Svolta: gli scienziati sentono il nostro universo ronzare per la prima volta.  “Ascoltano con stelle morte una sinfonia cosmica” |  Scienza e pianeta

Svolta: gli scienziati sentono il nostro universo ronzare per la prima volta. “Ascoltano con stelle morte una sinfonia cosmica” | Scienza e pianeta

15 anni… ecco quanto tempo ci è voluto agli astronomi per sentire il nostro universo ronzare per la prima volta. Ci sono riusciti usando grandi telescopi e stelle morte. Centinaia di scienziati in tutto il mondo hanno contribuito a questo importante passo avanti. Ma cosa hanno scoperto esattamente gli scienziati? Come hanno fatto questo? E cosa significa questo per noi? Spiega il giornalista scientifico Martijn Peters.



“Gli scienziati hanno scoperto le onde gravitazionali”, inizia Peters. “Per essere più precisi, ne hanno sentito gli echi ronzare. Una sorta di rumore di fondo del nostro universo. Tale onda gravitazionale è un’increspatura nello spaziotempo che si verifica durante eventi estremamente energetici e violenti nel nostro universo. Ad esempio, la collisione di due buchi neri. Puoi in qualche modo confrontare questa collisione con il lancio di una pietra in uno stagno. Queste onde viaggiano quindi attraverso il nostro universo alla velocità della luce.

Albert Einstein predisse l’esistenza di queste onde gravitazionali già nel 1916, ma gli scienziati impiegarono quasi 100 anni per osservarle e dimostrare la loro esistenza. “Nel 2015, gli astronomi hanno osservato per la prima volta un’onda gravitazionale di questo tipo. Quindi cosa c’è di così nuovo in questa scoperta? Bene, all’epoca era un’onda gravitazionale a onde corte, lunga solo poche migliaia di miglia. Così più facile da osservare. Ma ora hanno sentito il ronzio delle onde gravitazionali che hanno un diametro di anni luce, quelle che hanno lunghezze d’onda lunghe.

READ  Cos'è l'entropia? Scopri uno dei concetti più complicati della fisica

Scopri di più sotto l’immagine.

Un'onda gravitazionale è un'increspatura nello spaziotempo creata da eventi estremamente energetici e violenti nel nostro universo, come due buchi neri in collisione.
Un’onda gravitazionale è un’increspatura nello spaziotempo creata da eventi estremamente energetici e violenti nel nostro universo, come due buchi neri in collisione. © Getty Images/Scienza Foto Bilancia



“Quando sai quanto è gigantesco il nostro universo, potresti chiederti perché il nostro universo non è un ronzio costante di onde gravitazionali causato da ogni genere di cose che accadono in esso. Il fatto che non possiamo non osservarlo è perché la nostra terra è semplicemente troppo piccolo. Non rileverai queste onde gravitazionali sulla scala degli anni luce con gli strumenti che abbiamo ora.”

È così che gli scienziati hanno avuto un’idea geniale. “Hanno usato stelle morte, pulsar. Sono stelle di neutroni che ruotano alla velocità della luce ed emettono luce nel processo”, afferma Peters. “Sono, per così dire, giganteschi fari nella nostra galassia da cui sai esattamente quando aspettarti un lampo di luce. Ma quando una tale increspatura nello spaziotempo si frappone tra noi e la pulsar, questo provoca improvvisamente un cambiamento nella durata del lampeggia.

Scopri di più sotto l’immagine.

Gli scienziati hanno utilizzato dozzine di queste pulsar per costruire un telescopio gigante delle dimensioni della nostra Via Lattea.
Gli scienziati hanno utilizzato dozzine di queste pulsar per costruire un telescopio gigante delle dimensioni della nostra Via Lattea. © Getty Images/Scienza Foto Bilancia

Gli scienziati hanno usato dozzine di queste pulsar per costruire un gigantesco telescopio delle dimensioni della nostra Via Lattea che alla fine ha mostrato l’impronta digitale di queste onde gravitazionali a lunga lunghezza d’onda. “È fantastico che con la nostra ingegnosità ora possiamo ascoltare l’orchestra sinfonica del nostro universo con stelle morte”.

READ  l'ingegnoso strumento che puniva chi era troppo avido


“Questa nuova scoperta ci apre un mondo completamente nuovo. Ci dà l’opportunità di imparare tutti i tipi di cose nuove sul nostro universo, come il corso della vita delle galassie come la nostra Via Lattea. Le onde gravitazionali a lunghezza d’onda lunga possono essere causate da una varietà di eventi. Dalla fusione di buchi neri supermassicci alla rapida espansione dello spazio dopo il Big Bang. All’improvviso, ora stiamo guardando l’universo in un modo completamente diverso.

Marte attraverso gli occhiali UV: il nostro pianeta rosso non è mai apparso così alieno

La ricerca della vita extraterrestre è in pieno svolgimento. Ma come fanno gli scienziati a iniziare una cosa del genere? “Forse la nostra visione è troppo ristretta” (+)

GUARDARE. Lo scioccante video della NASA rende visibili le emissioni di CO2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *