sui contagi, tramite nuove restrizioni (mentre i vaccinati sono pochissimi) – Corriere.it

Due paesi asiatici che per motivi diversi (e in modi diversi) finora sembravano aver tenuto a bada l’epidemia di coronavirus, ora sono alle prese con un aumento dei casi sul loro territorio e hanno deciso restrizioni generali: si tratta Giappone e Taiwan.

Picco nella quarta ondata

il Giappone (tra i conflitti interni) trova difficile sfidare il giochi Olimpici insicurezza, ma è nel mezzo del quarta ondataPeggio di tutto, di gran lunga: all’inizio di marzo, il paese registrava circa 1.000 nuovi casi al giorno, ora quasi 6.000, riferiscono i funzionari sanitari un numero crescente di varianti, di cui 26 del ceppo rilevato per la prima volta in India. Il Giappone ha registrato più di 620.000 infezioni (su 126 milioni di persone) e 10.000 morti dall’inizio della pandemia, ma ora il governo è criticato per non aver annullato definitivamente le Olimpiadi e per campagna di vaccinazione molto lenta che ha portato all’approvazione di una droga, Pfizere vaccinazione (con una dose) di solo il 3,18% della popolazione (in Italia siamo quasi il 30%).


Restrizioni e campagna di vaccinazione

Quindi venerdì il primo ministro Yoshihide Suga ampliato di nuovo stato di emergenza che durerà fino alla fine di maggio: sono state raggiunte da 6 a 9 zone, tra cui Tokyo, Hokkaido, Hiroshima, Osaka e Okayama. Le persone sono esortate a rimanere a casa tranne che per la spesa essenziale, soprattutto dopo le 20:00, e dovrebbero astenersi dal muoversi fuori dalle loro prefetture. I bar, le sale karaoke e la maggior parte delle strutture di intrattenimento saranno chiusi e i ristoranti non dovranno servire alcolici. Il governo ha imposto altri due precedenti stati di emergenza durante la pandemia, molto “più miti” rispetto ai blocchi totali visti in molti paesi. Nel dominio di Osaka, ora il più colpito da Covid, gli ospedali sono pieniMolti aspettano a casa o in hotel con l’ossigeno e più di una dozzina di pazienti sono morti senza avere un letto d’ospedale. Il coronavirus in Giappone viene effettivamente trattato solo negli ospedali pubblici o universitari.

READ  Un bambino di 3 anni uccide il fratello di 8 mesi con un proiettile in Texas

Taro Kono, il ministro incaricato della campagna di vaccinazione, ha attribuito il ritardo nella vaccinazione a rigoroso sistema di approvazione dei farmaci del paese.

Ad oggi, il vaccino della Pfizer-BioNtech è l’unico vaccino approvato dalle autorità sanitarie e il paese fa molto affidamento sulle forniture provenienti dalle piante europee. Tuttavia, l’annuncio di oggi è che il Giappone ha firmato un contratto con la società farmaceutica Pfizer per fornire ulteriori 50 milioni di dosi del vaccino contro il coronavirus entro settembre. E il 20 maggio autorizzerà anche Moderna e AstraZeneca con cui il dirigente ha firmato contratti di fornitura rispettivamente per 50 milioni di dosi e 60 milioni di dosi.

Confronti a tre vie

Sebbene i casi siano in aumento, sia in Giappone che a Taiwan, stiamo parlando numeri molto bassi: In confronto con l’Italia, la media giornaliera di nuovi casi a settimana è di 6.630 in Italia e 5.552 in Giappone.

Taiwan ha solo 11 anni. Se confrontiamo questo numero con la dimensione della popolazione che abbiamo 127,53 casi medi settimanali per milione di abitanti in Italia, 51,08 in Giappone e 0,67 a Taiwan.

Il rapporto positivo / tampone è dell’1,23% in Italia, dello 0,80% in Giappone e dell’1,40% a Taiwan.

Infine i morti: il picco della terza ondata italiana ha raggiunto i 477 morti nell’aprile 2021, il picco giapponese è stato appena raggiunto a maggio con 97 morti (più alto in questa quarta ondata che nelle altre).

In totale sono stati quasi 124.000 i decessi in Italia, in Giappone poco più di 11.000 e solo a Taiwan 12. Il numero totale di casi su una popolazione di circa 24 milioni di persone è stato di 1.290. C È proprio questo risultato che rende l’isola cinese un eccezione assoluta.

READ  Francia, butta fuori dal finestrino una testa mozzata: l'orrore a Tolone
A Taiwan, solo 1.290 casi totali, ma 180 al giorno a maggio

L’isola non si è mai chiusa a chiave e le persone sono state abituate a vivere una vita quasi normale. Per questo è sorprendente la denuncia dell’aumento dei contagi e del relativo inasprimento dei limiti.

L’isola si chiuse immediatamente e si applicò rigorosamente tracciamento e test dei contatti e il quarantene rigida per i pochissimi viaggiatori in arrivo. I controlli della temperatura e la sanificazione delle mani sono sempre stati comuni e le maschere sono necessarie all’inizio in molti luoghi pubblici (ma non nelle scuole).

A partire da questa settimana, tuttavia, le restrizioni a Taipei hanno raggiunto il livello più alto dall’inizio della pandemia dopo a record giornaliero di 180 nuove infezioni trasmesso localmente. Il governo ha innalzato le restrizioni nella città al livello 3 su 4 e sebbene non si trattasse di un blocco totale, alcuni residenti sono andati nei supermercati per fare scorta di cibo, carta igienica e altre cose essenziali.

Le restrizioni includono il divieto di riunioni al chiuso di più di 5 persone, riunioni all’aperto di 10 persone e l’obbligo di indossare maschere all’esterno per la prima volta.

Molti luoghi di intrattenimento pubblico in tutta l’isola saranno chiusi (niente uffici, scuole o ristoranti). Il sindaco di Taipei Ko Wen-je ha esortato le persone a rimanere a casa il più a lungo possibile, aggiungendo che le scuole dovrebbero attivare l’istruzione online.

Onda aerea, quasi non vaccinata

L’aumento dei casi sembra essere iniziato alla fine di aprile da un gruppo di lavoratori aerei. I confini di Taiwan sono stati perlopiù chiusi ai visitatori stranieri dalla primavera scorsa, ma lavoratori non taiwanesi altamente qualificati sono stati ammessi nell’ambito di un programma chiamato “carta d’oro”, che il governo ha energicamente promosso per la pandemia. Dal 31 gennaio dello scorso anno sono state emesse più di 1.600 carte oro, più di quattro volte rispetto al 2019 e una sorta di “Fuga di cervelli inversa”.

D’altra parte, sono pochissime le persone vaccinate sull’isola.: 0,14% della popolazione, in primo luogo perché non ce n’era mai bisogno, ma anche perché le autorità non hanno scelto il vaccino cinese e ne hanno ordinato milioni di dosi Moderna e AstraZeneca, ma hanno ricevuto pochissimo.

La situazione globale di Covid: istantanee

READ  Il G7, Johnson e Biden firmano una nuova Carta atlantica. Presidente Usa: "Saremo l'arsenale mondiale dei vaccini"

15 maggio 2021 (modificato il 15 maggio 2021 | 17:57)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *