Studio UMCG: le condizioni del malato di cancro sono migliorate significativamente entro un mese grazie all’allenamento intensivo.  “Spingere porta a una prognosi migliore”

Studio UMCG: le condizioni del malato di cancro sono migliorate significativamente entro un mese grazie all’allenamento intensivo. “Spingere porta a una prognosi migliore”

L’allenamento intensivo per quattro settimane prima dell’intervento chirurgico migliora le condizioni dei malati di cancro al pancreas in cattive condizioni di salute in media del 12-14%.

Questo è uno dei risultati di uno studio condotto dai ricercatori dell’UMCG e dell’UMC+ di Maastricht sul miglioramento delle cure per la chirurgia pancreatica. I risultati sono importanti, affermano i medici-ricercatori Heleen Driessens e Allard Wijma dell’UMCG, perché è stato stabilito che i pazienti più sani si riprendono meglio dopo l’intervento chirurgico, trascorrono meno tempo in ospedale e, si spera, hanno una migliore qualità della vita.

Trenta pazienti con cancro al pancreas sono stati selezionati per lo studio. “Le persone con cattive condizioni fisiche e salute compromessa a causa della malattia di base, poiché i maggiori guadagni in termini di condizioni possono essere ottenuti in questa categoria di pazienti”, afferma Wijma. Se la condizione fisica dei pazienti è al di sotto di una certa soglia, il rischio di complicanze dopo interventi chirurgici maggiori è maggiore. La formazione mira a elevare la condizione dei pazienti al di sopra di questa norma. Wijma: ,, Nella stragrande maggioranza dei casi ha funzionato. »

cancro aggressivo

Il cancro al pancreas è aggressivo. I pazienti che sono ancora idonei alla chirurgia dopo la diagnosi dovrebbero sottoporsi a intervento chirurgico per rimuovere il tumore a breve termine. Ciò significa che l’intervento viene spesso eseguito entro 4-6 settimane e quindi è necessario un allenamento intensivo in un breve periodo di tempo.

Nello studio, ai pazienti è stato richiesto di eseguire un allenamento ad intervalli ad alta intensità (HIIT) tre volte alla settimana su una cyclette a casa per quattro settimane prima dell’intervento chirurgico. Lo scopo di questa formazione domiciliare era migliorare la condizione di base dei pazienti con condizioni fisiche ridotte. I pazienti hanno anche ricevuto esercizi muscolari per allenare la forza muscolare, l’equilibrio e la coordinazione. In media, la condizione fisica è aumentata del 12-14%. Il paziente con i maggiori progressi nella forma fisica ha ottenuto un aumento del 18%.

READ  I dispositivi indossabili accettano questi 10.000 passi al giorno?

Prospettive migliori

“Vuoi dare ai pazienti in cattive condizioni di salute una spinta verso una condizione migliore e quindi una prospettiva migliore”, afferma Driessens. Secondo lei, questi risultati mostrano che si può fare, anche in quattro settimane. “Quello che non sappiamo ancora è perché un paziente accumula più problemi dell’altro”, afferma Driessens. In una nuova ricerca, i ricercatori dell’UMCG si concentreranno sul fatto che il guadagno di forma fisica sia ottenuto principalmente nel sistema cuore-polmone o nella resistenza muscolare.

Driessens sta anche avviando un’ampia ricerca di follow-up in tutti gli ospedali dei Paesi Bassi dove vengono eseguite operazioni al pancreas. Entro tre anni, ciò dovrebbe consentire di avere dati su 1.000 pazienti che hanno seguito un programma di pre-riabilitazione prima dell’operazione. Ciò include non solo l’esercizio fisico, ma anche diete più sane e altri interventi sullo stile di vita (come smettere di fumare) per rendere il paziente più in forma prima dell’operazione. Questi dati vengono quindi confrontati con i dati di 1000 pazienti con cancro al pancreas che non hanno ricevuto questo supporto aggiuntivo.

Eccezionale

Alla fine, il personale dell’UMCG spera di utilizzare i risultati per convincere gli assicuratori sanitari a rimborsare la preabilitazione. Driessens e Wijma trovano straordinario il fatto che, nonostante i risultati positivi sulla salute, la preabilitazione sia attualmente rimborsata solo nell’ambito della ricerca scientifica.

Dal 2019, l’UMCG dispone di una clinica ambulatoriale di preabilitazione, istituita dal chirurgo HPB Joost Klaase, promotore anche di Driessens e Wijma. Anche in altre forme di cancro, come il cancro del colon-retto e dell’esofago, e nei trapianti di fegato, ci si aspetta molto dai programmi di pre-adattamento (su misura per il paziente). Groningen sta cercando di aprire la strada nei Paesi Bassi. A fine settembre l’UMCG organizza un convegno nazionale sul tema della preabilitazione. Driessens: “In definitiva, l’obiettivo è che questo diventi una parte standard delle cure preoperatorie”.

READ  Possiamo monitorare la malattia di Parkinson con un orologio connesso? Salute e scienza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *