 gennaio, avrà 8 giorni aggiuntivi per trasmettere i dati relativi alle spese sanitarie e ai rimborsi effettuati nel 2020 al sistema della tessera sanitaria.

L’estensione del termine risponde alle esigenze rappresentate dalle categorie, tenendo conto anche dei problemi tecnici di trasmissione riscontrati nei giorni scorsi. La proroga del termine si riferisce alla trasmissione di tutte le spese sanitarie sostenute nel 2020, da parte di tutti i soggetti tenuti al rispetto di tale obbligo.

In accordo con il sistema di tutela della privacy approvato, viene esteso anche il termine entro il quale i contribuenti possono comunicare il loro rifiuto di utilizzare le spese mediche sostenute nel 2020 per il trattamento del 730 precompilato.

Chi volesse esercitare il diritto di opposizione può quindi inviare il modulo direttamente all’Agenzia delle Entrate fino all’8 febbraio 2021 oppure accedere, dal 16 febbraio 2021 al 15 marzo 2021, direttamente all’area autenticata del sito del Sistema. Tessera sanitaria (www.sistemats.it).

In collaborazione con Adnkronos

READ  Heineken licenzia 8.000 lavoratori a causa di Covid: chi e quali birre sono a rischio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *