Strisciano sulla nostra pelle e fanno l’amore: queste creature prendono vita di notte | Scienza

Prima di farti prendere dal panico e lavarti il ​​viso: è del tutto normale che questi acari del follicolo pilifero striscino su tutta la nostra pelle. Probabilmente suona come una storia dell’orrore per molti, ma sappiamo da oltre 100 anni che questi acari possono essere trovati sulla nostra pelle. Anche il lavaggio non ha senso, perché gli insetti sono nascosti troppo in profondità nella nostra pelle per quello.

Gli acari del follicolo pilifero sono imparentati con gli acari della polvere domestica e ospitano circa la metà della popolazione mondiale. Meno bambini, più anziani. “Siamo anche pieni di batteri, non c’è niente di sbagliato in questo”, spiega Chris Callewaert, bioingegnere specializzato nel microbioma cutaneo (UGent). “È davvero bello che siano qui. Mantengono i nostri pori liberi.

Sapevamo già che si trovano sulla nostra pelle e vivono nei nostri pori del sudore, ma solo ora le piccole creature che strisciano sono state studiate geneticamente per la prima volta. E questo studio rivela fatti straordinari. Ad esempio, si pensava che gli insetti mangiassero il nostro sudore, ma non potessero espellerlo.

“Ora si scopre che hanno un’apertura della bocca e un ano. Questo è scientificamente interessante, perché a volte sono anche collegati a determinate malattie della pelle e brufoli”, afferma Callewaert. “Apprendiamo da questo che sono creature molto semplici. Hanno bocca, intestino e gambe. I primi segni di costruzione di un organismo, ma in realtà si tratta principalmente di batteri migliorati.

Il testo continua sotto la foto.

Sesso sulla nostra pelle

Lo studio mostra anche che gli insetti non contengono melatonina. Di conseguenza, non tollerano bene il sole e sono quindi attivi solo di notte. Quindi osano uscire dai loro pori e camminare a una velocità massima di 1 centimetro all’ora. E non solo lo fanno. Stanno cercando un partner, dice lo studio. “Sapevamo che potevano riprodursi, ma pensavamo che fosse più asessuale, che potessero duplicarsi. Ma ora sembra che possano anche riprodursi sessualmente in modo efficace”, spiega il bioingegnere.

READ  Restringimento del cervello e danni dopo l'infezione da corona

Lo studio ha rivelato che le creature si deteriorano geneticamente. Gli acari del follicolo pilifero sono mutati nel corso degli anni e sono quindi diventati più dipendenti da noi. Di conseguenza, si teme che siano in pericolo di estinzione. Anche se Callewaert non pensa che andrà così velocemente. “Senza umani, muoiono. È vero”, ha detto. “E possono davvero scomparire in milioni di anni. Ma l’uomo esiste ancora?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.