Super Cashback, pagamento di 1.500 euro lungo il percorso

Arrivano buone notizie per 100.000 contribuenti che vedranno accreditati 1.500 euro sul proprio conto corrente, senza dover fare richiesta. Ecco cosa sta succedendo.

Foto © AdobeStock

Dicembre è arrivato, portando con sé le vacanze dell’ultimo mese dell’anno che tanto amano grandi e piccini. Con l’avvicinarsi del Natale, c’è molto da fare acquisti beni e servizi di ogni genere, destinati alla donazione ad amici e parenti. A tal fine, ovviamente, devi sborsare il soldi e proprio per questo non possono passare inosservate notizie di circa 100.000 contribuenti.

Arrivano, infatti, direttamente sui loro conti correnti. 1.500 euro. Se tutto questo non bastasse, gli interessati non devono fare alcuna richiesta, perché l’accreditamento è automatico. Il Ministero delle Finanze, infatti, effettua i versamenti in questione direttamente sul conto corrente dei beneficiari. Ma perché ? Quindi entriamo nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere al riguardo.

Soldi, 1.500 euro in arrivo sul conto corrente di 100.000 contribuenti grazie al Super Cashback

Come accennato, i pagamenti sono in corso 1.500 euro direttamente sul conto corrente di 100mila euro dei contribuenti che, a tal fine, non dovranno fare alcuna richiesta. Ma perché ? Bene, dovresti sapere che questi sono rimborsi del programma Super cash back.

A tal proposito vi ricordiamo che la precedente guida esecutiva Racconto deciso di lanciare il programma rimborso, con l’obiettivo di favorire l’utilizzo di diversi strumenti di pagamento elettronico, al fine di contrastare l’evasione fiscale. Per questo motivo si è deciso di garantire un Rimborso del 10%, fino ad un massimo di 150 euro, per le operazioni effettuate nel semestre di riferimento.

Ma non solo, il programma è stato di particolare interesse ottimo rimborso, con un premio di valore 1500 euro, destinato ai primi 100.000 utenti con il maggior numero di transazioni. È quindi proprio a quest’ultimo che in questi giorni verrà accreditato il rimborso del tanto atteso Super Cashback.

READ  Monete rare, anche i centesimi valgono oro: dai un'occhiata!

Addio Cashback, non tornerà nel 2022

Rimani sul RimborsoVi ricordiamo che il 30 giugno 2021 è stato l’ultimo giorno di questo programma. Il governo Draghi ha infatti deciso di congelare questa iniziativa, che quindi non è stata riconfermata per la seconda metà dell’anno.

Ma non solo, contrariamente alle aspettative, è poi sicuramente bloccato con il Manovra di bilancio 2022. L’iniziativa, che ha attirato l’interesse di 8,9 milioni di italiani fino a giugno e che era già stata sospesa, non tornerà quindi nel 2022.

Per ora, quindi, non mi resta che farmi pagare Rimborsi Super Cashback. Questi ultimi, come già accennato, sono destinati ai primi 100.000 partecipanti al programma che, dal 1 gennaio al 30 giugno 2021, hanno totalizzato il maggior numero di transizioni.

Super Cashback, pagamenti in movimento: tutto quello che c’è da sapere

Come già anticipato, il governo ha deciso di salutare definitivamente il cashback che, quindi, non tornerà con l’inizio del nuovo anno. Spesso oggetto di controversoUno degli incentivi più popolari è stato il Super Cashback.

Quest’ultimo ha infatti spinto molte persone a usare trucchi di tutti i tipi pur di scalare le classifiche. Il trucco di dividere un singolo acquisto in più piccoli pagamenti. Una situazione che di certo non è passata inosservata e che potrebbe avere delle ripercussioni.

Potrebbe essere, infatti, in corso una revisione di chi ha effettuato le microtransazioni per aumentare il numero degli incassi e scalare così le classifiche. Forse questo potrebbe essere uno dei motivi per cui i pagamenti sono in ritardo.

Il pagamento automatico doveva essere effettuato entro 30 novembre, come stabilito dal D.lgs. n. 99 approvato dal Consiglio dei ministri del 30 giugno 2021. Tuttavia, i pagamenti potrebbero essere differiti di 10 giorni dalla data fissata, ma comunque non oltre la metà di dicembre.

READ  Kaag sulle sanzioni contro la Russia: niente soldi, niente macchine da guerra

LEGGI ANCHE >>> Poste Italiane, sicuramente saltare la fila agli sportelli è possibile: la cosa che non ti aspetti

Buone notizie quindi per i 100.000 contribuenti interessati, che potranno beneficiare di redditi aggiuntivi direttamente sul proprio conto, senza dover fare una richiesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.